19 Giugno 2021

Segrate Under 16: una stagione memorabile all’inseguimento di un obiettivo

Le più lette

Feralpisalò-Legnago Primavera 3: gardesani forza 4, Carbone ardente e veneti liquefatti

Poker face Feralpi e Legnago stravolto 4-1, lombardi inarrestabili e veneti quasi sempre alle corde, per i bresciani chiusura...

Alessandria-Padova Serie C: dal dischetto Gasbarro sbaglia, Rubin no. Longo-landia vola in B

Gasbarro calcia fuori (folle decisione di voler piazzare il tiro) e Rubin centra il bersaglio. Così attorno alle 20.45...

Caronnese-Castellanzese Serie D: una doppia magia di Chessa ipoteca i playoff, Roberto Gatti non vestirà rossoblù il prossimo anno

Caronnese per chiudere al meglio la propria stagione, Castellanzese per ipotecare un posto nei playoff: a imporsi per 2-0...
Avatar
Umberto Maria Porreca
Nato e cresciuto sulla costa Abruzzese, a Milano da sei anni per trovare me stesso e la mia strada. Milanista da battaglia, amante del buon cibo, venerazione per Federico Buffa e amore sconfinato per Fabrizio De André.

Non c’era bisogno sicuramente del pareggio 2-2 con l’Enotria domenica per scoprire il Segrate di Simone Pezzella. Insieme alla Calvairate è la rivelazione assoluta di questa stagione, e come essa è alla rincorsa dei playoff. Il Segrate si muove su un terreno che conosce bene e con una idea sempre in testa: giocare bene a calcio e arrivare al risultato attraverso l’espressione delle idee del proprio tecnico. La partita con l’Enotria ha messo in mostra probabilmente quella che è stata una delle due/tre migliori prestazioni stagionali dei segratesi a fronte di un avversario fortissimo e che lotta per la vetta del girone con credibili referenze per vincerlo, battendosi alla pari con l’Alcione. Non è giunta una vittoria, è vero, ma mai i rossoblù erano andati sotto di due reti quest’anno. Poi hanno trovato il pari, dal 2-0 al 2-2, perché i ragazzi di Pezzella avevano dato tutto e la freschezza e forza fisica dei subentrati ha fatto la differenza, ma resta l’impressione di un Segrate che sta salendo di tono sempre di più di settimana in settimana. Il “fantasma” storico di questa formazione era sicuramente la tenuta mentale, come ci hanno raccontato il tecnico Pezzella e il suo vice Napolitano quando sono stati nostri ospiti a Spritzesport: primi tempi di elevatissimo livello, con secondi tempi in cui la concentrazione veniva meno. Questo problema pare essere stato ovviato, sicuramente grazie al lavoro dello staff ma anche grazie ai risultati positivi arrivati: la sicurezza mentale è cresciuta ed è ancora in crescita. In questo momento il Segrate è dentro i playoff, perché si trova a 9 punti esatti (cioè dentro la forbice che è proprio di 9 punti) dall’Enotria secondo in classifica che ha tuttavia una partita in meno poichè ha già osservato il suo turno di riposo. Continuare a correre, a giocare bene e tenere la mente salda in campo: questa la mission dei Pezzella boys che stanno attraversando la fase in cui ci si trasforma da bellissima sorpresa a grandissima certezza.

La carica del tecnico Pezzella
La carica del tecnico Pezzella


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli