12 Agosto 2020 - 12:33:55

Giovanissimi, il punto della settimana

Le più lette

Città di Varese Serie D, il primo under per Sassarini è il francese Hervè Otelè

Settimo arrivo per il Città di Varese che nella giornata di oggi si è assicurata l'esterno offensivo classe 2000...

Città di Varese Serie D, altro colpo in attacco: ecco Andrea Addiego Mobilio

Il Città di Varese comunica di aver raggiunto l'accordo con Andrea Addiego Mobilio, esterno d'attacco in arrivo dai liguri...

#stiamoincontatto Brescia: ripartono campionato e BresciaOggi. Pasquali: «Fiducioso sui protocolli»

Condotta e moderata dal delegato Alberto Pasquali, martedì 4 agosto alle ore 20 sulla piattaforma Cisco Webex si è...
Ilaria Checchi
Ilaria Checchi
Direttrice "pasionaria" con una predilezione per tacchi, tacchetti e tacchettine...

Massa, Cavalli, Guizzetti e Ferraioli: sono loro i quattro allenatori che questa pausa se la godranno da re d’inverno. Chi sono le regine? Rispettivamente Aldini, Olginatese, Virtus Bergamo ed Enotria. Tutto il resto si rimanda a metà gennaio, quando inizierà la grande corsa ai verdetti finali, dopo un mercato che, già da adesso, si preannuncia più che vivace. Bisogna anche aggiungere che il girone C ha ancora un turno da giocare anche se il primato della Virtus non è in discussione nonostante il loro girone di andata sia anche già terminato (la Virtus Bergamo è infatti la squadra designata per il “riposo” in quest’ultima giornata).

Girone A come Aldini. La squadra di Massa, regina d’inverno, conquista tre punti a danno della Masseroni, con un rocambolesco 6-0, incoronandosi in tal modo regina d’inverno: «Abbiamo avuto un crollo mentale – commenta Amaretti, dirigente della Masseroni – Gli avversari si sono rivelati una bella squadra, caparbia e tenace anche sul 4 a 0. Noi non siamo praticamente scesi i n campo». Vince anche l’Accademia Inter contro il Seguro, 2-1, restando in tal modo a meno uno dal vertice, a quota 36 punti: «Sono un po’ rammaricato per il risultato – commenta Acquaro del Seguro – Siamo stati molto sfortunati in fase di realizzazione, come dimostra il rigore sbagliato del possibile pareggio». Tris dell’Alcione, invece, a danno della Rhodense, che torna a piazzarsi in tal modo ai piani alti della classifica: «È stata un’ottima partita, soprattutto sul piano del gioco – commenta il tecnico oranges Vicinanza Toscano – Sono quattro giornate che riusciamo a non concedere nulla agli avversari e a non subire gol: stiamo facendo un ottimo lavoro in fase difensiva. Con l’innesto di Guidi abbiamo trovato concretezza anche in fase d’attacco: dà un apporto grandissimo, a tutto tondo. Abbiamo trovato la punta che ci mancava». Plauso che lo stesso Bresciani della Rhodense non nasconde: «Tra tutte le squadre che abbiamo affrontato, l’Alcione si è rivelata quella con una marcia in più. Nel primo tempo siamo riusciti a restare compatti non subendo reti; nella ripresa abbiamo avuto un paio di d’occasioni ma dopo il 2-0 la partita è finita. In campo ho visto fisicità e idee di gioco, aspetti importanti per una squadra in questa categoria. Non sono queste le nostre partite». Vittoria in trasferta, invece, per la Pro Patria di Calandrino (clicca qui per le sue parole) che supera la Varesina con il risultato di 3-2, in un match non privo di emozioni: «Tra mille difficoltà e mille assenze, abbiamo gettato il cuore oltre l’ostacolo facendo una partita di determinazione, di sacrificio ma anche con discrete qualità – le parole di Frontini della Varesina – È un peccato aver perso perché i ragazzi meritavano senza dubbio il pareggio. Le troppo incertezze arbitrali hanno inoltre condizionato l’esito del match». Tre punti anche per la Cedratese di Infurna che batte 2-0 la Roncalli grazie alla doppietta firmata Fontana, superando in tal modo la squadra avversaria anche in classifica. Non si va oltre il 2-2, invece, tra Accademia Vittuone e Insubria, con la squadra ospite rammaricata per i due punti persi: «Sono deluso – commenta Mascetti dell’Insubria – Non è stata una buona prestazione, ci siamo approcciati nel modo sbagliato. I tre punti erano d’obbligo». Vittoria importante, invece, quella della Castellanzese contro il La Biglia (4-1), che consente alla squadra di casa di uscire dalla zona retrocessione. Termina a reti bianche, invece, il match tra Inveruno e Besnatese: «È stata una partita equilibrata tra due squadre dello stesso livello – commenta il vice dell’Inveruno Guatteo – Siamo entrati in una striscia positiva che non può che farci piacere. Speriamo di continuare così e migliorare. Con la pausa avremo sicuramente più tempo per lavorare e trovare la quadra».
CLASSIFICA: Aldini 37, Acc.Inter 36, Alcione 32, Pro Patria 32, Masseroni 27, Rhodense 1913 25, Varesina 23, Seguro 23, Cedratese 23, Roncalli 21, Insubria 18, Castellanzese 12, La Biglia 10, Inveruno 8, Besnatese 5, Acc.Vittuone 3.
PROSSIMO TURNO: Acc.Inter-Inveruno, Acc.Vittuone-Rhodense 1913, Alcione-La Biglia, Aldini-Roncalli, Castellanzese-Besnatese, Cedratese-Insubria, Seguro-Pro Patria, Varesina-Masseroni.

Nel girone B, l’Olginatese si aggiudica il big match di giornata contro il Lombardia Uno, superando la squadra avversaria per 2-0 e chiudendo in tal modo il girone d’andata in testa e imbattuta: «Venivamo da due pareggi consecutivi – commenta il tecnico dell’Olginatese Cavalli – È stata una buona prestazione. Stiamo conducendo una prestazione al di sopra delle nostre aspettative iniziali, essendoci focalizzati soprattutto sulla zona playoff. Speriamo di continuare così». Un po’ di rammarico, invece, in casa Lombardia uno, dove il tecnico Fontana commenta: «Nel complesso gli avversari hanno meritato di vincere. Abbiamo creato diverse occasioni nel primo tempo ma non siamo riusciti a sfruttarle, mostrando qualche difficoltà in fase realizzativa. Se l’avessimo sbloccata nei primi venti minuti probabilmente sarebbe stata una partita diversa, ma ciò non toglie che Olginatese e Vis Nova hanno una marcia in più. Noi dobbiamo trovare quel guizzo là davanti che ci manca». Cala il tris firmato Grazioli, invece, il Sondrio di Nobili contro il Lemine, restando in tal modo a meno uno dal vertice a quota 38 punti. Tre punti anche alla Pro Sesto di Di Gioia che, con un netto 4-0 a danno del Bresso (reduce dell’esonero del tecnico Panara), si piazza al terzo posto sopra Vis Nova e Lombardia Uno. Partita con tanti gol, invece, quella tra Manara e Vis Nova, conclusasi 6-2 per la squadra ospite, con tre reti firmate Aiolfi. Tre punti anche per il Seregno di Villani che mantiene la scia positiva di vittorie superando il Colico Derviese per 2-0. Match aperto fino alla fine, invece, quello tra Vighizzolo e Folgore, con la squadra ospite che conquista i tre punti last minute grazie alla rete di Schiavina: «Non abbiamo condotto un buon primo tempo – commenta Gazzola della Folgore – Nella ripresa, invece, siamo cresciuti e abbiamo centrato una vittoria difficile». Rammarico, invece, in casa Vighizzolo, dove il tecnico Mangeruca commenta: (clicca qui per la sua intervista). Finisce 1-1, invece, il match tra Varedo e Base 96: «Volevamo chiudere la fase d’andata con una vittoria e lasciandoci dietro quatto squadre– commenta il dirigente del Varedo Fabbro – È stata una prestazione con alti e bassi, il pareggio è il risultato giusto». Si chiude invece a favore della Serenissima (4-0) il match contro l’Ardor Bollate tenutosi martedì alle ore 20.30.
CLASSIFICA: Olginatese 39, Sondrio 38, Pro Sesto 35, Vis Nova 33, Lombardia Uno 33, Seregno 30, Fol.Caratese 24, Colico Derviese 22, Bresso 19, Manara 18, Base 96 15, Lemine 9, Serenissima 8, Varedo 8, C.Vighizzolo 6, Ardor Bollate 4.
PROSSIMO TURNO: Bresso-Base 96, C.Vighizzolo-Lombardia Uno, Lemine-Colico Derviese, Manara-Fol.Caratese, Olginatese-Serenissima, Pro Sesto-Ardor Bollate, Seregno-Vis Nova, Varedo-Sondrio.

Arriviamo a parlare del girone C, l’unico ancora in gioco. La Virtus Bergamo esce dai giochi (questo week end riposerà) con un rocambolesco e quanto mai inaspettato pareggio con l’Adrense. Si chiude comunque in testa il girone d’andata per la Virtus Bergamo con Guizzetti che racconta: «Come la prima di campionato l’ultima è una partita a rischio. La partita l’abbiamo fatta noi ma è mancata quella cattiveria agonistica che ci contraddistingue solitamente. Un pareggio va bene comunque, ci dovrà servire per capire che non bisogna mai abbassare la guardia. Infine vorrei fare i complimenti agli avversari che ci hanno creduto fino all’ultimo». Ovviamente soddisfatto Ponzoni di questo punto che nessuno aveva previsto: «Ai punti avrebbero meritato la vittoria i ragazzi di Guizzetti ma resta comunque il rammarico di essere stati raggiunti a 2 minuti dalla fine. Da sottolineare la grandissima prestazione di Fenili, il nostro portiere del 2003!». Vittoria meritata per l’Uesse Sarnico per 0 a 3 in casa della Nuova Verolese. La squadra di Magri si lancia prepotentemente all’inseguimento della capolista, proprio come spiega l’allenatore: «Sappiamo che non sarà facile, ma noi continuiamo a crederci. Se facciamo altri tre punti sabato con il Ciliverghe, mentre la Virtus riposa, ci riportiamo a -6 con uno scontro diretto ancora in ballo e tutto il girone di ritorno. L’altro obiettivo è quello di distanziarci dagli inseguitori». E la distanza dagli inseguitori infatti cresce, complice anche la Cisanese che riesce a vincere in casa contro il Pontisola per 1 a 0. «Soddisfatto per il risultato – ha commentato Cadelano – non per la prestazione. Abbiamo avuto un po’ di fortuna e forse abbiamo sentito troppo la partita». Analisi confermata anche da Giordano: «Senza nulla togliere agli avversari, che si meritano questa vittoria, la sconfitta ce la siamo meritata visto che è arrivata per un atteggiamento sbagliato da parte dei ragazzi». Risale lentamente la china la Trevigliese che cala un poker in casa Ciliverghe. Molto soddisfatto Ravasi, allenatore della Trevigliese, che sembra finalmente aver trovato una quadratura per quanto riguarda la sua difesa: «Sono contento perché abbiamo concesso pochissimo. Il primo tempo è stato anche molto equilibrato poi noi siamo venuti fuori». MapelloBonate (clicca qui per le parole di Manzoni) e Grumellese si concedono un punto a testa in una gara equilibrata e continuano la loro marcia a braccetto in campionato. Si attesta perfettamente a metà classifica la Stezzanese di Mascheretti grazie a un gol del solito Bonfanti contro una Voluntas Montichiari che ha bisogno di punti salvezza. Ha commentato così Baiocchi, allenatore della Voluntas: «Partita che ci lascia soddisfatti per l’atteggiamento avuto in campo. Forse il pareggio sarebbe stato più giusto ma stiamo migliorando e siamo fiduciosi». La Falco vince in rimonta la gara in casa della Pavoniana. Dopo il gol di Scaroni, infatti, ci ha pensato Belotti a fine primo tempo a segnare una doppietta che mettesse la gara sui binari giusti per Brignoli. Sprofonda sempre più in fondo alla classifica la Fiorente Colognola, squadra che vede sempre più dura la speranza di una salvezza a fine anno, anche se, con gli innesti giusti e le giuste motivazioni, potrebbe cambiare tutto. A sconfiggerli questa volta è stato il Darfo Boario di Fontana grazie al gol di Cotti Piccinelli e al rigore di Trazzi.
CLASSIFICA: Virtus Bergamo 46, Uesse Sarnico 37, Pontisola 29, Trevigliese 28, Map.Bonate 26, Grumellese 26, Cisanese 25, Adrense 22, Stezzanese 21, Pavoniana 19, Falco 19, Darfo Boario 19, Castellana 16, V.Montichiari 12, Ciliverghe 8, Nuova Verolese 8, Fiorente Colognola 2.
PROSSIMO TURNO: Adrense – Cisanese, Darfo Boario – MapelloBonate, Fiorente Colognola -Stezzanese, Falco – Castellana, Grumellese – Nuova Verolese, Pontisola – Voluntas Montichiari, Trevigliese – Pavoniana, Uesse Sarnico -Ciliverghe. Riposa: Virtus Bergamo.

Fine primo tempo anche per quanto riguarda il girone D con l’Enotria che si gode il primato invernale grazie anche a una vittoria senza fronzoli contro i diretti avversari dell’Accademia Sandonatese (clicca qui per le parole del tecnico). Soddisfatto Ferraioli, nonostante le “perdite” di bomber Guidi e di Calabrò (Il primo approdato all’Alcione il secondo, invece, spostatosi solo di qualche centinaio di metri per mettersi al servizio di Garofalo e del Cimiano) per un girone in cui la testa non è mai mancata a parte per un breve momento di condivisione proprio con l’Accademia Sandonatese. E a far passare un natale anche più sereno a Ferraioli ci hanno pensato proprio Cimiano e Pergolettese, due delle dirette inseguitrici, annullatesi sullo 0 a 0. Molinelli, allenatore della Pergolettese racconta: «Abbiamo fatto un girone di andata sopra le aspettative grazie al lavoro che i ragazzi con impegno e determinazione stanno facendo. C’è un gruppo fantastico e questa e’ la nostra forza. Sono contento e soddisfatto perché oltre ai risultati c’è stato un miglioramento del gruppo e dei singoli». Più critico con se stesso e con la sua squadra Garofalo, tecnico del Cimiano: «Eravamo scarichi, capita all’ultima giornata. Per quanto riguarda il girone d’andata posso dire che ora la classifica è abbastanza veritiera. Certo, resta qualche rammarico, soprattutto col Romano Banco, ma va bene. E’ ancora tutto da scrivere e c’è un girone di ritorno intero per farlo, anche se si comincerà in salita». L’Ausonia affonda tre volte in casa dell’Accademia Pavese e torna prepotentemente a ridosso della zona playoff. «Nel primo tempo siamo andati male ed è finito 1 a 1 – ha commentato Berto, allenatore dell’Ausonia – Poi le cose sono girate e abbiamo portato a casa 3 punti preziosi. Nella gara con l’Enotria siamo riusciti a dimostrare di essere una buona squadra. Sono molto fiducioso per quanto riguarda il ritorno, sono sicuro che recupereremo qualche punto su chi è davanti». Simile la fiducia mostrata da Gurioli per quanto riguarda il futuro: «Abbiamo giocato un primo tempo eccellente. Poi siamo calati sotto l’aspetto fisico e abbiamo pagato questo. Sono molto fiducioso per quanto riguarda il ritorno, basta togliere un po’ di ruggine ma sono molto contento. Bisognerà ovviamente lavorare parecchio, soprattutto sul carattere di questa squadra». A finire questa andata con una serie positiva di ben 11 gare è il Pozzuolo che si candida prepotentemente al ruolo di contendente al titolo. A fare da vittima alla squadra di Carzaniga questa volta è stato il Sancolombano di Dalcerri che ha commentato: «Abbiamo giocato bene, peccato per il gol non gol alla fine». La gara infatti sembra essere stata decisa da un gol fantasma convalidato al Pozzuolo anche se restano molti i dubbi al riguardo. Dalcerri però aggiunge: «Loro hanno comunque meritato questo risultato». Soddisfatto Carzaniga che sulla sua squadra ci tiene a precisare: «Non vedo veramente nessun limite a questa squadra. Ora avremo delle prove importanti da superare ma possiamo sperare bene per questo ritorno». Lo Schuster vince in casa degli Olmi complicando terribilmente le cose per mister De Falco che chiude il girone d’andata in zona retrocessione a un punto dal Romano Banco e a pari con la Pioltellese. A regalare questa tranquilla metà classifica ai neroverdi dello Schuster ci ha pensato Bozzato. In parallelo su un altro campo il Segrate ha vinto in casa del Romano Banco rendendo questa sfida per non retrocedere forse la più emozionante e imprevedibile. Lo sa bene Soffientini, allenatore del Romano Banco: «Ci serviva non perdere. Abbiamo fatto un errore sul primo gol, siamo riusciti a fare l’1 a 1 e chiudere il primo tempo in pari. Poi abbiamo preso due gol che si potevano evitare. Bisogna dire che noi abbiamo fatichiamo un po’ troppo a segnare e creiamo veramente poco». Soddisfatto invece Premoli di risultato e classifica: «Certo, potevamo raccogliere qualche punto in più, ma la cosa importante è che siamo migliorati tutti durante l’andata e questo già ci fa contenti». Restando sempre dalle parti di chi lotta per non retrocedere ecco lo Sported Maris che cala il poker contro la Pioltellese. Scalvenzi, tecnico dello Sported Maris, ha commentato: «Abbiamo giocato bene. Abbiamo creato e fatto quello che dovevamo. E’ stata una buona gara. Per quanto riguarda il girone d’andata non sono pienamente soddisfatto. Potremmo essere più su ma spesso è mancata la continuità, anche durante le stesse gare, condizionando così i punti che abbiamo fatto». Più pragmatico Mattina, allenatore della Pioltellese: «C’eravamo illusi nella prima parte, poi ci siamo trovati a lottare con gli arbitri che hanno determinato il risultato di 3 partite. Poi abbiamo avuto un calo generale, anche vista l’assenza di Argento. Ora però torniamo a essere molto fiduciosi in vista del ritorno perchè ritroveremo molti giocatori e abbiamo capito come funziona questa categoria». Pioltellese che ora naviga a pari punti con l’Aics Olmi dopo un girone di andata partito alla grande ma che li ha visti poi calare a picco. Nulla però è ancora scritto e la lotta salvezza in questo girone è ancora aperta quasi per tutti. Il quasi è doveroso solo per il Tribiano, sconfitto questa volta per 10 a 0 dai diretti concorrenti del Crema che ritrovano punti e fiducia in vista del girone di ritorno. Verdelli, allenatore del Crema confessa: «A questo punto del campionato di solito vengono fuori i veri valori. Noi abbiamo qualche punto in meno di quello che ci si aspettava ma siamo stati anche molto sfortunati oltre ad aver avuto alcuni infortuni determinanti. La consapevolezza di poter solo migliorare ci lascia sereni per il ritorno anche se siamo consapevoli che bisognerà lottare duro».
CLASSIFICA: Enotria 40, Cimiano 36, Pergolettese 33, Pozzuolo 32, Accademia Sandonatese 31, Ausonia 28, Sancolombano 22, Accademia Pavese 18, Schuster 18, Segrate 18, Sported Maris 17, Romano Banco 13, Aics Olmi 12, Pioltellese 12, Crema 9, Tribiano 1.
PROSSIMO TURNO: Acc. Pavese – Pioltellese, Aics Olmi – Accademia Sd, Crema – Pergolettese, Enotria – Sancolombano, Pozzuolo – Cimiano, Romano Banco – Ausonia, Sported Maris -Schuster, Tribiano – Segrate.

Jovane-Dini

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli