La foto di squadra del Segrate Under 19
La foto di squadra del Segrate Under 19

Partita delicata per tutti, ma deludente per nessuna. Grande passione. Forse l’unico motore che spinge noi giovani di belle speranze a cercare di raccontarvi quotidianamente le gesta di quel magico mondo che è il calcio giovanile. La “grande trasferta” in terra cremasca presenta la certezza che non si torna indietro a mani vuote. Già chiacchierando con i dirigenti si entra in clima partita: si assaggia istantaneamente il termometro della gente, il calore del pubblico di fede biancoverde che fa trasalire quando c’è un fischio un po’ dubbio. Serve un quarto d’ora di studio alle due squadre prima di “sbloccare” le emozioni. Il Romanengo spreca alcune punizioni interessanti, mentre il Segrate non riesce a pungere con insistenza sulle corsie. Finale di frazione ancora a tinte gialloarancio. Il cross di Zaninelli non trova per un soffio la deviazione di Vorraro, prima che lo stesso attaccante, dopo un’ottima protezione della sfera, veda la sua girata venire respinta dal muro in maglia bianca. Si va al riposo con un pari che accontenterebbe tutti. Ma non è la partita di chi si accontenta. Ancora i padroni di casa a ruggire dopo l’intervallo, con l’azione personale di Bertolini, frettoloso nel concludere a rete. Si arriva così alla prima sliding doors: Biondi circumnaviga l’area segratese, trovando il tocco maldestro della gamba di Verrone. Dal dischetto va Terzi, piattone angolato ma non a sufficienza per evitare la manona di Sgura. Puntuale il pragmatismo della squadra di Dossena per il doppio vantaggio: il bolide di De Piccoli trova il montante, la palla rimbalza in campo per poi trovare il guizzo felino di Valmez. Dopo qualche minuto, lo spiovente di Vario pesca Tinti nell’insolita veste di “ascensore”. Lo stacco tra i due centrali è perfetto e non dà scampo a Danelli. Finale tutto di marca Biondi, croce e delizia per i compagni. In sessanta secondi passa dallo status di eroe, con un gioiello nel sette, all’ingenua espulsione. I disperati assalti di Bertolini e Zaninelli finiscono out, ma il pari del Castelverde vale la meritata salvezza.

ROMANENGO-SEGRATE 1-2
RETI (0-2, 1-2): 19′ st Valmez (S), 25′ st Tinti (S), 34′ st Biondi (R).
ARBITRO: Biffi di Treviglio 6.5 Un po’ brusco nei toni e nei modi.
ESPULSO: 35′ st Biondi (R).

ROMANENGO 4-4-2
All. Tarletti 8 Riesce comunque a evitare i playout.
Danelli 6 Il cinismo non perdona.
Fusari 6 Non sempre convinto.
Zaninelli 7 Interpreta ottimamente entrambe le fasi di gioco.
Chokry 6.5 Lotta con tenacia nella folta palude del centrocampo.
Basso Ricci 6 Spesso Impreciso.
Zibelli 6.5 Chiude con una buona percentuale di intercetti in area.
Pastormerlo 6.5 Tatticamente sa rivelarsi un’arma molto preziosa.
Bertolini 6.5 Spende tanto.
Vorraro 6.5 Generoso nei movimenti, combatte con orgoglio.
Biondi 6.5 Segue il diktat dell’aut aut: o la tecnica o la capoccia.
Terzi 6 Grandi attributi sul penalty, esegue male (42’ st Laudenzi sv).
A disp: Cavagnera, Bertolazzi M, Rigoli, Mariani, Bertolazzi S, Cambiè, Pellegrini.
Dir: Coti – Bertolazzi.

SEGRATE 4-3-3
All. Dossena 10 Esce tra tante lacrime e poche parole.
Sgura M. 7 Saracinesca. I suoi guantoni accarezzano la coppa.
Vario 7.5 Tra i veterani, lo dimostra con una prestazione da top.
Ogliari 7 Spinge quando serve.
Verrone 6.5 Tocca i giusti palloni, forse troppi (35’ st Matarazzo sv).
Tecchio 7 Trova sempre il pallone facendo valere il proprio fisico.
Vullo 6.5 Soffre sulla velocità.
Tinti 7 Perforante con le soluzioni di ripiego. Decisivo col suo gol che chiude la partita(44’ st Radaelli sv).
Sgura G. 6.5 Dà quantità.
Valmez 7 Una garanzia quando serve grande concretezza davanti.
De Piccoli 6.5 Accompagna la manovra con alcuni inserimenti.
Chiappa 6.5 Motore turbo a intermittenza (22’ st Cortese 6).
A disp: Fusai, Makreev, Paradiso, Bove.
Dir: Sgura – Peviani.

ASCOLTA LE PAROLE DEL PRESIDENTE POLI DEL SEGRATE

ASCOLTA LE PAROLE DI SGURA IL PORTIERE DEL SEGRATE


Questa partita la trovi integralmente sul giornale in edicola, oppure se sei un abbonato sull’edicola digitale, insieme alle pagelle. Ricordati di scaricare la nostra Applicazione che trovi sia per i dispositivi Android che iOS. Potrai così aggiornare il risultato della tua partita Live. La redazione avrà poi il compito di reperire i risultati mancanti, di verificare che quelli inseriti dagli utenti siano definitivi, e inviare tramite push l’aggiornamento non appena il girone sarà completato. Per convenzione abbiamo scelto di colorare in rosso i risultati degli utenti e di trasformare in verde quelli verificati dalla redazione.