18 Giugno 2021

Vedano, Giovanissimi 2006, parla il tecnico Sposato: «Puntiamo a vincere il campionato; non smettiamo di credere a una ripartenza»

Le più lette

Seregno-Sporting Franciacorta Serie D: la doppietta del capocannoniere Alessandro mette la ciliegina sulla stagione da sogno della squadra di Franca

È una di quelle giornate dove il triplice fischio ha solo una conseguenza possibile, ossia quello di un caloroso...

Padova-Alessandria Serie C: ci provano Hallfredsson ed Eusepi, ma i discorsi per la Serie B sono rimandati al ritorno

Ogni discorso di promozione in Serie B è rimandato a giovedì prossimo, perché il match di oggi tra Padova...

Antoniana-Accademia BMV Pulcini: non bastano i fantastici gol di Rottini-Tripodi per i giallorossi, spettacolo di Tano, Belli e Tavarone

Dopo le scoppiettanti vittorie delle scorse settimane, Antoniana e Accademia BMV s'incontrano oggi in un match avvincente sin dal primo minuto,...

I Giovanissimi 2006 del G.S. Vedano puntano, per non dire puntavano, alla vittoria del campionato. Ne è convinto il tecnico Angelo Sposato, da qualche anno alla società monzese. Portiere da giocatore, poi allenatore proprio dei difensori tra i pali, con il Vedano Sposato ha fatto un passo importante di carriera: «Quando per motivi di lavoro non ho più potuto giocare, mi sono appassionato al ruolo di tecnico. E dopo qualche anno come preparatore atletico dei portieri, ho deciso di passare a seguire i giocatori di movimento, poiché mi intrigava questo passaggio. Il Vedano è stata la mia prima società da allenatore “su tutto il campo”». Dopo aver seguito l’annata dei 2007 per tre anni, e dopo aver ottenuto il patentino Uefa B, nella stagione 2019/2020 ad Angelo la società ha affidato la guida tecnica dei 2006, appena saliti nella categoria dei Giovanissimi. «La scorsa stagione non abbiamo raggiunto il campionato regionale per pochissimo, in quanto abbiamo perso lo scontro diretto finale con il Seregno»; un unico punto di rammarico per l’allenatore, che è fiducioso del gruppo giunto agli Under 15: «Ho scelto di seguire la stessa annata nella categoria superiore, che gioca sempre un campionato provinciale. Sono molto soddisfatto della squadra, ritengo sia di qualità e molto competitiva; uno dei nostri l’anno scorso è stato capocannoniere della sua categoria». Con quella stessa fiducia i vertici del Vedano avevano concordato con Sposato un inizio anticipato della preparazione atletica, in vista della stagione 2020/2021: «Ad Agosto abbiamo ripreso ad allenarci insieme dopo molti mesi nei quali non ci eravamo visti sul campo. Abbiamo rimesso in sesto la squadra; accanto a un paio di partenze si sono aggiunti nuovi innesti che hanno migliorato la qualità della rosa, come hanno dimostrato le amichevoli che abbiamo disputato». Meritevole anche l’inizio del campionato, racconta il tecnico, con il primo match conclusosi in parità contro la Ba.Se 96: «Abbiamo giocato quasi tutta la partita in dieci, e i ragazzi hanno fatto un’ottima prestazione. Secondo me meritavamo qualcosa in più, proprio per come abbiamo disputato la partita». Anche se la stagione si è interrotta sul nascere, Sposato non ha allentato la presa, speranzoso in una ripresa futura delle competizioni: «Quest’anno puntavamo sicuramente a vincere, e io ancora voglio credere sia possibile una ripartenza del calcio, con tutte le precauzioni possibili. Ecco perché questi mesi ho continuato ad allenare i ragazzi attraverso sedute individuali a distanza, a cui si aggiungeva almeno una volta alla settimana una videochiamata di gruppo per una sorta di “allenamento di squadra”, ovviamente il tutto a corpo libero. L’obiettivo non era tanto il miglioramento atletico, fisico, quanto tenere unito il gruppo e la motivazione dei ragazzi alta». Un passo in avanti, fortunatamente, ci sarà nelle prossime settimane, racconta Angelo: «In questi giorni potremo riprendere finalmente le sedute di allenamento in presenza. È dalla prima settimana di novembre che non vedo i ragazzi, dopo che per un periodo a ottobre vi era stata la possibilità di continuare con gli allenamenti individuali, pertanto siamo emozionati». E tutti speriamo sia solo l’inizio di una strada in discesa.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli