Segrate Under 16: una stagione memorabile all’inseguimento di un obiettivo

Le più lette

Sempione Half – Accademia Vittuone Pulcini 2009: Garghentini e Amato non bastano, festa Accademia Vittuone

Tanti gol, tanto spettacolo e zero noia nella sfida tra il Sempione Half e l’Accademia Vittuone, partita che vede...

Virtus Cornaredo – Nicolò Rezzara Pulcini Misti: Aliu 6 fortissimo, con te la Virtus sogna!

Una partita divertentissima e giocata a viso aperto quella tra Virtus Cornaredo e Nicolò Rezzara, due squadre reduci da...

Dove siamo stati Regionali, le partite seguite dall’Under 19 all’Under 14

Dove siamo stati Regionali, le partite seguite nel fine settimana dall'Under 19 all'Under 14: tutto sarà disponibile sul giornale,...
Avatar
Umberto Maria Porreca
Nato e cresciuto sulla costa Abruzzese, a Milano da sei anni per trovare me stesso e la mia strada. Milanista da battaglia, amante del buon cibo, venerazione per Federico Buffa e amore sconfinato per Fabrizio De André.

Non c’era bisogno sicuramente del pareggio 2-2 con l’Enotria domenica per scoprire il Segrate di Simone Pezzella. Insieme alla Calvairate è la rivelazione assoluta di questa stagione, e come essa è alla rincorsa dei playoff. Il Segrate si muove su un terreno che conosce bene e con una idea sempre in testa: giocare bene a calcio e arrivare al risultato attraverso l’espressione delle idee del proprio tecnico. La partita con l’Enotria ha messo in mostra probabilmente quella che è stata una delle due/tre migliori prestazioni stagionali dei segratesi a fronte di un avversario fortissimo e che lotta per la vetta del girone con credibili referenze per vincerlo, battendosi alla pari con l’Alcione. Non è giunta una vittoria, è vero, ma mai i rossoblù erano andati sotto di due reti quest’anno. Poi hanno trovato il pari, dal 2-0 al 2-2, perché i ragazzi di Pezzella avevano dato tutto e la freschezza e forza fisica dei subentrati ha fatto la differenza, ma resta l’impressione di un Segrate che sta salendo di tono sempre di più di settimana in settimana. Il “fantasma” storico di questa formazione era sicuramente la tenuta mentale, come ci hanno raccontato il tecnico Pezzella e il suo vice Napolitano quando sono stati nostri ospiti a Spritzesport: primi tempi di elevatissimo livello, con secondi tempi in cui la concentrazione veniva meno. Questo problema pare essere stato ovviato, sicuramente grazie al lavoro dello staff ma anche grazie ai risultati positivi arrivati: la sicurezza mentale è cresciuta ed è ancora in crescita. In questo momento il Segrate è dentro i playoff, perché si trova a 9 punti esatti (cioè dentro la forbice che è proprio di 9 punti) dall’Enotria secondo in classifica che ha tuttavia una partita in meno poichè ha già osservato il suo turno di riposo. Continuare a correre, a giocare bene e tenere la mente salda in campo: questa la mission dei Pezzella boys che stanno attraversando la fase in cui ci si trasforma da bellissima sorpresa a grandissima certezza.

La carica del tecnico Pezzella
La carica del tecnico Pezzella

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy