Ciliverghe V.Ciserano Bg Under 16 girone C
Gianpaolo Di Nardo, stella della Virtus Bergamo Under 16

Qui le pagelle squadra per squadra dell’ottava giornata di Under 16 Girone C! Ogni settimana un giudizio sintetico sulla giornata delle formazioni protagoniste dei quattro gironi di Under 16!

Uesse Sarnico: voto 9

La scatenata truppa di Mauro Pozzoni affrontava domenicaun avversario sulla carta tutt’altro che soft: il Villa Valle di Andrea Terzi. Il risultato della partita è stato perentorio, 4-0 per i sarnicensi. Bomber Luca Benti si prende una giornata di pausa (che gli costa la testa della classifica cannonieri dell’Under 16 girone C, ora dominata da Stefano Ferrari dello Scanzorosciate con 11 reti) e la scena la ruba Zoppi, doppietta per lui. Il Sarnico si conferma migliore attacco del campionato, con ben 34 reti realizzate in 8 match: una media spaventosa.

Lemine Almenno: voto 8.5

Missione compiuta nello scontro salvezza con il Suzzara per i prodi ragazzi di Ivan Corti. Partita scoppiettante, piena di gol ed emozioni tra due formazioni che hanno dato spettacolo, con gli schemi saltati e tanti ribaltamenti di fronte. La spuntano gli ospiti per 3-4, un risultato sempre indice di spettacolo e match godibili. Il Lemine vuole la salvezza e lo sta gridando con forza.

Ciliverghe: voto 8

Una vittoria voluta, soffertissima e tirata fino all’ultimo, quella della squadra guidata da Sergio Persegani contro la Rigamonti. Giunge con un autogol su calcio piazzato, che rialza la posizione in classifica dei gialloneri e acuisce il momento negativo degli avversari, in flessione da qualche settimana.

Sporting Franciacorta: voto 8

Non vuole smettere di sognare Marco Romanini insieme ai suoi atleti. Il Brusaporto è un avversario ostico e lo ribadisce spaventando la formazione ospite che coglie quasi all’ultimo respiro, al 39′ del secondo tempo, il gol del definitivo 2-3 con Marchetti. Ormai è chiaro: le quattro dominatrici del girone hanno una squadra alle calcagna che vuole essere predatrice fino alla fine e continuare a sorprendere tutti.

Virtus Bergamo: voto 8

Il Ghedi è bestia mai doma e questo campionato ha dimostrato che si tratta di una formazione assolutamente da non sottovalutare: la Virtus vince, ma gli ospiti non sfigurano. Il dominio assoluto sul girone C non accenna a placarsi e a questo punto c’è una sola data nella mente dei ragazzi di Di Nicola: il 17 novembre, giorno di una partita che è attesa come pochissime altre, visto che affronterà una delle altre furie del girone C cioè l’Uesse Sarnico di Mauro Pozzoni e Luca Benti.

Ponte San Pietro: voto 7.5

9-0 il risultato ai danni del Breno. Una partita senza storia tra due squadre dai valori profondamente diversi, sia a livello tecnico sia a livello di morale.

Scanzorosciate: voto 7.5

Cinque reti a zero contro il Chiuduno Grumellese per ribadire una questione: lo Scanzo si è scrollato di dosso l’etichetta di sorpresa ed è una certezza. Forza caratteriale, buon gioco, una rosa di livello, un bravo allenatore e un caccia torpediniere come centravanti. C’è tutto nella roboante vittoria interna dei bergamaschi. E l’urlo più forte è quello di Stefano Ferrari, che diventa per ora il Re dei bomber di tutta l’Under 16 con ben 11 reti realizzate (classifica marcatori completa sulla nostra App).

Darfo Boario&Mapello: voto 7

Voto in comune per queste due squadre, protagoniste di uno scontro che le ha viste sostanzialmente spartirsi la partita: il primo tempo è di marca padroni di casa, che spaventano e mettono sotto il team di Alessio Magni, ma non basta a trovare il vantaggio. La seconda frazione si apre con il 2-1 Darfo, e da quel momento scende in campo l’orgoglio degli ospiti che rispondono aumentando il ritmo, trovando prima il pareggio e andando a caccia della vittoria: obiettivo frustrato dalla ingenua espulsione di Alberido, stella del Mapello, appena arrivato il 2-2. Comunque, un bel match tra due squadre di qualità.

Brusaporto: voto 6.5

Fa tremare lo Sporting Franciacorta per due volte e viene beffato quando la contesa si avvia al termine, questo Brusaporto. I punti non sono quelli che meriterebbe una formazione cosi combattiva, e alla lunga non si può che fare passi in avanti e migliorare sotto tutti i punti di vista.

Ghedi: voto 6.5

La Virtus Bergamo è l’avversario più duro del girone, ma ciò non spaventa questa coraggiosa formazione. Arriva una sconfitta, ma a testa alta e che lascia ben presagire per il proseguo di una stagione fin qui di ottimo livello. Perdere con gli orobici ci sta, uscirne bene nonostante il risultato è tutto fuorchè scontato.

Suzzara: voto 6

La partita era fondamentale ed è giunta una sconfitta, che non può però precludere la sufficienza per questa settimana a Loffredo e co. 3-4 è un risultato da partita combattuta e che può essere vinta o persa in base a episodi o sfortuna. Come sempre detto, bisogna prendere meno reti perché il potenziale offensivo non è da sottovalutare. Il tempo stringe, è ora di svoltare sopratutto a livello mentale.

M. Rigamonti: voto 6

La sconfitta 0-1 con il Ciliverghe arriva in modo davvero rocambolesco e sfortunato, c’è da dire però che questa formazione deve tornare a sorprendere come ha fatto ad inizio anno per restare agganciata alle zone che contano. Archetti è un tecnico bravo e saprà toccare le corde giuste per far tornare a suonare la sua orchestra.

Villa Valle: voto 5

Prestazione deludente al cospetto del Sarnico, che è avversario sicuramente difficilissimo, tuttavia l’atteggiamento e l’approccio al match sono stati molto negativi e hanno permesso ai padroni di casa di prendere il sopravvento in modo troppo facile, andando in vantaggio dopo appena due minuti dal fischio d’inizio. A livello di valori questa squadra parte certamente dietro le big ed ha grandi orizzonti di miglioramento che deve esplorare,  tuttavia non possono mancare in match così stimolanti la grinta e la forza d’animo.

Chiuduno Grumellese: voto 5

Durissimo lo Scanzorosciate di quest’anno, ma anche qui vale il discorso delle altre candidate a giocarsi la salvezza: bisogna fare di più sotto tutti i punti di vista per ben figurare in un campionato regionale di alto livello come questo.

Breno: voto 4.5

Questo è un voto duro e difficile da dare. Perchè parliamo di ragazzi di sedici anni, perché l’Under 16 è un campionato sicuramente complicato e difficile e perché ci sono oggettivamente avversari molto più forti, come appunto il Ponte San Pietro. La sconfitta, anche tante volte consecutive e anche pesante, può arrivare per tutti. C’è, come in tutti i discorsi, un però: 9-0 è un risultato che frustra ogni sforzo fatto per fare passi in avanti. La colpa in caso di risultati simili è di tutti, senza addossare eccessive responsabilità a nessuno dei protagonisti.

 


Vivi Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE