12 Giugno 2021

Rhodense Under 16: parola a Loris Biancu, stella degli orange di Dragonetti

Le più lette

Virtus Ciserano Bergamo-Real Calepina Serie D: tanti cartellini, ma nessun gol tra Mutti e Carminati

Pareggio di fine stagione tra Virtus Ciserano e Real Calepina in una gara povera di occasioni ma allo stesso...

Torino-Cagliari Under 15: Dimitri e Scarfiello rimontano i rossoblù, Raballo chiude il match

Vince e convince il Torino nel test match contro il Cagliari al campo sportivo Antonio Bertolotti di Volpiano: i...

Sancolombano Eccellenza: torna Michele Scognamiglio nel ruolo di Direttore Sportivo

Il campionato non è ancora concluso ma i club cominciano già a pianificare la prossima stagione, che dovrebbe essere...

Loris Biancu, ormai al terzo anno alla Rhodense, si era fatto notare nelle prime partite di campionato per delle buonissime prestazioni e per un importante gol vittoria contro il Magenta. Il centrocampista classe 2005, infatti, alterna degli ottimi recuperi palla in fase difensiva a delle splendide giocate offensive. A causa della sua corsa e della sua resistenza è stato spesso schierato nel ruolo di terzino, ma è come mezz’ala che riesce a dare il meglio di sé. Grazie alla sua duttilità può giocare da entrambi i lati garantendo sempre un ottimo contributo nelle ripartenze in velocità. Ricorda, per alcune caratteristiche, il centrocampista nerazzurro Nicolò Barella, un lottatore che non si arrende mai nelle situazioni di difficoltà.

Come da lui raccontato, la passione per il calcio è nata subito: «Ho iniziato a giocare da piccolissimo. Passavo le mie giornate al parco a inseguire il pallone. Poi è nata la passione per la Juventus, guardavo tutte le partite con mio padre e man mano mi sono innamorato di questo sport». Fin da subito iniziò a cercare una squadra adatta a lui, in un primo momento giocò con la Nuova Sa.Mo., poi si traferì alla Cassina Nuova dove fu presto notato dall’Aldini. Proprio con i giovani falchi visse uno dei ricordi più belli della sua carriera, giocando a Coverciano nel torneo: “Sei bravo”. Le emozioni del correre sul prato dell’”Università del Calcio”, dove si allenava la Nazionale, furono indescrivibili. A tutto ciò si aggiunse l’immensa soddisfazione della vittoria del torneo, per lui indimenticabile. Dopo l’Aldini fu poi il momento della Pro Sesto, prima di approdare definitivamente tra le fila degli Orange.

Ora sembra aver trovato l’ambiente ideale. Tutti gli allenatori che ha incontrato negli ultimi tre anni gli hanno insegnato tantissimo e sente costantemente di migliorare. Il gioco di Dragonetti, in particolare, esalta le sue qualità, permettendogli di esprimersi al meglio. Loris parla così del tecnico: «Mi trovo benissimo con il mio attuale allenatore, lui ci dà sempre la carica e ci sprona a fare meglio. Abbiamo visto i risultati in questo inizio di campionato, quando siamo riusciti a battere la Masseroni, una delle squadre più forti del girone». Prima dello stop, infatti, la Rhodense era riuscita a imporsi nel girone a punteggio pieno. Gli obiettivi di Loris, dunque, sono rimasti quelli di inizio stagione: ricominciare con la massima concentrazione e puntare alla vittoria finale. Il suo sogno, in particolare, è quello di riuscire ad arrivare nel calcio professionistico e di giocare un giorno con la maglia della sua squadra del cuore: la Juventus.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli