Villa Cassano-Ispra 3-4: Remuntada Ispra, inferno Villa Cassano

509

La gioia incontenibile dell’Ispra, gli sguardi bassi dei giocatori del Villa Cassano: due facce della stessa medaglia, di una finale infinita da consegnare alla memoria storica del calcio provinciale. Da 0-3 a 4-3, tutto in quarto d’ora, quello finale. Lamorte, Piras, Vismara e Sardo gli uomini della provvidenza, coloro che hanno firmato una pagina memorabile e “cancellato” il doppio errore di Peri sulle prime due marcature cassanesi. Per il Villa Cassano lo sprofondo dell’ultimo quarto d’ora va analizzato pesando tutti gli elementi: la sostituzione di Delpiano, appena dopo il 3-0, è stato il “peccato originale” a cui devono essere aggiunti un fuorigioco non ravvisato da Carlucci che ha dato il là al 3-1 e l’inferiorità numerica (infortunio di Croci) sulla quale è arrivato il 3-3. «Ci mancavano dei giocatori fondamentali e alla fine non ne avevamo più. Il calcio è questo», la sintesi di Claudio Duchini. Il bello e il brutto del calcio l’ha vissuto anche l’Ispra sulla propria pelle viste le decisive incertezze di Peri sulla rete di Zamagna (tiro da fuori che è riuscito solo a smorzare) e sul cross rasoterra di Briancesco sul quale poi Bassan ha realizzato il 2-0. Nel mezzo le emozioni non sono mancate: nel primo tempo l’Ispra ha colpito un palo con Vismara (28’) e il Villa Cassano – trascinato Delpiano, Salvato e Zamagna – ha mancato il raddoppio proprio allo scadere quando Croci ha mancato l’impatto sul servizio dalla destra di Briancesco. Marchetto, a inizio ripresa è straordinario su Vismara e Lamorte e, nel momento migliore, l’Ispra incassa il 2-0. Il 3-0 arriva pochi istanti dopo con un contropiede finalizzato in modo perfetto da Briancesco. Pare tutto apparecchiato per la festa cassanese e invece ecco materializzarsi l’incredibile: Lamorte dà speranza sul servizio di Cerutti (in off-side), poi il capitano Piras – sugli sviluppi di un corner – trova il tocco vincente in area piccola. La partita è definitivamente girata: Marchetto è decisivo sulla conclusione ravvicinata di Piras ma non può nulla su Vismara. Supplementari? Non ci crede nessuno, e infatti al 38’ ecco il sorpasso di Sardo, ancora su calcio angolo: Marchetto smanaccia quando la palla ha già varcato la linea. Ispra campione, al Villa Cassano tanti rimpianti.

Villa Cassano-Ispra 3-4
RETI (3-0, 3-4): 5′ Zamagna (V), 10′ st Bassan (V), 14′ st Briancesco (V), 22′ st Lamorte (I), 28′ st Piras (I), 33′ st Vismara (I), 38′ st Sardo (I).
VILLA CASSANO (4-3-1-2): Marchetto 7.5, Soardi 6.5, Patrini 6, Zamagna 7.5, Fin 7, Stevic 6, Lauria 6 (1′ st Bassan 6.5), Delpiano 8 (16’ st Negri 6), Croci 6.5, Salvato 7.5, Briancesco 7. A disp. Bori. All. Duchini 6. Dir. Salvato.
ISPRA (4-3-3): Peri 6, Sardo 9, Oliva 6.5, Giuliani 6.5 (15′ st Gargioni 6.5), Rossetti 7, Piras 9, Birigozzi 6.5 (38′ Baranzini 6.5), Pantano 6.5, Vismara 7.5 (40′ st Cataldi sv), Lamorte 7.5 (43′ st Baglio sv), Cerutti 7. A disp. Agostini, Lepre, Li Causi. All. Mazzetti 10. Dir. Baglio.
ARBITRO: Carlucci di Gallarate 5. Manca un rigore all’Ispra su Piras sul 2-0 e il 3-1 è viziato da un fuorigioco evidente.

Villa Cassano
Marchetto 7.5 Nella ripresa alza il muro con almeno tre prodezze ma non bastano.
Soardi 6.5 Riesce anche a mettere qualche cross.
Patrini 6 Attento quando viene affrontato. Nel domino finale si poteva fare meglio però.
Zamagna 7.5 La sblocca con un pizzico di fortuna. Lottatore vero.
Fin 7 Primo tempo monumentale al centro della difesa. Cala nel secondo.
Stevic 6 C’è Fin a guidare il reparto quindi è tutto pià semplice.
Lauria 6 La volontà non sempre basta. (1’ st Bassan 6.5).
Delpiano 8 È l’anima della squadra. Corre, rincorre e avvia l’azione dell’1-0.
Croci 6.5 Manca il colpo del ko ma finché ne ha è indomito.
Salvato 7.5 Il capitano può accendere la scintilla in ogni momento.
Briancesco 7 Qualche giocata evitabile ma sa quello che fa.
All. Duchini 6 Le assenze pesano, ma la gestione poteva essere differente.

Ispra
Peri 6 Ha i primi due gol sulla coscienza.
Sardo 9 Decide la finale con una zampata letale dopo una partita d’efficienza pura.
Oliva 6.5 A volte si arrangia con mestiere. Essenziale ma porta a casa la pagnotta.
Giuliani 6.5 Buona applicazione davanti alla difesa. (15′ st Gargioni 6.5).
Rossetti 7 Padrone della situazione. Sbroglia questioni complicate.
Piras 9 Leader indiscusso. Qualità anche da attaccante aggiunto.
Birigozzi 6.5 Dinamismo. È frenato da una botta. (38′ Baranzini 6.5).
Pantano 6.5 Pianta le tende e sbriga il suo compito con diligenza.
Vismara 7.5 Non era al top ma incide a modo suo. Determinante.
Lamorte 7.5 Uno lo manca, l’altro non lo sbaglia. Letale come sempre.
Cerutti 7 Il primo a portare pressione. Svaria e lotta sul fronte d’attacco.
All. Mazzetti 10 E sono quattro titoli. Ci ha sempre creduto anche sul 3-0.

GUARDA LE FOTO DELLA GIORNATA


Queste partite la trovi integralmente sul giornale in edicola, oppure se sei un abbonato sull’edicola digitale, insieme alle pagelle. Ricordati di scaricare la nostra Applicazione che trovi sia per i dispositivi Android che iOS. Potrai così aggiornare il risultato della tua partita Live. La redazione avrà poi il compito di reperire i risultati mancanti, di verificare che quelli inseriti dagli utenti siano definitivi, e inviare tramite push l’aggiornamento non appena il girone sarà completato. Per convenzione abbiamo scelto di colorare in rosso i risultati degli utenti e di trasformare in verde quelli verificati dalla redazione.