Christian Abbiati, Vis Nova Under 15
Christian Abbiati, Vis Nova Under 15

Termina sul risultato di 0-0 la mai banale sfida tra Vis Nova ed Enotria. Un pareggio decisamente dolce, che permette ai ragazzi di Morgandi di accedere alle semifinali dove affronteranno in una doppia sfida tutta da vivere lo straordinario Pontisola, in grado di superare in trasferta per 2-0 i campioni regionali in carica dell’Ausonia. La partita in sé è stata intensa, maschia, vera, dove è però mancato il guizzo, quel lampo improvviso in grado di riscaldare l’invernale pomeriggio giussanese. A partire meglio sono i meneghini, consapevoli che per loro l’unico risultato necessario per continuare a sognare il titolo era la vittoria. Malgrado le folate iniziali, le lucertole neroverdi non si fanno prendere di sprovvista e, pian piano, acquistano terreno ed iniziano ad imporsi nei confronti dei rossoblù. Per assistere alla prima occasione dell’incontro bisogna aspettare l’8 minuto, quando Re sbaglia un facile rinvio spedendo la sfera tra i piedi di Troiani; l’attaccante neroverde controlla prontamente e serve in profondità Sala che viene fermato sul più bello dalla pronta uscita di Re, che rimedia in extremis. Nelle fasi iniziali sono i padroni di casa ad avere in mano il pallino del gioco, ma gli ospiti tengono bene in difesa e cercano il colpo vincente su azioni in ripartenza. Il letimotiv del match è dunque questo e dopo svariati tentativi bloccati sul nascere dalla difesa di casa, al 20’ ecco che l’Enotria avrebbe il pallone del vantaggio con Derchie che, servito benissimo al centro dopo una bella azione di Bossi, da ottima posizione calcia alle stelle divorandosi il vantaggio. La prima frazione si chiude di fatto qui, con la Vis Nova che ha mostrato ottime doti di palleggio e gestione; mentre l’Enotria ha mostrato alcuni limiti di una squadra costruita per vincere al quale però sembra mancare quel qualcosa in mezzo al campo che potrebbe fare la differenza. La ripresa si apre con ancora l’Enotria in forte pressione, e al 3’ ancora una volta l’attacco di Ferraioli si dimostra poco cinico divorandosi il vantaggio: Badini sbaglia il disimpegno, la sfera arriva a Ravera che velocemente cerca Silba, ma l’esterno meneghino da ottima posizione strozza in gola la gioia del gol calciando sull’esterno della rete. Subito lo spavento, ecco che i padroni di casa rientrano in partita serrando le linee dietro e pronti nell’attaccare lo spazio con il proprio terzetto offensivo. Con il passare dei minuti aumenta sempre più l’agonismo e l’intensità in campo, e ciò fa si che le occasioni da gol scemano sempre più. Per attendere un altro brivido bisogna aspettare il 28’ quando è Pellegrino a provarci da distanza siderale, con un destro bellissimo che però trova sulla sua strada il prodigioso intervento di Badini. L’Enotria nei minuti finali si riversa in avanti alla disperata ricerca del gol qualificazione; mentre la Vis Nova si divora almeno tre contropiedi interessanti che gli permetterebbero un finale tranquillo. Poco prima del fischio finale sono ancora i meneghini a provarci, nuovamente dalla distanza, questa volta con Derchie che dai 25 metri riceve palla e in un fazzoletto di campo se la sposta e calcia verso la porta, mandando la sfera alta davvero di niente. Con quest’ultimo sussulto si chiude dunque la partita. Un match sicuramente non emozionante e tecnicamente non perfetto che ha premiato la squadra meglio messa in campo e con un’idea di gioco più chiara, la Vis Nova.

VIS NOVA 0

ENOTRIA  0

VIS NOVA (4-2-3-1): Badini 6, Pozzoli 6.5, Allegretti 6.5 (17’ st Di Pentima), Rovelli 6.5, Iorino 7, Sormani 6.5, Zatti 6 (17’ st Molteni 6), Abbiati 7, Sala 6.5, Schiavo 6.5 (29’ st Ballabio sv), Troiani 6 (25’ st Barrese 6). A disp. Romano, Frigerio, Pozzi. All. Morgandi 7.

ENOTRIA (3-5-2): Re 6, Dalloco 6 (33’ st Sammarco sv), Marconi 6, Ferrari 6.5, Maestri 6.5, Bossi 6.5, Silba 7, Ravera 6 (6’ st Falcioni 6), Derchie 6, Pellegrino 7, Virgilio 6 (1’ st Bianchini 6). A disp. Carella, Riboldi, Lascati, Merino. All. Ferraioli 6.5.

ARBITRO: Barbuscio di Como 6 Qualche errorino nel metro di valutazione, ma nel complesso la sua direzione è stata buona.

PAGELLE VIS NOVA

Badini 6 Sbaglia un paio di volte con i piedi, ma si fa trovare pronto tra i pali.

Pozzoli 6.5 Gioca una gara prudente e molto intelligente in fase difensiva.

Allegretti 6.5 Rispetto all’opposto di fascia interpreta il ruolo con più spinta.

Rovelli 6.5 Molto bravo nel gestire il pallone e nel far ripartire velocemente l’azione neroverde.

Iorino 7 Primi 7’ da cancellare, poi si riprende mettendo in scena una prova monstre.

Sormani 6.5 Preciso e puntale, dietro non sbaglia un colpo.

Zatti 6 Ci mette sicuramente tanta volontà, gli è mancata però la giusta convinzione.

Abbiati 7 Il migliore dei suoi, cresce con il passare dei minuti diventando il dominatore del centrocampo.

Sala 6.5 Tanto sacrificio e tanto spirito combattivo in avanti, senza però trovare il colpo del ko.

Schiavo 6.5 Palla a lui, palla in cassaforte. Giocatore estroso e sicuro, tende però troppo a rallentare la manovra offensiva.

Troiani 6 Avanti e indietro sulla fascia come un trattorino, equilibratore neroverde.

All. Morgandi 7 La squadra dimostra di avere una maturità sopra la media nella gestione e nel controllo del match.

PAGELLE ENOTRIA

Re 6 Mai chiamato a compiere grossi interventi, si limita al minimo indispensabile.

Dalloco 6 Sufficienza risicata per l’atteggiamento del primo tempo, svolgliato e troppo compassato.

Marconi 6 Buona gara la sua, difende con ordine e non va praticamente mai in affanno.

Ferrari 6.5 Mente pensante del centrocampo rossoblù, quando viene arretrato la squadra perde di fluidità.

Maestri 6.5 Difensore solido e granitico che non concede nemmeno un metro agli attaccanti brianzoli.

Bossi 6.5 Unico nel suo genere: difende con diligenza, ma è il primo a gettarsi avanti per creare superiorità.

Silba 7 Gioca per primi 50 minuti un altro sport, dimostrando tecnica e atletismo fuori dal comune, nel finale quando più serviva, però, cala vistosamente.

Ravera 6 Abbandonato a sé stesso tra i centrali brianzoli, lotta ma conclude poco.

Derchie 6 Svaria su tutto il fronte offensivo; nel primo tempo si divora il vantaggio e allo scadere manda alto di un soffio un missile terra-aria che sarebbe valso la qualificazione.

Pellegrino 7 Il più frizzante in assoluto della squadra rossoblù. Non da punti di riferimento e si dimostra essere una vera e propria spina nel fianco.

Viriglio 6 Impalpabile. Approccia male la gara e non riesce ad incidere come avrebbe voluto.

All. Ferraioli 6.5 La sua squadra approccia bene la partita con aggressività, è mancato il guizzo giusto.

ASCOLTA LE PAROLE DI MORGANDI

GUARDA LE FOTO DI SQUADRA

SENTI LE DICHIARAZIONI DI FERRAIOLI


Ricordati di scaricare la nostra Applicazione che trovi sia per i dispositivi Android che iOS. Potrai così aggiornare il risultato della tua partita Live. La redazione avrà poi il compito di reperire i risultati mancanti, di verificare che quelli inseriti dagli utenti siano definitivi, e inviare tramite push l’aggiornamento non appena il girone sarà completato. Per convenzione abbiamo scelto di colorare in rosso i risultati degli utenti e di trasformare in verde quelli verificati dalla redazione.