Rappresentativa Under 17, il ko con l’Inter dà fiducia

637
Antonio Guarino dell'Olginatese con la maglia della Rappresentativa Under 17
Antonio Guarino dell'Olginatese con la maglia della Rappresentativa Under 17

Per la rappresentativa Under 17 lombarda la sfida contro la corazzata Inter ha fornito grandi risposte, sia dal punto di vista del gioco, che dal punto di vista della personalità espressa in campo. Una sconfitta per 2-0 maturata in uno scenario nuovo per tutti i ragazzi della selezione lombarda, in un campo importante contro un’Inter campione d’Italia in carica. Per la selezione lombarda, la prestigiosa partita contro i nerazzurri è servita per prendere ritmo e conoscersi meglio, in vista dell’imminente inizio del Torneo delle Regioni.
Al fischio d’inizio del direttore di gara, è subito la formazione di casa a prendere in mano le redini del gioco, con Cortinovis metronomo a dettare i ritmi. Gli ospiti mostrano fin da subito grinta e carattere, unite ad una grande personalità. La difesa di Gibellini, guidata da un ottimo Venier, corre pochi rischi fino al 20′ quando l’Inter si porta avanti: il protagonista è Dias che, grazie a un’azione travolgente sulla destra, riesce a servire perfettamente Cancello, che davanti ad Attianese non sbaglia. Le azioni più interessanti degli ospiti nascono dai piedi di Coati, protagonista di un assist al bacio per Musicò al 32′, il quale sulla fascia di destra rientra, lasciando partire un tiro che finisce di poco sopra la traversa. Il secondo tempo vede l’ingresso in campo di una selezione lombarda completamente diversa. Cambiano così gli interpreti ma non la sostanza: la rappresentativa si conferma una squadra solida e ben messa in campo e, a differenza del primo tempo, riesce a esprimere ancora di più il proprio gioco palla a terra. Le occasioni per l’Inter faticano ad arrivare fino al minuto 23′, quando una disattenzione difensiva ospite fa involare Akhalaia verso la porta, che viene atterrato in area con conseguente rigore, giustamente concesso da Farhat. Sul dischetto si presenta lo stesso numero 11, il quale si fa però ipnotizzare da un grande Guarino, che limita così il passivo. L’Inter, nonostante il rigore fallito, continua a tenere il baricentro alto e il gol arriva al minuto 27. Il marcatore è Dias, che devia di testa un calcio di punizione perfetto di Dimarco. Il parziale non cambia fino al triplice fischio del direttore di gara, che sancisce la fine di un match combattuto e divertente.

 

INTER – RAPPRESENTATIVA LOMBARDIA 2 – 0

RETI: 20′ Cancello (I), 27′ st Dias (I).
INTER (4-3-3): Tononi 6.5, Dias 8, Dimarco 7, Cortinovis 7, Sottini 6.5 (1′ st Pucci 6.5), Airoldi 7, Benedetti 6.5 (13′ st Branzini 6), Tinazzi 7 (1′ st De Milato 7), Cancello 7.5 (1′ st Politi 6.5), Sangalli 6.5, Akhalaia 7. A disp. Priori. All. Zanchetta 7.
RAPPRESENTATIVA LOMBARDIA (4-3-3): Attianese 6 (1′ st Guarino 7.5), Ruggieri 6 (1′ st Moioli 6.5), Ametrano 6.5 (1′ st Lazzaroni 7), Venier 7.5 (1′ st Uttini 6.5), Gualtieri 6.5 (1′ st Tirinzoni 6), Vallisa 6.5 (1′ st Galdoune 7), Coati 7 (1′ st Calabrò 6.5), Dell’Orto 6 (1′ st Ruscitto 6), Riva 6.5 (1′ st Tonoli 6.5), Locati 6.5 (1′ st Villa 7.5), Musicò 6.5 (1′ st Miceli 6.5). All. Gibellini 7.
Arbitro: Farhat (assistenti Galiotto e Chionna) di Milano 7.5.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.rapp