20 Ottobre 2020 - 23:14:47
sprint-logo

Rhodense-Magenta Under 16, scoppia il caso arbitrale: c’è l’errore tecnico?

Le più lette

Moncalieri Calcio – Beiborg Under 15: Adamo e Trogu, il frutto del Beiborg

Grande prestazione del Beiborg che vince, in trasferta, contro il Moncalieri con il risultato di 0-5. Una gara incandescente,...

Fino al 13 novembre non ci saranno partite giovanili sia regionali che provinciali in tutta Italia

È servita una nottata per avere maggiore chiarezza riguardo l'interpretazione del DPCM e le categorie interessate allo stop fino...

Under 19 Regionale Lombardia: goleade Castello Cantù e Schuster, cinquina Ciliverghe, show La Spezia – Rozzano

Procede zoppicando la stagione dell'Under 19 che nel primo turno infrasettimanale vede ben 10 partite rinviate, praticamente un quarto...

Rhodense-Magenta, gara valida per il turno infrasettimanale del girone A di Under 16, conclusa con la vittoria degli orange per 1-0, diventa un caso. Il protagonista in negativo della questione è il direttore di gara: Arthur Eba, appartenente alla sezione della Lomellina. L’episodio incriminato avviene a pochi minuti dalla fine, quando il risultato è ancora in bilico. Il direttore di gara assegna un calcio di rigore alla squadra ospite, che ha così la possibilità di pareggiare la partita. Sul dischetto si presenta Franchi, il quale inizialmente si fa intercettare il tiro, ribattuto però successivamente in rete. Tutto regolare? apparentemente sì, ma non per il direttore di gara. Il Signor Arthur Eba annulla infatti la rete, giustificando in maniera complessa l’episodio. «L’arbitro ha prima detto che era fuorigioco, dopodiché ha invece detto che il calciatore non può ritoccare il pallone dopo la ribattuta del portiere», ha dichiarato Il tecnico ospite Francesco Fraschini.

Una decisione evidentemente errata quella del direttore di gara, che potrebbe avere importanti ripercussioni per il futuro. Il Magenta sembrerebbe infatti intenzionato a presentare ricorso il quale, se presentato nella giusta maniera e nei giusti termini di tempo, sancirebbe l’errore tecnico dell’arbitro. La conseguenza? Gara ripetuta. «Il mio dirigente si è già attivato per presentare ricorso – aggiunge Fraschini – dunque speriamo possa andare tutto a buon fine. Non lo facciamo tanto per la sconfitta, quanto per l’atteggiamento che l’arbitro ha avuto durante tutto il corso della gara».

L’ANALISI

Vediamo però cosa dice il regolamento. Quando si parla di calci di rigore, la procedura che i direttori di gara devono seguire è molto chiara. Nella fattispecie rappresentata anche grazie al video amatoriale gentilmente fornitoci dagli spettatori della partita, si evince la totale regolarità del gol. Il calciatore incaricato a calciare il calcio di rigore, ovvero Franchi, ha il pieno diritto di ritoccare il pallone a seguito della respinta del portiere. Quale sarebbe stato il caso nel quale non avrebbe potuto farlo? Se il pallone fosse tornato tra i piedi del calciatore incaricato al calcio di rigore, dopo aver sbattuto su un palo o su una traversa. Comunque senza essere stato toccato dal portiere o altri calciatori avversari.
Il risultato? Un evidente errore – e aggiungerei orrore – tecnico da parte del direttore di gara.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli