14 Aprile 2021

Malnatese Under 16: Lotta, grinta e cuore: è questa la squadra di Frigerio

Le più lette

Spazio Talent Soccer: ecco Mugavero, dalla prossima stagione allenerà i 2005

Nuovo innesto in casa Spazio Talent Soccer: dalla prossima stagione Giuseppe Mugavero allenerà i 2005 che, a meno di...

Club Milano-Accademia Pavese Eccellenza: Doria entra e trascina i ragazzi di Scalise, ai biancorossi non basta una grande prova di Catania

La partita dei "quindici minuti" vede esultare il Club Milano, costringendo l'Accademia Pavese a leccarsi le ferite. Nei primi...

Pergolettese Serie C, nuovo cambio a sorpresa: esonerato Luciano De Paola, squadra al secondo Albertini

Dal suo arrivo nel mese di novembre aveva portato la Pergolettese in acque meno tempestose Luciano De Paola, con...

“In questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra ci massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un centimetro, ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta”. Ecco forse non sarà uguale ad Al Pacino nel celebre film Ogni maledetta domenica, ma di certo i discorsi che Maurizio Frigerio fa alla sua under 16 della Malnatese non vanno molto lontano per quanto riguarda la carica e la motivazione prima di ogni partita da disputare. Sì, perché ci possono essere tanti modi di vedere il calcio, ma per Frigerio le parole d’ordine per vivere e far vivere questo sport sono poche e semplici: lotta, grinta e cuore, da mettere in campo dal primo all’ultimo minuto di ogni singola partita.

Una filosofia precisa, che è andata ad alimentarsi nel corso degli oltre 15 anni di carriera tra squadre di Varese e Como, e che da ormai due anni è a disposizione della società del presidente Marco Bernasconi, nella quale Frigerio ha trovato terreno fertile per poter portare avanti le sue idee ed il suo lavoro, come racconta lui stesso: «Qui a Malnate ho trovato ho trovato un bellissimo ambiente, un gruppo di persone coeso ed in cui soprattutto c’è programmazione: molte volte infatti mi era capitato di fare delle esperienze in cui non c’era un progetto, ed in cui alla fine dell’anno non si avevano idee su come affrontare il successivo. Qui a Malnate non è così, c’è un’ampia cura dei dettagli, dei ragazzi e delle persone, ed è un ambiente in cui mi trovo molto bene ed in cui si può fare un buon lavoro».

Non poteva quindi trovare posto migliore Frigerio per portare una visione di calcio capace di coinvolgere appieno i suoi giocatori sia in campo che fuori: «La mia filosofia è semplice: per me non si molla e non ci si arrende mai. Durante la settimana io carico i ragazzi come una molla, voglio che sentino la partita e non che ci arrivino tanto perché bisogna farla, questo perché credo che il fattore mentale incida tantissimo, soprattutto a questa età. Proprio perché sono ragazzi giovani cerco di coinvolgerli a 360° non fermandomi solo al lato calcistico, ma parlando con loro anche dei problemi che hanno fuori: così come voglio che loro mi diano tutto in campo, anche io voglio poter essere disponibile al 100% per loro. Semplicemente penso sia così che si costruisca una squadra».

Valori che possono essere tutti racchiusi nella partita della passata stagione contro il Verbano, vera e proprio partita simbolo di questa squadra. I ragazzi di Frigerio infatti si presentavano nella tana della capolista da autentici sfavoriti, contro una squadra che fino ad allora stava macinando vittorie. Tuttavia, come si è detto, se c’è una cosa che a questa Malnatese di certo non manca è la motivazione: per tutta la partita infatti, con grinta e forza di volontà, metteranno in seria difficoltà il Verbano, il quale riuscirà a passare solo nel finale, vincendo 1-0, ma non risparmiando i complimenti a fine gara, per una squadra che fino all’ultimo secondo aveva dato tutto, esattamente come nella filosofia del proprio allenatore.

Per quanto riguarda questa stagione invece, dopo la sola ed unica giornata disputata prima dello stop, lo spiraglio della ripresa degli allenamenti si è aperto anche per la Malnatese, che appena ha potuto ha ricominciato subito l’attività: «Siamo partiti a svolgere gli allenamenti individuali appena ci è stato dato il via libera, e devo dire che su una rosa di 22 ragazzi, hanno risposto in un buon numero, anche se spero che nel giro di un paio di settimane possa avere tutti i ragazzi a disposizione. Per ora stanno lavorando tutti con voglia ed impegno, però naturalmente l’emozione e la tensione di una partita da affrontare nel fine settimana manca, e speriamo possa tornare il prima possibile».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0