13 Agosto 2020 - 00:14:03

La promessa di Gianluca Testa dell’Oratorio Cuvio: Una grande festa di società quando potremo tornare a giocare

Gianluca Testa sogna di dare il "bentornato" in campo ai suoi ragazzi con una grande festa prima di poter portare a termine la stagione

Le più lette

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Senza calcio da un mese e con una promessa per tutta la grande famiglia biancoviola dell’Oratorio Cuvio: «Quando potremo tornare all’attività la prima cosa che faremo sarà organizzare una festa con tutti i tesserati dalla prima squadra ai primi calci. Speriamo di poterla organizzare presto perché vorrebbe dire che tutta l’Italia ha vinto la battaglia». Il presidente dell’Oratorio Cuvio Gianluca Testa sogna così di dare il “bentornato” in campo a tutti i suoi tesserati per quello che sarà un finale di stagione diverso dal solito. La prima squadra, a nove lunghezze dal Città di Varese in Terza Categoria, proverà a regalarsi il salto di categoria tramite i playoff, mentre l’Under 15 a chiudere nel migliore dei modi in un girone dall’alto contenuto tecnico: perché la volontà, così come in tutte le società, è quella di poter concludere la stagione, mettendo anche in preventivo le difficoltà che deriverebbero dalla mancata organizzazione dei tornei. «La priorità è la salute di tutti coloro che vanno in campo, tanto che avevo preso la decisione di sospendere gli allenamenti delle giovanili appena le scuole sono state chiuse – dice Testa – Tra maggio e giugno c’è tutto il tempo per chiudere bene la stagione: se dovessero farci giocare degli infrasettimanali la Federazione dovrebbe tendere la mano anche ai club senza l’illuminazione omologata». Come tutte le realtà anche la Valcuviana dovrà fare i conti con le difficoltà legate alla mancata organizzazione dei tornei, per questo si auspica un “aiuto” dal Comitato in sede di iscrizione: «Mi auguro che almeno per le prime squadre venga azzerata la tassa di iscrizione che per una Terza Categoria è oltre 1.500 euro. Magari sarebbe bello potersi confrontare con gli altri dirigenti per sentire il parere di tutti», chiude Gianluca Testa che, in queste settimane, ha organizzato per tutti i suoi atleti del settore giovanile un contest per #iorestoacasa.

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli