21 Settembre 2020 - 16:04:32
sprint-logo

Biassono Under 17, l’intervista a Fabio Santamaria: «Stavamo raccogliendo quanto seminato»

Le più lette

Castanese-Vergiatese Eccellenza: granata spreconi, la Castanese parla Greco

Ai punti avrebbe dovuto spuntarla la Vergiatese soprattutto per quanto fatto nel primo tempo ma la Castanese, per la...

Città di Varese Serie D, colpo in attacco: c’è il centravanti Ameth Fall

Il Città di Varese ha scelto il suo centravanti: si tratta di Ameth Fall, classe 1991, reduce dalle ultime...

SuperOscar, tutti i risultati dei quarti di finale: 2004, Eureka e Borgaro ammazzagrandi

Prima metà dei quarti di finale per le quattro categorie del settore giovanile, il tabellone verrà completato giovedì, dopodiché...

Dalle parole di Fabio Santamaria traspare incertezza, ma soprattutto quella speranza che non vuole darsi per vinta: «La stagione non è ancora conclusa, non mi è arrivata alcuna comunicazione». Una speranza che poggia sui 53 punti in classifica del suo Biassono Under 17, sul solo punto di distacco dalla capolista Leo Team e sulla voglia di vincere il campionato. Con una sola partita persa, per i ragazzi classe 2003 di Fabio Santamaria la stella polare brillava fortissima, prima dell’interruzione a causa dell’emergenza sanitaria: «La stagione stava andando veramente bene. Dall’inizio del campionato abbiamo recuperato molti punti, in un continuo crescendo; abbiamo fatto una vera scalata della classifica». E il tecnico non ha dubbi su quale sia il match che ha segnato in positivo il tentativo di crederci fino in fondo, arrivato poco prima della sospensione del calcio giocato: «Sicuramente il derby di ritorno con la Leo Team è stata una partita fondamentale, di svolta: abbiamo vinto meritatamente 3-1, e da lì il nostro percorso è stato un crescendo». Una prova di grande carattere e qualità, quella dei rossoblù, che hanno approcciato la gara con convinzione e una giusta dose di fame agonistica, atteggiamenti che hanno permesso ai ragazzi di Santamaria di speronare il carro della capolista. La carta vincente? «Tanto impegno per costruire un gruppo affiatato e omogeneo. E’ il secondo anno che alleno questi ragazzi; la stagione passata abbiamo seminato i tasselli giusti, lavorando in sordina per essere più competitivi quest’anno. Posso dire che siamo riusciti nell’intento: il gruppo ora è collaudato, e tutta la squadra si muove bene. Certo, ci sono stati dei nuovi arrivi, ma si sono integrati alla perfezione». Per continuare a rincorrere il primo posto, però, occorrerà attendere la decisione definitiva della Figc sul futuro del campionato, e la voce del tecnico è sintomatica dello stato d’animo degli Under 17 rossoblù: «I ragazzi hanno preso molto male questa interruzione, vogliono tornare tutti a giocare per proseguire nel nostro cammino». La situazione coronavirus, per fortuna, non li ha colpiti direttamente, ma rimangono gli strascichi della delusione e dell’attesa: «Mi tengo naturalmente in contatto con la squadra, sento tutti tramite Skype. Ho inviato anche dei programmi di allenamento, da svolgere secondo le loro possibilità». Non ha intenzione di mollare, Santamaria, e nemmeno i ragazzi del Biassono. Il titolo rimane l’obiettivo di questa stagione, anche se è inevitabile porsi già qualche domanda sul prossimo anno: «Sulla prossima stagione non posso dire ancora nulla, perché questa interruzione ha reso precaria prima di tutto la situazione attuale. Quello che è certo è che, a prescindere dalla sua evoluzione, sono molto contento di tutti i miei ragazzi, e di essere il loro allenatore. Non vedo l’ora di rivederli e tornare ad allenarci».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli