5 Agosto 2020 - 13:47:51

Masseroni Under 15: Gaetano Piccirillo rimane in sella e guiderà i 2006

Le più lette

Terza Categoria Monza, la Nuova Frontiera si presenta sperando nel ripescaggio

Sarà un'altra stagione in Terza categoria o ci sarà il premio del ripescaggio in Seconda per la Nuova Frontiera?...

Capitan Fabio Benedetto e Chieri ancora insieme: la storia continua

La notizia è fresca. L'ufficialità è di quelle importanti, che possono fare realmente la differenza: Fabio Benedetto farà ancora...

Serie D, scaduto il termine per i ricorsi sulle bocciature della CoViSoD: salta il Savona

È scaduto oggi alle 17:00 il termine per i ricorsi sulle bocciature della Co.Vi.So.D. al prossimo campionato di Serie...
Avatar
Mattia Albertella
Studente, aspirante giornalista e amante della scrittura. Milanista dalla nascita, appassionato di Serie Tv, divoratore di Dan Brown e profondo estimatore di Ligabue.

Ora è proprio ufficiale: il matrimonio tra Gaetano Piccirillo e la Masseroni continuerà anche nella prossima stagione. All’esperto tecnico è stata infatti affidata la panchina dei 2006. Il gruppo di ragazzi disputerà l’anno prossimo il campionato Under 15 Élite, terreno già sperimentato dal tecnico nell’ultima stagione. Parola d’ordine continuità, visti gli ottimi risultati ottenuti da Piccirillo in questa categoria. Il tecnico è entusiasta di continuare la sua avventura: «Sono molto contento: le sensazioni già da ora sono molte positive». Gli obiettivi del futuro sono già chiari per Piccirillo: «Dovremo mettercela tutta per mantenere la categoria. Cercheremo di costruire un gruppo il più omogeneo possibile in modo tale che ognuno possa avere lo spazio che merita. I ragazzi devono sia divertirsi sia raggiungere gli obiettivi che il campo t’impone e t’imporrà». Obiettivi che la pandemia quest’anno non ha permesso di raggiungere. Lo sguardo del tecnico si rivolge anche ad un gruppo storico, quello dei classe 2005, guidato per ben tre anni. Un percorso che ha permesso di creare con tutti i ragazzi un rapporto che va ben oltre il campo: «Porterò sempre con me il ricordo di ragazzi splendidi. Sono sicuro che il futuro è tutto dalla loro parte. L’anno prossimo saranno seguiti da un ottimo allenatore e sono convinto che si potranno togliere delle grandi soddisfazioni». Partite vinte come quelle contro la Vis Nova o la Pro Sesto resteranno ben impresse nella mente di questo gruppo. E proprio parlando di campo, la voglia di ripartire è tanta ma si scontra con una realtà ancora difficile da decifrare: «Stiamo andando a rilento» commenta il tecnico «Siamo ancora avvolti nella paura. Coloro che dovrebbero prendere decisioni non le stanno prendendo e in questo momento sta mancando una presa di posizione decisa». In un futuro ancora abbastanza grigio, su alcune tematiche il tecnico ha le idee molto chiare: «Non è possibile giocare a calcio con il distanziamento. Sono convinto che o si torna alla normalità vera e propria oppure con queste misure non si può ricominciare. Il calcio non è possibile senza contatto. Attendiamo sviluppi». Ma non ci saranno attese o incognite nel futuro di Piccirillo: quando si ripartirà il suo spogliatoio sarà ancora quello di via Terzaghi.


Vivi Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli