Neanche il miglior sceneggiatore avrebbe potuto architettare un finale più thriller di questo. In più, se la cornice è quella del derby del Lambro il contorno prende ancora di più un aspetto affascinante. Finisce in parità la gara, tra mille polemiche, due rigori fischiati (uno per parte) e altrettanti non visti. Il direttore Lascaris si lascia travolgere dagli eventi, sopratutto nel finale, perdendo di vista la bussola del match. La squadra di Ferraioli guadagna così un punto vitale, quando probabilmente non ci credeva più. Per Marcat e i suoi ragazzi c’è un pizzico di rammarico: la vittoria è sfumata solo per qualche secondo. La partita nel primo tempo è stata tirata. Entrambe le squadre hanno pagato la grande emozione di giocare una gara così importante davanti ad un pubblico che li ha sostenuti dal primo all’ultimo minuto. Le emozioni sono state poche, con Sammarco sponda Enotria e Calabrese sponda Cimiano che hanno provato a regalare qualche fiammata. Le difese, però, hanno disputato una grande prestazione di reparto, dimostrando grande affidabilità. Segnare a Cimiano ed Enotria, avviso per tutti i naviganti, sarà davvero dura. In casa Cimiano, Selvaggio sulla fascia gioca una partita di grandissima attenzione, mentre Bacchelli e Fabris formano una coppia di assoluta affidabilità. Non è da meno la retroguardia rossoblù, con De Pasquale vero e autentico jolly. Il ragazzo viene avanzato come punta centrale nei minuti finali per sfruttare la sua altezza: un asso nella manica a tutto tondo per Ferraioli. Così, neanche a dirlo, i due gol sono arrivati da situazioni da palla inattiva. É il Cimiano a sbloccare il derby su punizione: dalla punizione di Bernabè, Caviglia non è perfetto nel controllo del pallone. Il numero 1 ospite favorisce così un lucidissimo Martillo, il quale serve il più comodo degli assist a Calabrese. 1-0 e delirio sulle tribune. L’Enotria, che fino a quel momento aveva comunque mostrato delle buone trame di gioco, rischia di capitolare quando l’arbitro assegna il primo rigore molto dubbio per i padroni di casa. Sul dischetto si presenta Calabrese, ma Caviglia è bravissimo a distendersi alla sua destra e a respingere il tiro. Un intervento che riscatta in pieno la sbavatura sul gol del vantaggio. I ragazzi di Ferraioli ritrovano così vigore, con il Cimiano che prova a resistere capitanata da uno splendido Scarano, autore di una prova in crescendo. L’arbitro, come detto, ci mette nel suo. Prima, infatti, non concede un rigore solare per una deviazione di mano in area del Cimiano. All’ultimo secondo di gara, invece, concede un rigore per un contatto dubbio sempre nell’area di rigore dei padroni di casa. Chiodi si trova così l’opportunità di presentarsi dagli undici metri per siglare il gol del pari. Il numero 2 è glaciale dal dischetto: tiro imparabile per Comita. Il derby finisce così tra mille polemiche, le quali, purtroppo, fanno più rumore rispetto alla prova disputata dai ragazzi in campo.

Il tabellino di Cimiano-Enotria Under 15

CIMIANO – ENOTRIA: 1-1
RETI (1-0, 1-1): 10′ st Calabrese (C), 40′ st rig. Chiodi (E).
CIMIANO (4-3-3): Comita 6.5, Salvaggio 7, Bernabè 6, Scarano 7, Bacchelli 7, Fabris 6.5, Guarino 6 (8′ st Martillo 6.5), Cozzolino 6 (17′ st Mannini 6), Chimenti 6.5, Calabrese 7, (35′ st Nicolò sv), Zito 6.5 (35′ st Jenac sv). A disp. Angrisani, Agnesini, Negri, Prisco, Stradelli. All. Marcat 6.5. Dir. Petoletti.
ENOTRIA (4-3-3): Caviglia 7, Chiodi 7.5, Furlani P. 6.5, Di Raco 6, De Pasquale 7, Rigo 6.5 (25′ st Carcano 6), Bueti 6 (1′ st Cattaneo 6.5), Masini 6.5, Lukaj 6.5 (14′ st Russo 6), Pellegrino 6.5, Sammarco 7 (35′ st Buonocore sv). A disp. Barotac, Marchello, De Filippis, Colombo, Firolli. All. Ferraioli 6.5. Dir. Avvanzini.
ARBITRO: Lenares di Pavia 5 Due rigori fischiati nel finale tra molti dubbi. Non ne fischia uno lampante in area di rigore del Cimiano. Prova non sufficiente.

Le pagelle di Cimiano-Enotria Under 15

CIMIANO
All. Marcat 6.5. Bella risposta dei suoi ragazzi. Certo, che gran peccato non vincere un derby per una manciata di secondi.
Comita 6.5 Il rigore non poteva pararlo nemmeno con il mantello di Superman. Buone uscite alte. Portiere di assoluto affidamento.
 Salvaggio 7 La sua è una prova davvero ordinata. Ferraioli deve cambiare lato a Sammarco, perchè il numero 2 del Cimiano lo stava contenendo al meglio.
Bernabè 6 Suo il cross dal quale nasce il vantaggio. Per il resto, sono poche le sbavature.
Scarano 7 Gara in crescendo. Se nel primo tempo si vede poco, la sua presenza è lampante nella ripresa. Vero faro in mezzo al campo.
Bacchelli 7 Centimetri e sostanza. Il Cimiano si ritrova in casa un difensore pronto a giocare a questi livelli. Gli errori si contano sulle dita di una mano.
Fabris 6.5 Grande partner di Bacchelli. Non gli manca sicuramente la grinta. Non viene mai sorpreso fuori posizioni.
Guarino 6 Prima frazione in ombra, cresce nei primi minuti della ripresa ma il tecnico decide di sostituirlo.
8′ st Martillo 6.5 Zampino fondamentale nel gol del vantaggio del Cimiano. Assist perfetto.
Cozzolino 6 Fatica in mezzo al campo, ricevendo e cercando pochi palloni. Incappa in una giornata difficile.
Chimenti 6.5 La sua grinta è lo specchio della sua gara. Non molla mai un pallone. Sulla sua strada, però incontra un giocatore di livello come De Pasquale.
Calabrese 7 Croce e delizia del match. Sblocca il derby, cercando e meritandosi la gioia personale. Sbaglia il rigore del raddoppio. Peccato, ma è un giocatore con grande classe.
Zito 6.5 Da esterno alto del tridente, nella prima frazione, fatica. Nella ripresa viene abbassato in mezzo al campo: i risultati sono migliori.

Gli undici inziali del Cimiano Under 15 Élite
Gli undici iniziali del Cimiano Under 15 Élite

ENOTRIA
All. Ferraioli 6.5 Recuperare un derby all’ultimo secondo non è una cosa da tutti. La sua squadra dimostra grande carattere. Punto vitale.
Caviglia 7 Partita a due volti. Sbavatura nella gol del vantaggio, riflesso prodigioso in occasione del rigore parato a Calabrese. Salva i suoi dal gol del ko.
Chiodi 7.5 Con grandissima personalità si prende il pallone che vale il gol del pareggio. Ciliegina di una prova giocata ad altissimi ritmi.
Furlani 6.5 Il terzino sinistro dimostra di avere buona gamba.
Di Raco 6 Più ombre che luci per il vertice basso dell’Enotria. Con qualche tocco, però, fa intendere che ha qualità.
De Pasquale 7 Giocatore già esperto e rodato, ha esperienza da vendere. Difficile superarlo nell’uno contro uno. Nel finale è un attaccante aggiunto.
Rigo 6.5 La coppia con De Pasquale funziona: i due hanno intesa. Partita attenta e precisa, anche nei momenti più difficili.
Bueti 6 Non riesce ad essere pungente da esterno. Ha la velocità dalla sua, ma non riesce a sfruttarla.
1′ st Cattaneo 6.5 Ingresso positivo. Incaricato di battere gli angoli per l’ottimo piede del quale è dotato.
Masini 6.5 In mezzo al campo è il più positivo dei suoi. Prestazione costante nell’arco della gara, senza troppi acuti.
Lukaj 6.5 Non ha il fisico per giocarsela contro Bacchelli, così prova a buttarla sulla rapidità. Ammirevole per la voglia che ci mette.
Pellegrino 6.5 Il capitano non è solito trascinatore in questa gara. Poco pungente da esterno, la sua prestazione migliora da interno di centrocampo.
Sammarco 7 É il giocatore con più qualità e non la nasconde. Nel primo tempo crea diversi problemi al Cimiano. Vera spina nel fianco: sarà protagonista.

Gli undici dell'Enotria del tecnico Ferraioli
Gli undici dell’Enotria del tecnico Ferraioli

ASCOLTA LE PAROLE DEL TECNICO MARCAT

SENTI IL COMMENTO DI FERRAIOLI