Mattia Scaringi idolo di questo Alcione
Mattia Scaringi idolo di questo Alcione

L’Alcione accede alle semifinali dopo aver sofferto più del previsto contro il Sarnico. La squadra di Russo, infatti, sembrava in totale controllo del match dopo i primi quaranta minuti. Nella seconda parte, invece, ha dovuto ringraziare più volte la sorte, che invece ha voltato le spalle in maniera beffarda ai ragazzi di Duci. I due tecnici iniziano la gara con due moduli a specchio. Se in casa orange la formazione è quella tipo, con il ritorno in difesa anche di capitan Scaringi, sulla sponda ospite i problemi non mancano: Alegiani è influenzato ma stringe i denti per giocare questo grande appuntamento, ed anche Rossi non è al meglio. Defezioni importanti per il Sarnico, che non può contare sulle proprie punte di diamante al 100%. Il primo tempo scorre via in totale controllo per i padroni di casa. Scaringi e Aiello manovrano palla con tranquillità, Campana, spesso da vertice basso, si fa dare molti palloni. I centrocampisti si trovano a meraviglia e i terzini svolgono le due fasi al meglio. Campana completa questo splendido quadro con un gol meraviglioso: in area di rigore, infatti, il numero 4 si libera in dribbling di tre avversari e scarica in rete il gol del vantaggio. Per l’Alcione, al quale basta anche il pari per passare, la strada si fa in discesa. Anche perché, il Sarnico nella prima frazione fatica a costruire trame da gioco interessanti. È così Foppapedretti non corre mai veri e propri pericoli, a differenza di Fasolini che vola per respingere un super tiro di Cicoria. Nella ripresa Duci rivoluziona la sua squadra, inserendo fin da subito tre forze fresche. I risultati si vedono fin da subito, ed hanno un cognome a rappresentarli: Fustinoni. Dopo cinque minuti dal suo ingresso, infatti, il numero 16 impegna Foppapedretti con un bel colpo di testa. Quest’occasione non è che il preludio al gol del pari. L’Alcione, infatti, abbassa molto il baricentro concedendo più campo alla squadra bresciana e proprio con Fustinoni riacciuffa il match: splendido il suo tiro dal limite dell’area. L’inerzia della gara cambia totalmente, con un Alcione sempre più intimorito di buttare via quanto di buono fatto fin a quel momento e con un Sarnico, invece, sulle ali dell’entusiasmo. I minuti chiave diventano il 32 e il 33, quando il Sarnico ha una doppia, clamorosa, occasione per pareggiare. Da un cross dalla sinistra, infatti, Scaringi devia involontariamente il pallone verso la sua porta ma trova il palo a correre in suo aiuto. Un solo giro di lancette dopo, invece, il Sarnico da un calcio di punizione trova in mischia un’incredibile traversa. Sembrano davvero dei segni del destino che il pallone non ne volesse sapere di varcare la linea di porta. Così è: nonostante i 6 minuti di recupero concessi dall’arbitro, agli ospiti non riesce l’impresa di ribaltare il risultato. Resta sicuramente l’amaro in bocca: come sarebbe finita se il Sarnico avesse giocato con tutti i suoi ragazzi al meglio? Domanda alla quale l’Alcione non vorrà mai trovare una risposta. Russo e i suoi si godono un grande traguardo con una grande convinzione: se giocheranno le semifinali come il hanno interpretato questo primo tempo, ci sarà poco da fare per tutti. La Folgore Caratese è avvisata.

 

ALCIONE-UESSE SARNICO 1-1

RETI: 12′ Campana (A), 24′ st Fustinoni (S)

Alcione (4-3-3): Foppapedretti 7, Rusconi 6.5 (33′ st Domeniconi 6), Redaelli 7, Campana 7.5, Aiello 7 (14′ st Calvio 6.5), Scaringi 7, Recalcati 6.5 (28′ st Invernizzi 6), Apicella 6.5, Piccone 6.5, Ingargiola 6.5 (16′ st Maiorana 6), Cicoria 7. A disp. Gambelli, Abbondanza, Favale, Brogi, Latini. All. Russo 7.5. Dir. Bonini.

Uesse Sarnico (4-3-3): Fasolini 7.5, Villa 6, Beldenti 6.5 (35′ st Massetti sv), De Felice 7, Zambonelli 6.5 (17′ st Zoppi 6), Musatti 7, Rossi 6 (1′ st Fustinoni 7.5), Manenti 6 (1′ st Staffoni 6.5), Alegiani 6 (1′ st Massoletti 6.5), Vicini 6.5, Benedetti 6 (12′ st Lozza 6). A disp. Vitali, Lamera, Gritti. All. Duci 7. Dir. Guariglia.

ARBITRO: Colitti di Sesto San Giovanni 7

AMMONITI: 31′ Vicini (S), 16′ st Zambonelli (S), 17′ st Cicoria (A), 29′ st Rusconi (A), 30′ st Piccone (A), 40′ st Fustinoni (S).

 

Pagelle

ALCIONE

Foppapedretti 7 Dopo un primo tempo da spettatore, si scalda i guantoni subito nel secondo tempo, dimostrando di essere in partita. Molto coraggioso nelle uscite, incolpevole sul gol.

Rusconi 6.5 Meno spinta del solito nonostante nel primo tempo gli spazi ci siano. Quando ha la possibilità, infatti, allunga la falcata.

Redaelli 7 Prestazione enorme del terzino che non sbaglia davvero un intervento. Perfetto negli anticipi, pulito nelle chiusure e sempre concentrato.

Campana 7.5 Gara maiuscola del regista dell’Alcione. Baricentro perfetto tra attacco e difesa, tocca una quantità immensa di palloni. E poi che gol che inventa: una giocata da ricordare a lungo.

Aiello 7 In scivolata o di testa, lui è sempre presente. È davvero difficile andargli via nel primo tempo. Si arrende per un infortunio, l’ambiente Orange si augura non sia nulla di grave.

Scaringi 7 Da capitano carica i suoi fin dal riscaldamento. Nel primo tempo gestisce il giro palla, baluardo nel finale arrembante del Sarnico: lui non si scompone e respinge gli assalti.

Recalcati 6.5 Nel primo tempo appare troppo frettoloso, sbagliando palloni semplici. Si riprende con tanta corsa e sacrificio al servizio della squadra.

Apicella 6.5 Anche lui è grande protagonista nel primo tempo grazia ad una grandissima facilità di palleggio. Più in difficoltà nella ripresa, anche se non sfigura.

Piccone 6.5 Si accende a fiammate, nel secondo tempo crea diversi grattacapi a Fasolini che vola su un suo fendente negandogli la gioia di un super gol.

Ingargiola 6.5 Largo a destra, si scambia spesso la posizione con Piccone. Prova a mettere in luce la qualità del quale è dotato. Può essere un giocatore importante.

Cicoria 7 Parte col botto con una grandissima giocata sulla quale trova solo il numero 1 ospite a dirgli di no. In un finale difficile non si abbassa e si propone spesso.

All.Russo 7.5 La squadra vista nel primo tempo ha davvero impressionato per la capacità di gestione del pallone. Se questo è l’Alcione ci sarà poco da fare per chiunque.

Uesse Sarnico

Fasolini 7.5 Se la sua squadra resta in gara fino alla fine, il merito è anche suo. Per informazioni chiedere a Cicoria e Piccone: le parate che compie sono da vedere e rivedere.

Villa 6 Soffre le avanzate di Cicoria&Co, che spesso è volentieri decidono di avanzare nella sua zona. Il terzino prova a limitarli come può.

Beldenti 6.5 Dalla sua parte le acque sono più tranquille. Col passare dei minuti cresce di personalità provando anche qualche affondo.

De Felice 7 Difensore d’altri tempi, la sua gara nel complesso è positiva. Giocare contro l’attacco dell’Alcione non è semplice, lui se la cava molto bene.

Zambonelli 6.5 Ci mette molta foga, a tratti forse troppa. Sfrutta al massimo il suo fisico contro Piccone, di testa superarlo è da mission impossible.

Musatti 7 La sua prestazione è in crescendo. Come tutti i suoi patisce un primo tempo complicato, nel secondo è protagonista della rimonta, quasi, avvenuta.

Rossi 6 Non gioca al pieno del suo potenziale per via di qualche problema di troppo. Peccato, in una gara così la sua classe avrebbe potuto fare la differenza.

1′ st Fustinoni 7.5 Entra e cambia la partita. Prima sfiora di testa il gol del pari e poi lo trova con un grandissimo tiro da fuori che lascia di sasso Foppapedretti. Impatto esplosivo.

Manenti 6 Finisce anche lui nel vortice dei cambi di fine primo tempo. Prova qualche strappo ma non è troppo supportato dai suoi.

Alegiani 6 Gioca lo stesso nonostante un forte attacco influenzale che si porta dietro da tempo. Non è al meglio è si vede, ma lo spirito è davvero da Oscar.

Vicini 6.5 In una prima frazione difficile prova, da leader, a suonare la carica. L’ammonizione del primo tempo dimostra come fosse già in partita pronto a battagliare.

Benedetti 6 Fatica anche lui ha trovare i giusti spazi dove mostrare la sua classe. Non era sicuramente una gara facile.

All. Duci 7 Per un pelo non gli riesce lo scherzetto in casa Alcione. Quella doppia occasione palo/traversa grida ancora vendetta. Questo risultato non cancella una super stagione: per il momento è ancora lui l’unico ad essere imbattuto contro la Virtus. Scusate se è poco.

ASCOLTA L’INTERVISTA A FINE GARA DI RUSSO, ALCIONE

SENTI LA PRIMA PARTE DELL’INTERVISTA DEL TECNICO DUCI

ASCOLTA IL COMMENTO SULLA STAGIONE DEL TECNICO DUCI

GUARDA LE FOTO DELLA PARTITA

Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.