Finale Allievi regionali fascia B, Jaouhari sblocca e incanta la platea, Riva mette la parola fine e consegna la Coppa a Di Nicola
Ilario Di Nicola, tecnico della Virtus Ciserano Bergamo in Under 16 Girone C

Qui le pagelle squadra per squadra della settima giornata del Girone C! Ogni settimana un giudizio sintetico sulla giornata delle formazioni protagoniste dei quattro gironi di Under 16!

Darfo Boario: voto 8

A causa di qualche risultato non ottimale la classifica si stava facendo calda in negativo: il campanello d’allarme sveglia i ragazzi di Norman Fontana che mettono in campo tutto ciò che hanno e rifilano un poker perentorio al Chiuduno Grumellese. Il Darfo riparte da qui, con una nota di grande e dovuto cuore: la vittoria come tutte quelle di questa società in ogni categoria questa giornata, è per Luca Vielmi, uno dei figli storici del Darfo Boario, protagonita di uno sfortunato incidente giovedi sera. A lui i migliori auguri di pronta guarigione. Forza Luca, non sei solo!

Sporting Franciacorta: voto 8
Colpo grosso, in termini di classifica, in Franciacorta. Otto reti casalinghe al Suzzara, intermezzate dalla marcatura di Lomellini per gli ospiti, lanciano sulle stelle i giovani talenti di Marco Romanini: 13 punti, -3 dal terzo posto, -4 dal quarto. Eccellenti Viti e Patarini, quattro gol in due per i campioncini dello Sporting. Le zone alte dell’Under 16 Girone C hanno un nuovo predatore.

Mapello: voto 8
Per una squadra con queste qualità 7 punti in 6 partite sono decisamente pochi, e la doppia cifra nel punteggio viene raggiunta con una prestazione da applausi a scena aperta ai danni della Rigamonti, una delle formazioni più in forma dell’ultimo periodo e gestita da un bravo tecnico come Archetti. Magni torna a correre e a meravigliare dopo lo splendido inizio di stagione.

Scanzorosciate: voto 7.5
Lo stop della scorsa settimana è dimenticato. Il Lemine Almenno viene travolto con quattro reti e una grande gestione del match. Standing ovation per Stefano Ferrari, una vera furia in avanti: tripletta per lui, 9 reti stagionali.

Ghedi: voto 7.5
Altra grande rivelazione di questa stagione, il Ghedi si conferma ad alto livello battendo un avversario mai semplice quale è il Brusaporto. Una bella soddisfazione per questa società, che non ha alcuna voglia di lasciare il gruppone di squadre, ben 6, che sono racchiuse in appena 4 punti dalla settima alla seconda posizione.

Virtus Ciserano Bergamo: voto 7
L’avversario non era una big nell’ Under 16 Girone C, ma il voto va tutto alla prima fuga stagionale, complici gli altri risultati. I +4 e +5 punti sulla seconda e sulle due terze non possono che lanciare un segnale a tutti: lo sceriffo non ha la minima intenzione di lasciare il forte.

Uesse Sarnico: voto 7
Giornata dura, difficile, di quelle che spesso si rivelano insormontabili. Non è cosi per Pozzoni e il suo Sarnico, che a fronte di un grandissimo Ciliverghe colgono una vittoria sofferta e voluta ma dal peso specifico inquantificabile. La chiude, come sempre, Luca Benti, bomber assoluto del girone C a +1 su Ferrari dello Scanzorosciate.

Ciliverghe: voto 7
Ma come, lo stesso voto sia agli sconfitti che ai vincitori? Sissignori, lo stesso voto. L’Uesse Sarnico è una delle big assoluto del girone e senza la piccola disattenzione della prima giornata sarebbe attaccata alla Virtus Bergamo. Il Ciliverghe mette in campo tutto ciò che ha, in termini di gioco qualità e carattere e gioca una partita che gli fa guadagnare i complimenti degli avversari. La classifica non è positiva, ma l’impianto di gioco c’è e c’è tempo per crescere: questa squadra ha potenzialità ed è gestita da un grande allenatore.

Villa Valle: voto 7
Partita folle quella che vede contrapposta la banda di Terzi al Ponte San Pietro. Gli ospiti vengono raggiunti sul 2-2 da un gol di Simone Locatelli a tempo praticamente finito, a dimostrazione che la cura Andrea Terzi funziona e questa squadra ha margini di miglioramento molto importanti. La prossima settimana il trittico di partita ad altissima tensione troverà, per i giovani bergamaschi, il suo culmine: arriva l’Uesse Sarnico, dopo Virtus Bergamo la scorsa settimana e Ponte San Pietro in questa.

Ponte San Pietro: voto 6.5
Piccolo passo avanti per il Ponte, che però non vince per la seconda volta di seguito ed è sopratutto un brutto colpo a livello morale: come la settimana scorsa, peggio della settimana scorsa, la truppa di Pirovano è raggiunta dagli avversari praticamente allo scadere. 7 giorni fa fu il Ciliverghe, domenica è stato il Villa Valle.

Brusaporto: voto 6

Bisogna spostarsi dalla fornace della classifica e farlo velocemente. Il Ghedi è un osso durissimo e una sconfitta ci sta, tuttavia serve qualcosina in più per stare pienamente tranquilli. Questa formazione ha carattere ma deve essere più concreta e cinica. C’è tempo per crescere, non bisogna sprecarlo.

Mario Rigamonti: voto 6
Si interrompe la striscia positiva di Archetti contro un grande Mapello. La prestazione non è negativa, ma non è certamente a livello di quelle delle ultime settimane che avevano proiettato questa squadra nelle posizioni nobili. Niente è perduto, bisogna solo ripartire.

Lemine Almenno: voto 5.5 
Un peccato questa sconfitta per Corti e i suoi ragazzi. Per come arriva, con un pesante 0-4 interno contro il Darfo. La prestazione non è da buttare, ma la fase difensiva è da registrare perchè 19 reti subite in 7 partite non sono poche. Da migliorare anche la fase d’attacco, il Lemine ha realizzato 5 reti, solo due più del peggiore attacco del campionato, il Breno fermo a 3.

Chiuduno Grumellese: voto 5.5
Avversario tosto, lo Scanzorosciate, specialmente con uno Stefano Ferrari in tale stato di grazia. Però il Chiuduno non riesce ad opporre una resistenza valida agli assalti della banda di Pandini e conferma le proprie difficoltà durante la gestione del match.

Breno: voto 5.5
Periodo davvero nero per Pennacchio e i suoi. La classifica non si sblocca e in questa giornata la squadra opposta al Breno era davvero proibitiva: la Virtus Bergamo. Il risultato è perentorio, 0-4, e la situazione si fa difficile anche in chiave salvezza.

Suzzara: voto 5
Perdere contro una grande squadra come lo Sporting Franciacorta non è grave, perdere però 8-1 vanifica tutti i passi avanti, indiscutibili, fatti nelle precedenti settimane in termini di gioco e attenzione. L’emergenza più importante è quella difensiva, non si possono concedere 38 reti in 7 partite agli avversari alla media di 5.4 gol concessi per match giocato. Migliorare questo dato per crescere è la prima cosa.