Cedratese
La Cedratese Under 16 aspetta di conoscere il nuovo allenatore

Due addii pesanti in poche ore alla Cedratese. Dopo le dimissioni annunciate dal direttore sportivo Dario Lo Bello nelle immediate ore precedenti l’ultimo week-end calcistico, nella serata di lunedì la dirigenza gallaratese ha deciso di esonerare il tecnico dell’Under 16 Amedeo Testa. Quattro punti in nove giornate per una squadra che, durante l’estate, ha perso alcuni pezzi pregiati ma che dava buoni segnali per quanto riguarda le prestazioni e compattezza del gruppo. Per Amedeo Testa si tratta del primo esonero in quindici anni di carriera maturata tra Gallaratese, Soccer Boys, Sestese, Besnatese e, appunto, Cedratese. «Preferisco non commentare e accetto la decisione della società», le parole del tecnico che con il ds Lo Bello ha condiviso quasi tutte le ultime esperienze calcistiche.

Dario Lo Bello, che ha annunciato le dimissioni da pochi giorni, spiega il motivo del suo addio: «Era un periodo che non mi trovato completamente in sintonia con qualcuno ma resto amico della società. Nella mia decisione hanno pesato una serie di fattori, tra cui i miei futuri impegni personali. Userò questo periodo per riflettere se in futuro varrà ancora la pena impegnarsi nei settori giovanili o tornare alle prime squadre». Sotto la direzione sportiva Lo Bello la Cedratese ha compiuto un vero e proprio salto di qualità come testimoniano le tre categorie Regionali su tre e l’affiliazione al Milan con la Scuola Calcio. «La Cedratese c’era prima e ci sarà anche dopo di me. Io ho contribuito per la mia parte come hanno fatto il presidente Stefano Bettinelli, Cristian Siano e Gianluigi Daniele». Infine la chiusura sull’esonero di Amedeo Testa: «Mi spiace tantissimo: io so come lavora e non sono mai stato per cambiare gli allenatori in corsa».

Nelle prossime ore il presidente Stefano Bettinelli ufficializzerà il nome del nuovo allenatore dell’Under 16, mentre alla direzione sportiva è approdato Luigi Bellorini, già dirigente della società. «Le due situazioni sono differenti: con Lo Bello ci siamo lasciati in maniera consensuale, con Testa abbiamo dovuto prendere una decisione a malincuore: quattro punti sono pochi e già nel girone di ritorno dell’anno scorso i risultati erano un po’ mancati. Verso Testa c’è la massima stima ma bisognava intervenire», spiega il presidente Bettinelli.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.