12 Agosto 2020 - 14:51:41

Seregno-Tritium Under 16: Lepore trascina i biancocelesti, Rizzo firma la rimonta dei little spartans

Le più lette

Castellazzo, Nobili al posto di Adamo in panchina

D'un tratto il Castellazzo diventa l'ultima panchina di Eccellenza a registrare uno scossone. Dopo due anni la strada di...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

Federico Albisetti, dalla cantera dell’Alpignano all’Under 18 del Torino

Non c'è ancora la firma, ma è solo una questione di giorni, a settembre Federico Albisetti sarà un giocatore...

Finisce con un rocambolesco 3-3 il big match tra Seregno e Tritium, valevole per il recupero della prima giornata del girone di ritorno. Ad una grandissima Tritium nel primo tempo risponde un Seregno rinvigorito nella ripresa, con i little spartans autori di una clamorosa ed inaspettata rimonta. I padroni di casa, reduci dall’impresa casalinga contro la Vis Nova, portano a casa un punto tanto sofferto quanto fondamentale in ottica classifica, che gli permette di mantenere il quarto posto in solitaria. Primo pareggio del nuovo anno invece per la Tritium, che non riesce nell’en plein brianzolo, dopo il trionfo dello scorso turno in casa della Folgore Caratese. La squadra di Gregori, nonostante il rammarico per essersi vista sfuggire una vittoria apparentemente in tasca, si conferma essere in un grande stato di forma, soprattutto mentale. Bastano infatti pochissimi minuti per capirlo.

Dopo un avvio con il freno a mano tirato, nella suggestiva cornice dello Stadio Ferruccio sono gli ospiti a prendere in mano il pallino del gioco, mostrando qualità tecniche e ottime doti nel palleggio. Il 4-3-3 disegnato da Gregori è la dimostrazione del grande momento dei biancolelesti: niente paura, mentalità offensiva e sicurezza nei propri mezzi. Il fulcro del gioco degli ospiti è Koenig, mediano dalla tecnica sopraffina. Affianco a lui spiccano Rinaldi e Cortazzo, con quest’ultimo al rientro in campo da titolare. Dopo i primi dieci minuti di studio sono proprio le due mezzali a far cambiare marcia alla propria squadra, riuscendo a servire sempre più frequentemente Lepore. E’ proprio il bomber biancoceleste a sbloccare il risultato al 16′. Un mix di tecnica, classe e freddezza: gol numero 14 in campionato per il 9 ospite, che capitalizza una splendida azione infilando Sala con un destro dal limite dell’area. Passano solamente quattro minuti ed ecco il raddoppio con Giombelli. La combinazione da applausi tra Ronchi e Cortazzo libera sulla sinistra proprio il numero 11 ospite, che proprio dalla stessa mattonella dalla quale Lepore ha trovato il vantaggio, pesca il jolly infilando Sala sotto la traversa.

Sulle ali dell’entusiasmo dopo il trionfo nel derby brianzolo contro la Vis Nova, Galimberti si affida ad un ordinato 4-4-2. Le redini dell’attacco sono affidate alla coppia tutta qualità formata da Patete e Rizzo, mentre la linea mediana è formata dalla Siclari e Buran. Sebbene nei primissimi minuti i little spartans siano riusciti ad approfittare della superiorità numerica sulle corsie laterali, i primi pericoli passano proprio per le vie centrali. L’inferiorità numerica mette in grande difficoltà proprio Siclari e Buran, i quali faticano a fare filtro e non riescono a servire con costanza la coppia d’attacco. Di fronte al muro apparentemente invalicabile alzato dalla Tritium, cosa meglio di una palla inattiva per rendersi pericolosi? Al 30′ arriva infatti il gol del pareggio sugli sviluppi di calcio d’angolo. Il pallone velenoso messo in mezzo da Siclari porta allo sfortunato errore Rinaldi, che infila il pallone nella propria porta alle spalle di un incolpevole Lisandri.

Dopo mezz’ora di apnea il Seregno rientra così in partita, ma la tanto attesa scossa dopo il gol tarda ad arrivare. Dall’altra parte gli ospiti prendono ancora più fiducia, continuano ad esprimere un grandissimo calcio palla a terra e cercano con insistenza il terzo gol. L’occasione di rimettere due gol tra sé e gli avversari è infatti nell’aria. Scorre il minuto 37 quando Campanile si dimentica di essere un terzino ed offre con un lancio di trenta metri un pallone delizioso a Ronchi: l’11 di casa, a tu per tu con Sala, non riesce però a concludere con forza. Gli attacchi degli ospiti si fanno però sempre più insistenti, e vengono premiati a due minuti dalla fine. Rinaldi serve ancora Ronchi in area, il quale viene atterrato irregolarmente: per l’arbitro è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Lepore, che non sbaglia e sigla il suo quindicesimo gol in campionato, raggiungendo così Galbiati della Vis Nova in testa alla classifica marcatori.

Il risultato di 1-3 all’intervallo sembra consegnare virtualmente la vittoria nelle mani dei biancocelesti, ma mai dare per morti i little spartans di Galimberti. I padroni di casa entrano infatti in campo rinvigoriti nella ripresa, chiaro segnale dello scossone mentale dato dal tecnico Galimberti. I frutti di questo lavoro sulla testa arriva dopo solamente un minuto dal fischio d’inizio: Rizzo dal lato corto dell’area mette in mezzo un pallone apparentemente innocuo, la difesa ospite respinge però con superficialità e con grinta e cattiveria Siclari firma il 2-3 che riapre tutto. Con la stessa grinta e convinzione è invece Rizzo a rimettere le cose al proprio posto al 20′. L’attaccante dei little spartans, servito benissimo da Pozzi, vince il contrasto con Parisi e con un diagonale preciso batte Lisandri. Gol numero tredici in campionato per il “nove” di casa: la ciliegina sulla torta in una prestazione maiuscola.

Complice un evidente calo fisico, la Tritium fatica molto a mantenere i ritmi della prima frazione. Le sostituzioni di Koenig e Cortazzo, entrambi usciti per un piccolo problema fisico, cambiano radicalmente il modo di giocare degli ospiti, con Lepore che fatica a trovare palloni giocabili. L’unica occasioni per il centravanti biancoceleste arriva al 5′, quando servito da Rinaldi calcia di poco fuori da buona posizione. Il tiro di poco a lato del centravanti risulta essere l’unica vera occasione per gli ospiti, in un secondo tempo equilibrato e giocato sul filo dei nervi. Quando il pareggio sembra essere il normale epilogo di questa gara arriva l’occasione per il Seregno. Al 38′ la punizione dal limite di Rizzo è però ben disinnescata da Lisandri, che si esibisce in una grandissima parata che salva così il risultato.

Un pareggio amaro per come si era messa la partita per la Tritium, mentre il Seregno può essere soddisfatto di aver ripreso una partita apparentemente chiusa già all’intervallo. Restano così due le lunghezze che separano la squadra di Galimberti da quella di Gregori in classifica, entrambe comunque saldamente in zona playoff.

SEREGNO-TRITIUM 3-3
RETI: 16′ Lepore (T), 22′ Giombelli (T), 30′ aut. Rinaldi (T), 40′ rig. Lepore (T), 1′ st Siclari (S), 20′ st Rizzo (S).
SEREGNO (4-4-2): Sala 7, Imburgia 7, Bajrami 6.5 (10′ st Baratta 6), Salomoni 6, Fabrizio 6.5, Siclari 7.5, Barzaghi 7, Buran 6.5 (6′ st Maisano 7), Rizzo 8, Patete 7, Pozzi 6.5 (24′ st Frasi 6). A disp.: Marzana, Tonelli, Panicucci, Iannini, Aceto, Sanzo. All. Galimberti 7.5. Dir.: Frasi.
TRITIUM (4-3-3):Lisandri 7.5, Pattarello 6.5, Campanile 7.5, Koenig 7 (24′ st Passoni 6), Hari 6.5, Parisi 6.5, Giombelli 7, Rinaldi 7.5, Lepore 8, Cortazzo 7 (7′ st Toppi 6.5), Ronchi 6.5 (25′ st Marcantonio 6). A disp.: Oggionni, Villa, Crippa, Donnemma. Inchiostro Sousa. All. Gregori 8. Dir.: Lepore.
ESPULSO: 41′ st Frasi (S).
ARBITRO: Nacchiro di Monza 7 Direttore di gara in categorie superiori e si vede. Perfetto nella gestione disciplinare, convincente nella valutazione dei numerosi episodi di fuorigioco.

PAGELLE SEREGNO

Galimberti 7.5 La sua mano si vede nella ripresa: lo step mentale è evidente, punto guadagnato con forza e voglia.
Sala 7 Sui gol subiti può fare ben poco, ottimo intervento su Ronchi.
Imburgia 7 Parte con il freno a mano tirato e soffre Giombelli. Un altro giocatore nella ripresa.
Bajrami 6.5 Si preoccupa più di difendere che di spingere, scelta saggia considerando la velocità di Ronchi. (10′ st Baratta 6).
Salomoni 6 Il confronto fisico con Lepore non è affar semplice, qualche disattenzione di troppo nel primo tempo.
Fabrizio 6.5 Come il compagno di reparto soffre Lepore, ripresa di alto livello.
Siclari 7.5 Il gioco dei suoi nel primo tempo non lo favorisce. I calci piazzati sono tutti suoi, e proprio dal suo destro nascono diversi pericoli. Gol di forza e grinta.
Barzaghi 7 Inizia forte, cala con la squadra nel primo tempo. Il cambio di ruolo nella ripresa garantisce fisicità e qualità.
Buran 6.5 Gara non semplice in mediana, corre molto ed esce stremato. (6′ st Maisano 7).
Rizzo 8 Corre, lotta e trascina la squadra. Se con la Vis Nova era mancato solo il gol, in questa gara è arrivato ed è pesantissimo.
Patete 7 Troppo poco servito nel primo tempo per poter mostrare le proprie qualità Nella ripresa sulla fascia trova più spazi e offre buone giocate.
Pozzi 6.5 Non lascia il segno in una gara che lo ha visto protagonista soprattutto nella fase di non possesso. (24′ st Frasi 6 Ingenuo nell’espulsione).

 

Seregno-Tritium Under 16: la formazione di Galimberti
Seregno-Tritium Under 16: la formazione di Galimberti

PAGELLE TRITIUM

All. Gregori 8 L’impronta di gioco che è riuscito a dare alla squadra è strepitosa. Di questo passo si può andare davvero lontano.
Lisandri 7.5 Con i piedi ha una sicurezza alla Neuer, tra i pali risponde presente quando deve: grande gara.
Pattarello 6.5 Quando trova spazio sulla destra lo aggredisce creando sempre superiorità numerica. Cala nella ripresa.
Campanile 7.5 Qualità da vendere. Il lancio per Ronchi nel primo tempo, assieme ad un altro paio di pregevole fattura, valgono il prezzo del biglietto.
Koenig 7 Finchè resta in campo detta ritmi e tocca innumerevoli palloni. Esce lui e non a caso cala la squadra. (24′ st Passoni 6).
Hari 6.5 Centrale coraggioso che non disdegna far partire l’azione. Forma una grande coppia, ma da rivedere nella ripresa.
Parisi 6.5 Stesso discorso fatto per Hari, anche lui dimostra di poter impostare molto bene l’azione.
Giombelli 7 Il gol di pregevole fattura è il premio dopo una gara di livello, soprattutto nei primi 40 minuti.
Rinaldi 7.5 L’unico reduce del centrocampo titolare. La sfortunata autorete non macchia una prova di grande tecnica nel primo tempo e di grinta nella ripresa.
Lepore 8 E’ capace di mettersi sulle spalle l’intero attacco biancoleleste. La sua fisicità fa paura, dimostra generosità nello svariare su tutto il fronte d’attacco e ha grande freddezza sotto porta.
Cortazzo 7 Quando ha spazio da aggredire diventa letale. Grandissimo portatore di palla. (7′ st Toppi 6.5).
Ronchi 6.5 Gli manca solamente il gol. L’occasione nella prima frazione grida ancora vendetta. Sempre un valore aggiunto nelle azioni offensive. (25′ st Marcantonio 6).

Seregno-Tritium Under 16: la formazione di Gregori
Seregno-Tritium Under 16: la formazione di Gregori

ASCOLTA L’INTERVISTA A GALIMBERTI

ASCOLTA L’INTERVISTA A GREGORI

Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli