12 Agosto 2020 - 23:17:21

Alcione Under 17, Niccolò Iannucci: l’attaccante che si ispira a Messi

Le più lette

Accademia Inveruno, i gialloblù entrano nell’orbita Monza

L'Accademia Inveruno nel breve tempo stipulerà un accordo con il Monza. Già durante la presentazione della nuova dirigenza si era...

Svelati i gironi di Prima Categoria, ecco le neopromosse e le ripescate

A pochi giorni dalla formulazione dei gironi di Eccellenza e Promozione, ecco svelati i sette gironi di prima categoria...

Mantova Berretti, scelta la guida tecnica: Matías Cuffa è il nuovo allenatore

Tramite il proprio sito ufficiale, il Mantova ha ufficializzato l’allenatore della Berretti per la stagione 2020/2021: si tratta di...

Classe 2003 ed una carriera nel Novara, Niccolò Iannucci, da qualche mese, è stato dato in prestito all’Alcione Under 17, squadra che attualmente si trova in sesta posizione appena dietro ad Accademia Inter, Enotria e Varesina. Quadrato e con tanta voglia di fare, Iannucci si ispira da sempre a Lionel Messi, che considera il più grande di tutti i tempi. «Ho la fortuna di avere un suo autografo: l’ho incontrato a Milano durante gli allenamenti del Barcellona a San Siro».

Niccolò sta vivendo questo periodo difficile a modo suo, come ci racconterà nel corso dell’intervista, ma il suo pensiero principale è quello di tornare presto in campo, dove gioca come attaccante esterno: «In questi mesi la nostra squadra ha avuto delle difficoltà con squadre forti come la Pro Sesto però stavamo anche iniziando a prendere fiducia e a giocare bene e mi dispiace di esserci dovuti fermare proprio nel momento in cui iniziavamo a prendere gamba. La quarantena crea disagio: preferivo giocare piuttosto che allenarmi a casa. Però mi sto tenendo in forma: mi sveglio presto e dopo la colazione faccio le videolezioni. Nel pomeriggio faccio un po’ di corda e degli esercizi che ci ha lasciato il vice allenatore come squat, addominali e pettorali e alcuni esercizi con i bilancieri. Però continuo a sentirmi legato, mi manca andare a correre e giocare. La cosa positiva è che continuiamo a sentirci sia con i compagni di squadra, sia con l’allenatore, che frequentemente ci chiede anche come sta la nostra famiglia. La situazione non è semplice: anche seguire le lezioni è un po’ più faticoso perché essendo a casa è più facile distrarsi. Però credo anche che questa cosa bisogna superarla e cercare di impegnarsi e dare il massimo».

Per finire, Iannucci dà un suo parere su quando si tornerà a giocare: «Spero che si riprenda presto, ma la situazione sta diventando sempre più importante e seria e comincio a temere che ci si rivedrà a settembre. Speriamo comunque che il tempo di stop non si dilunghi troppo».

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli