28 Ottobre 2020 - 10:41:32
sprint-logo

Enotria, Stringhini lascia la panchina: Leccioli promosso in Élite, Under 14 a De Laurentis

Le più lette

Accademia Pavese, Gianluca Gaudio: «L’incertezza normativa sta uccidendo anche il calcio dei più piccoli»

Il Direttore Sportivo dell'Accademia Pavese Gianluca Gaudio spiega l'esasperazione del mondo del calcio dilettantistico dopo le ultime normative emanate...

Sg. Chieri – Castellazzo: Lanza straordinario, Castellazzo sconfitto

Il Sg. Chieri continua la propria striscia positiva in campionato grazie alla vittoria per 2-0 ottenuta nel match casalingo...

Lucento – Bacigalupo Under 16 : Incornata di Jeremy, rossoblù avanti col brivido

Sarebbe stato forse più giusto un pareggio al termine della gara tra il Lucento e il Bacigalupo. A maggior...

A pochi giorni dal semaforo verde tira aria di cambiamento in casa Enotria. Chiamarla rivoluzione è sicuramente azzardato, ma non c’è dubbio che le ultime decisioni deliberate da via Cazzaniga cambieranno e non poco l’asset societario. È infatti in corso un cambiamento a catena tra i rossoblù, e tutto è partito dalla decisione dell’uomo che più rappresenta la società Enotria: Giovanni Stringhini. Il tecnico pluricampione lombardo, tornato in panchina dopo un anno, ha deciso di fare un passo indietro. Stringhini non sarà l’allenatore dell’Under 17 Élite, mentre manterrà a tutti gli effetti la carica di diesse. Alle fondamenta di questa scelta c’è un ragionamento semplice: «Stiamo vivendo un periodo diverso da tutti gli altri – commenta Stringhini -. In questo momento credo che alla società serva un ds che segua tutte le squadre e che faccia un lavoro di un certo tipo». Una decisione saggia e anche coraggiosa quella di Stringhini, che ha poi aggiunto: «La scelta è stata sicuramente dura e non facile da prendere. Ci tengo a precisare che tutto è partito da me: credo di aver ragionato da persona responsabile».

Da ogni cambiamento deriva però spesso un’opportunità da cogliere. Per una società come l’Enotria, che vive ormai da decenni ad altissimi livelli, è fondamentale avere un assett societario ben definito e che lavora nella stessa direzione. «Come società stiamo cambiando molto, abbiamo un CDA ben definito e abbiamo distribuito le responsabilità», le parole a caldo del Presidente Giuseppe Aporti. Il numero uno rossoblù ha anche commentato la scelta di Stringhini: «Giovanni, che è anche nel CDA, da persona precisa e scrupolosa quale è, si è reso conto di essersi sovraccaricato di lavoro. Abbiamo rianalizzato i problemi organizzativi nel loro complesso ed abbiamo convenuto che per il bene della nostra società era opportuno fare questa scelta. Giovanni avrà così la possibilità di dedicare tutte le sue forze alla supervisione dell’intera attività sportiva ed alla parte di attività organizzativa generale che, normalmente, non competono al ds del settore giovanile scolastico», conclude il Presidente.

Come detto, non chiamiamola rivoluzione. La volontà dell’Enotria è infatti quella di dare continuità al lavoro già iniziato in questa stagione. La normale conseguenza del passo indietro di Stringhini è stata la promozione di Fabio Leccioli – da sempre nello staff del diesse rossoblù – all’Under 17 Élite. Una categoria che conosce molto bene, avendoci condotto magistralmente i 2003 nella passata stagione. E lo slot lasciato libero da Leccioli in Under 14? Anche quello è già riempito. La scelta dei rossoblù è ricaduta su Davide De Laurentis. L’ex tecnico della Vis Nova, dopo aver lasciato le lucertole giusto una settimana fa per motivi lavorativi, torna già in panchina.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli