Arsaghese-Ispra 0-2: Verde e Lamorte decidono la finalissima

682

Dal “Franco Ossola” al “Vittore Anessi”, un anno dopo i colori del trono provinciale sono ancora quelli dell’Ispra. Questa volta, però, il sapore del trionfo è diverso visto che era già assicurato il biglietto di prima classe verso il piano superiore. Ispra nell’olimpo dopo una stagione difficile e allo stesso tempo appassionante, chiusa con 109 reti all’attivo e solo 12 al passivo. Numeri che bastano a fotografare un’annata da prima della classe, anche se nell’atto finale con l’Arsaghese c’è voluto molto più del previsto per sfangarla. Ma del resto i successi si costruiscono soffrendo, restando aggrappati con le unghie e anche con un pizzico di fortuna, e quella – sicuramente – non è mancata alla squadra di Paracchini che nel primo tempo è rimasta in piedi grazie a Contini sul mancino di Collenghi (2’) e poi sull’incrocio dei pali che ha respinto la zuccata di Bernasconi sugli sviluppi di un calcio d’angolo (34’). Ma partite come queste le risolvono i giocatori che hanno qualcosa in più, magari capitalizzando gli episodi. E l’Ispra sicuramente, su quel versante, è stata decisamente un passo avanti. Senza Cazzulli causa affaticamento Paracchini ha giocato la carta Francesco Verde e l’ex Verbano l’ha ripagato nel modo giusto, creando pericoli sulle corsie e – soprattutto – realizzando il gol dell’1-0 al tramonto del primo tempo con una sassata imprendibile dal limite dell’area. È stato l’episodio che ha girato una partita fino a quel momento di marca arsaghese. I rimpianti per la squadra di De Cicco vanno ricercati anche ricercati nella mancanza di gamba di chi avrebbe dovuto e potuto dare di più e nella poca fortuna nelle decisioni dubbie, come è stato il contatto sospetto in area su Piantanida al quarto d’ora della ripresa. Di occasioni, nonostante lo scollamento del centrocampo, l’Arsaghese le ha avute con il solito Collenghi ma l’Ispra, come nel primo tempo, è stata abile a sentenziare dopo un errore: palla persa in uscita da Gueye e Gioia innesca Lamorte che, dopo essersi visto smanacciare in presa bassa da Buso è abile a realizzare il 2-0. È la sentenza alla finale, almeno per quanto riguarda la parte del “calcio giocato” visto che i titoli di coda del match – sia in campo che negli spogliatoi – sono stati da censurare. Minuto 47’, Collenghi rimedia il secondo giallo a metà campo e, a ridosso della fascia destra succede qualcosa tra Cerutti e Gueye, con il centrocampista arsaghese che rimedia il rosso diretto dopo la reazione. Dopo la consegna della Coppa da parte di Lorenzo Bianchi e Adriano Maino tutto si è spostato negli spogliatoi dove gli staff delle due parti hanno avuto dei contatti ravvicinati, fortunatamente senza conseguenze. Chiusura censurabile di un pomeriggio che avrebbe dovuto essere di sana competizione.

Arsaghese-Ispra 0-2
RETI: 46′ Verde (I), 28′ st Lamorte (I).
ARSAGHESE (4-4-2): Buso 6.5, Guei 6.5, D’Aloia 6.5 (43′ st Tuttolomondo sv), Busin 6 (29′ st Diakhate 5.5), Marchioni 6.5, Bernasconi 7, Zivkovic sv (12′ Tamborini 6.5, 21′ st Massaro 6), Gueye 6, Pedrocchi 6 (11′ st Piantanida 6.5), Caprioli[99] 6, Collenghi 6.5. A disp. Cosentino, Agrini, Mazza, Nanni. All. De Cicco 6.5. Dir. Busin.
ISPRA (4-3-3): Contini 8, Cerutti 6 (47′ st Talerico sv), Della Marra 7.5, Becerri[98] 7.5, Piras 7, Dardha 6.5, Verde 8, Cammarata[99] 7 (12′ st Gioia 6.5), Sanchez 6.5 (43′ st Mondelli sv), Magistri 6 (50′ st Macella sv), Lamorte 8 (37′ st Lauria sv). A disp. Esposito, Bertuzzo. All. Paracchini 8. Dir. Crugnola.
ARBITRO: De Luca di Varese 5.5.
ESPULSI: 47′ st Diakhate (A), 47′ st Collenghi (A).


Questa partita la trovi integralmente sul giornale in edicola, oppure se sei un abbonato sull’edicola digitale, insieme alle pagelle. Ricordati di scaricare la nostra Applicazione che trovi sia per i dispositivi Android che iOS. Potrai così aggiornare il risultato della tua partita Live. La redazione avrà poi il compito di reperire i risultati mancanti, di verificare che quelli inseriti dagli utenti siano definitivi, e inviare tramite push l’aggiornamento non appena il girone sarà completato. Per convenzione abbiamo scelto di colorare in rosso i risultati degli utenti e di trasformare in verde quelli verificati dalla redazione.