Rappresentativa Juniores, l’ultimo allenamento della squadra di Cortelazzi

Le più lette

#stiamoincontatto, la seconda puntata di Bergamo: «Azzerare i costi delle iscrizioni della prossima stagione»

Mercoledì sera è andata "in onda", con l'applicazione Zoom Meetings, la seconda videoconferenza delle società bergamasche che si sono...

Le iniziative in tempi di fermo continuano, da gruppi Facebook trasversali a “coaching bag” virtuali

L’entusiasmo e le idee mostrate già settimana scorsa dal Bresso 2010 oltrepassano i confini societari con la creazione, da...

Under 15 Milano: Parla il tecnico del Calvairate Alessio Pirillo: «Nel mio calcio è fondamentale la superiorità numerica»

Diciassette partite giocate. Quarantasei punti. Quindici vittorie, un pareggio e una sconfitta. Centoventotto gol fatti e nove subiti. Sono...

L’allenamento inizia con una parte di stretching in cui Umberto Cortelazzi dà le ultime indicazioni ai ragazzi prima di iniziare. Successivamente si inizia con una parte di riscaldamento fisico alternato a delle andature, con delle progressioni da fondo campo fino all’altra parte. Si passa poi subito alla parte tattica in cui la squadra viene provata con due moduli diversi 4-3-3 oppure 4-3-1-2 concentrandosi soprattutto sulla fase difensiva su cui il tecnico ammette essere la zona del campo in cui migliorare. Sempre sulla tattica si passa ai calci da fermo; prima dei corner in cui si intravede una prova di marcatura a uomo e successivamente a zona, per poi passare ai calci da fermo sempre con massima attenzione al posizionamento della linea difensiva. Finita questa parte di tattica si passa alla visione dei calci di rigore in cui si mette in evidenza sicuramente l’estremo difensore neutralizzando diversi rigori. A fine gara abbiamo intercettato l’allenatore al quale abbiamo posto delle domande; la rosa viene considerata completa a parte qualche defezione come Travaglini, Sinameta e Formentoni, fermi per problemi fisici, ma contano di averli disponibili per il torneo; Come visto durante lo svolgimento dell’allenamento Cortelazzi predilige sicuramente la difesa a 4 e un centrocampo a 3, varierà davanti, infatti sostiene: «La squadra potrà variare senza difficoltà da un 4-3-3 o un 4-3-1-2, sicuramente la base sarà difesa a quattro e centrocampo a tre, davanti valuteremo – poi continua – La squadra ha buoni valori tecnici in tutti i reparti, ovviamente i giocatori nelle rappresentative non danno mai il 100%, ma sicuramente il livello è buono; non allenandoli tutti i giorni non è facile trovare un punto di forza, sicuramente dovremo lavorare bene sulla fase difensiva perché è vero che abbiamo sempre segnato, ma è anche vero che abbiamo anche sempre preso gol». Infine non si sbilancia sugli obbiettivi in vista del torneo, infatti dichiara: «Sicuramente l’obbiettivo principale è quello di passare il turno, e poi giocarci ogni scontro diretto, tutte le squadre partono per vincere il torneo quindi anche noi faremo lo stesso».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy