12 Agosto 2020 - 12:07:20

Criteri di ammissione ai Regionali, si allarga il fronte provinciale contro la proposta del Crl

Le più lette

Sui format il Comitato Regionale Lombardia ha preso la strada giusta. Anche se in ritardo

È servito tempo, tanto tempo, ma alla fine il Comitato Regionale Lombardia ha preso la decisione giusta riguardo i...

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Telenovela Aloia, la spunta il Fossano

Come anticipato stamattina, il Fossano non ha mollato l'osso Aloia neanche dopo la notizia dell'allenamento tenuto in casa del...

Giovedì scorso il Comitato Regionale Lombardia ha pubblicato la proposta con i criteri di ammissione ai prossimi campionati giovanili. Nessuna retrocessione dai Regionali e dai provinciali avanti in base ai posti assegnati a inizio anno, anche se con qualche distinguo avvenuto in sede di stesura dei criteri. Due le decisioni che non piacciono alle società “dissidenti”: la mancata promozione di tutte le vincenti dei gironi provinciali e le mancate retrocessioni dai regionali dove, in molti casi, c’erano squadre virtualmente retrocesse. Il Comitato, con l’azzeramento delle retrocessioni, ha voluto «mandare un messaggio positivo» ma intanto ha finito per premiare il demerito sportivo.
Dai provinciali promozioni in base ai “campioni virtuali” identificati tramite la media punti ponderata per ogni Delegazione, anche se con varie eccezioni: le squadre alla pari nello stesso girone sono promosse entrambe, così come quelle di gironi differenti ma con la stessa media. A guadagnarci più di tutte sarà la Delegazione di Bergamo che nei Giovanissimi promuoverà quattro squadre su cinque rispetto ai due posti di partenza. E anche nell’Under 16 i bergamaschi promuoveranno tutte le vincenti. A Milano a beneficiarne in surplus state Assago (Under 17) e Vighignolo (Under 15) che accompagneranno le prime degli altri Villapizzone-Schiaffino (U17) e Calvairate-Atletico Alcione (U15).
La richiesta dei club esclusi è una: retrocessioni dai Regionali e promozioni per tutte le vincenti dei provinciali. Massimo Pasquetti, ds della Rhodense (vincente del campionato Under 17 e prima esclusa di Milano) si fa portavoce del sentimento delle altre escluse e guarda avanti: «Quello che è stato proposto non ha senso e spero che fino a giovedì riesca a prevalere la ragione. Non si vogliono ammettere tutte le vincenti dei gironi provinciali? Allora non si devono nemmeno attribuire posti in più rispetto a quanto deciso a inizio anno: a Milano e Bergamo spettavano due posti e così deve essere, l’hanno anche scritto nel Comunicato che valeva la tabella di inizio anno. C’erano squadre a pari punti nello stesso girone? Allora si dovevano attuare dei criteri per definire chi era la prima e chi la seconda, non di farle passare entrambe e ammettere una squadra in più. Se dovesse essere ristabilita la tabella di inizio anno il tutto potrebbe avere anche un senso, diversamente no e siamo anche pronti a rivolgerci al Tar». Ma il direttore sportivo della Rhodense chiede chiarezza anche riguardo il numero delle partecipanti ai prossimi campionati Regionali: «Dovranno dire di quante squadre saranno gli organici: serve chiarezza su questo punto. Che ci dicano quante squadre saranno composte le categorie e al di sotto di quale numero ripescheranno».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli