lunedì 1 Giugno 2020 - 03:32:19

Alcione Under 17, Niccolò Iannucci: l’attaccante che si ispira a Messi

Le più lette

Anche il mondo della comunicazione non sarà più la stesso, ma la consapevolezza del ruolo che la stampa locale ha svolto resta

Anche per il mondo della comunicazione dopo questa crisi nulla sarà più come prima. Questo è un dato di...

Villa Valle Serie D, Giovanni Mussa non è più l’allenatore dei giallorossi: Bolis in pole per la successione

Dopo due anni e 61 gare insieme Giovanni Mussa e il Villa Valle si separano. La decisione è arrivata...

Villa Valle, ora è ufficiale: Marco Bolis è il nuovo allenatore della prima squadra

Era nell'aria da giorni, adesso c'è anche l'ufficialità: Marco Bolis è il nuovo allenatore del Villa Valle in Serie...

Classe 2003 ed una carriera nel Novara, Niccolò Iannucci, da qualche mese, è stato dato in prestito all’Alcione Under 17, squadra che attualmente si trova in sesta posizione appena dietro ad Accademia Inter, Enotria e Varesina. Quadrato e con tanta voglia di fare, Iannucci si ispira da sempre a Lionel Messi, che considera il più grande di tutti i tempi. «Ho la fortuna di avere un suo autografo: l’ho incontrato a Milano durante gli allenamenti del Barcellona a San Siro».

Niccolò sta vivendo questo periodo difficile a modo suo, come ci racconterà nel corso dell’intervista, ma il suo pensiero principale è quello di tornare presto in campo, dove gioca come attaccante esterno: «In questi mesi la nostra squadra ha avuto delle difficoltà con squadre forti come la Pro Sesto però stavamo anche iniziando a prendere fiducia e a giocare bene e mi dispiace di esserci dovuti fermare proprio nel momento in cui iniziavamo a prendere gamba. La quarantena crea disagio: preferivo giocare piuttosto che allenarmi a casa. Però mi sto tenendo in forma: mi sveglio presto e dopo la colazione faccio le videolezioni. Nel pomeriggio faccio un po’ di corda e degli esercizi che ci ha lasciato il vice allenatore come squat, addominali e pettorali e alcuni esercizi con i bilancieri. Però continuo a sentirmi legato, mi manca andare a correre e giocare. La cosa positiva è che continuiamo a sentirci sia con i compagni di squadra, sia con l’allenatore, che frequentemente ci chiede anche come sta la nostra famiglia. La situazione non è semplice: anche seguire le lezioni è un po’ più faticoso perché essendo a casa è più facile distrarsi. Però credo anche che questa cosa bisogna superarla e cercare di impegnarsi e dare il massimo».

Per finire, Iannucci dà un suo parere su quando si tornerà a giocare: «Spero che si riprenda presto, ma la situazione sta diventando sempre più importante e seria e comincio a temere che ci si rivedrà a settembre. Speriamo comunque che il tempo di stop non si dilunghi troppo».

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy