16 Maggio 2021

Folgore Caratese, Simone Crippa vuole restare: «Sette anni fantastici, spero di poter continuare con passione ed entusiasmo»

Le più lette

Spal-Milan Primavera 1: punizione vincente di El Hilali, il Diavolo ora ci crede per davvero

Poteva essere la partita del sogno infranto, e invece è la partita della rinascita. Quella del Milan di Federico...

Alcione-Pro Patria Under 15: la decide Ferrario, i Tigrotti di Tomasoni battono gli orange 2-1

Al centro sportivo di via Olivieri è andato in scena il test match che ha visto l'Alcione sfidare i...

Sancolombano, ecco il primo volto nuovo: in arrivo Alessandro Zoppetti, guiderà l’Under 17

Il Sancolombano è quasi pronto a rilanciarsi verso la prossima, si presume calda, stagione e lo fa riconfermando un...

Simone Crippa e la Folgore Caratese. Un rapporto iniziato sette anni fa, che non ha la minima intenzione di essere interrotto. Soprattutto da parte del tecnico dell’attuale Under 17 Élite, che non nasconde la volontà di rimanere a Carate Brianza: «Faccio parte di questa società da sette anni ormai – racconta Simone Crippa -. Mi hanno dato la possibilità di iniziare il mio percorso da allenatore, per questo devo ringraziare il presidente Criscitiello, il direttore generale Borgonovo e tutta la società. Spero infatti di poter continuare il mio percorso in questa società, la quale mi sta dando molto sotto ogni punto di vista». Parole inequivocabili quelle del tecnico biancoceleste, il cui futuro rimane comunque ancora tutto da scrivere. Saranno importanti le prossime settimane, quando anche in casa Folgore Caratese si inizierà a pensare alla prossima stagione sportiva.

Progetto 2004: c’è rammarico. Facendo parlare il campo, il quale si prende sempre (giustamente) l’ultima parola, Simone Crippa si può benissimo definire uno dei tecnici più preparati del panorama calcistico lombardo. Un esempio lampante sono i risultati ottenuti negli ultimi due anni, sebbene entrambi i campionato non si siano portati a termine. Se con i classe 2003 (campioni regionali in carica) l’avventura in Élite stava portando a Carate Brianza grandi soddisfazioni (al momento dello stop quinto posto in un girone di ferro), lo stesso discorso – seppur con qualche differenza – lo si può fare per i 2004. Reduci da un’annata complicata in Under 16, i ragazzi dell’attuale Under 17 sotto la supervisione di Simone Crippa hanno cambiato diametralmente il ruolino di marcia. Tant’è che al momento dello stop si trovavano addirittura al secondo posto, a sole due lunghezze dalla vetta. Risultati importanti, ma occhio a definire la Folgore una sorpresa: «Il concetto di sorpresa non appartiene alla Folgore Caratese – commenta Crippa-. Il lavoro svolto con i 2004 è solamente il frutto di un percorso iniziato diversi anni fa, consolidato poi con l’arrivo nella categoria più importante del settore giovanile».

Quale futuro per i ragazzi? No all’Under 18. Argomento di dibattito delle ultime settimane è la nascita – sulla falsariga di ciò che è stato deciso due anni fa per i campionati Nazionali – dell’Under 18. Un’eventualità – sebbene non ancora ufficializzata – che potrebbe divenire realtà nei prossimi mesi, la quale però divide addetti ai lavori e non. Sul carro degli “anti Under 18” c’è proprio Simone Crippa, che commenta così l’eventualità della nascita di tale categoria: «Credo e spero che i classe 2004, finito il loro percorso nel settore giovanile scolastico, finiranno in Juniores. Non penso sia fattibile la creazione di una nuova categoria, che andrebbe così ad incidere a livello organizzativo per le società, in un momento già complesso di suo».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli