18 Giugno 2021

Allievi, il punto sulla prima giornata: solo un pari per la Virtus Bergamo

Le più lette

Vergiatese Eccellenza, Mammetti e i colori granata nel destino: dal rinvio con l’Ardor Lazzate a capocannoniere di Fiorito

La stagione di Giacomo Mammetti è ricominciata lì dove si era interrotta: a Vergiate. Dopo una stagione di Serie...

Trofeo Imoon: il palcoscenico è lo stadio Meazza, fanno festa Pero, Corsico, Vighignolo e Club Milano

Lo stadio Meazza San Siro è stato il prestigioso palcoscenico del Trofeo Imoon, quadrangolare nell’ambito della giornata di solidarietà...

Albano-Celadina Under 19 Torneo Bonacina: Andrea Mancin e Nicola Fedele decisivi per la vittoria biancazzurra

L'Albano Under 19, allenato da Stefano Cogliati, ha vinto quest'edizione del Torneo Bonacina imponendosi in finale per 2-1 sulla...

Torna il campionato e la prima giornata non delude le aspettative, emozioni, gol e qualche risultato sorprendente sono gli ingredienti di un esordio spettacolare.

Girone A: parte con una vittoria l’avventura dei nerazzurri dell’Accademia Inter, 3-2 al Busto 81 deciso da Tosetti, Mandracchia e Hazah. Busto in gol con Sorrentino e Shullani. L’accademico Gentilini analizza: «Abbiamo disputato un buon primo tempo ma il lavoro da fare è ancora molto, comunque siamo sulla buona strada». Uno dei big match di questa prima giornata era sicuramente Bresso e Alcione, deciso dal gol di Ottomano, gioisce Iotti: «Sono molto soddisfatto, abbiamo battuto una delle favorite al titolo. La gara, a essere onesti, poteva finire in parità, ma noi siamo stati molto ordinati», risponde l’alcioniano Berti: «Match da 0-0 ma tutto sommato loro hanno meritato perché hanno avuto il giusto atteggiamento». Partenza sprint per la Caronnese di De Martino che vince in terra meneghina per 3-1 contro la Masseroni, trascinata dalle marcature di Perotti, Il Forte e Barbera, “Masse” a segno con Schiattarella. Inveruno corsaro sul campo della Pro Patria, termina 2-1 per gli ospiti, segnano Fasani e Pirvu, di Banfi il sigillo della Pro. Con il medesimo punteggio l’ Insubria espugna Rho, Andreoni su rigore risponde a Riccardo Luini, di Masinari la realizzazione della vittoria. Compiaciuto Ferraresi: «Vittoria su un campo difficile al termine di una gara equilibrata anche se forse abbiamo creato qualche occasione in più». Tomanin promuove i suoi e guarda avanti: «Buona prova, la sconfitta è stata immeritata. Siamo una squadra nuova, stiamo lavorando, oggi al di là del risultato abbiamo atto bene». Gol e emozioni tra Roncalli e Lombardia Uno, vincono 5-2 i rossoneri nonostante lo svantaggio iniziale firmato Di Davide( su rigore). L’undici di Gasparro ribalta il risultato con Merighi e N’Guessan, è poi Donato a riportare la gara in equilibrio prima che i milanesi si scatenino con D’Angelo, Paron e Guerrini. Muharemi risponde nel finale di gara ad Albarello, è 1-1 tra Solbiatese e Sestese. Esordio devastante per la Varesina di Atzeni che batte 7-1 gli Olmi Cesano, il tecnico dichiara: «Esordio veramente molto convincente, dopo i primi minuti di assestamento abbiamo giocato una grande gara, chiudendo il primo tempo sul punteggio di 3-0». Protagonista dell’incontro e, in generale di tutta la giornata calcistica, Boldini autore di un poker personale, fanno festa anche Saponaro, Frigerio e Giordano, di Piscitelli la rete degli Olmi.

Girone B: da tre anni vince il titolo regionale, seppure con un’altra squadra, e parte già forte in questa nuova avventura: il Monza del duo Orlandini-Abate batte 2-1 la forte Stezzanese, la griffe è prestigiosa e porta il nome di Sperti, autore di una doppietta, per i bergamaschi segna Maffioletti. A fine gara Orlandini commenta: «Buon inizio, nonostante i tanti errori sottoporta del primo tempo, che nel finale abbiamo rischiato di pagare a caro prezzo. Non era facile contro una squadra ben organizzata come la Stezzanese e già molto rodata», il collega Mascaro sportivamente afferma: «Nel primo tempo il Monza è stato spettacolare, noi abbiamo fatto male, dovrò lavorare moltissimo sull’approccio alla partita. Molto meglio nella ripresa nonostante sia stato espulso un nostro giocatore dopo solo cinque minuti». Campionato che vede ai nastri di partenza anche il Brusaporto, ripescato nelle ultime settimane al posto dell’Albinoleffe. I ragazzi di Bordogna partono con una sconfitta per 4-0 contro il Villa Valle, segnano: Ghisalberti, Micheletti, Daldossi e Bonalumi. Succede tutto nel secondo tempo fra Ciserano e Seregno, Miftari porta avanti il team di Santini, Magro lo riacciuffa, ma Rustani realizza il gol da tre punti. Sprinta subito il Sondrio di Colombo che batte 3-0 il Cinisello al termine di una gara ben condotta. L’1-0 lo realizza Cola, freddo dal dischetto, e con questo punteggio termina il primo tempo. Nella ripresa Mussio e Benedetti chiudono definitivamente il match. Colombo commenta così il successo dei suoi: «E’ stata una bella prova anche perché a inizio campionato non è mai facile, la condizione non può essere ottimale, ciò nonostante abbiamo giocato un bel calcio, sono soddisfatto». 2-2 scopiettante tra Folgore Caratese e Aldini, con i brianzoli avanti con Galimberti, ma raggiunti dal penalty di Nava e superati da Motta, al 16’ del secondo tempo Giugno insacca il definitivo 2-2. Il Manara vince in terra bergamasca, 2-1 al MapelloBonate, decisive le reti di Aldeghi e Radaelli, che segna nel finale il gol da tre punti dopi il pareggio di Esposito. Stesso punteggio, ma stavolta è Bergamo a gioire, il Pontisola rimonta e batte il Cantù con la doppietta del terzino Corna, i canturini erano andati in vantaggio con Gatti. Vittoria importante, ma per il dirigente blues Pelicioli c’è ancora tanto da lavorare: «Abbiamo ribaltato il risultato nel finale con orgoglio, ma sbagliamo troppi gol sottoporta». Pronti via e l’Olginatese cala subito il poker, Festa (doppietta), Cortesi e Tarasco non lasciano scampo all’Ardisci E Spera. La Vis Nova batte 2-1 la Cisanese, “lucertole” a segno con Panizzo e Regosini, di Magoni la marcatura della banda Galli. Arienti dichiara a fine gara: «Nei primi quindici minuti non siamo riusciti a fare benissimo, poi siamo cresciuti e nella ripresa abbia attaccato di più», così Galli: «C’è tanto da lavorare, sono qui da pochi giorni e la squadra deve crescere molto atleticamente. Abbiamo comunque disputato una buona prova».

Girone C: La sorpresa di giornata è senza dubbio il pareggio interno della Virtus Bergamo, che si fa bloccare per 2-2 dalla neopromossa Vighenzi di coach Pasini: «Abbiamo giocato una partita sottotono – confessa il tecnico Parmeggiani -, pagando fisicamente i due match infrasettimanali». I gol bresciani sono di Llano e Ndreko (rigore realizzato nel finale), quelli seriani di Ghisleni e Vescovi. Segno “X” all’esordio anche per Nembrese e AlbinoGandino (reti inviolate), mentre le vittorie più larghe sono il tris del Darfo Boario in casa della Castellana (marcatura di Gasparini e doppietta di BaccanelliI, e l’1-4 del Sarnico tra le mura dello Sporting Club, il cui dirigente, Campagnari, commenta così: «Abbiamo tenuto testa agli avversari per quasi tutto il match, ma nel finale due errori in fase difensiva hanno inasprito un risultato che è troppo pesante». Sporting a segno con Ferrari, quando gli ospiti avevo già realizzato tre gol con Parisi (doppietta) e Cortinovis, di Gouem il quarto sigillo. Nonostante una vittoria per 2-0 grazie alla doppietta di Crotti invece, il tecnico dello Scanzorosciate Zanchi fa un appunto ai suoi: «Con il Ciliverghe siamo stati troppo poco cinici, avremmo dovuto chiuderla nel primo tempo, nel quale abbiamo creato moltissimo». Un’altra doppietta, quella di Meli, regala alla Grumellese i primi tre punti sull’Orsa Iseo, mentre il Cellatica espugna il campo del San Lazzaro con un convincente tris esterno (segnano Ragnoli, Avitabile e Gamba, di Albertini il momentaneo 2-1). Infine va sottolineata la vittoria in remuntada per la Pavoniana di Tarana che recupera lo svantaggio firmato da Dossi con due reti di Torsi. Dopo il punto svanito al terzo minuto di recupero il tecnico del Real Leno Gibellini si scopre comprensibilmente amareggiato: «Abbiamo disputato un grande primo tempo, con il rammarico di non aver raddoppiato: quando si creano così tante palle gol, bisogna essere più cattivi sotto porta». Nella seconda giornata, in programma nel prossimo fine settimana, emerge lo scontro al vertice tra Pavoniana e Grumellese, mentre la Virtus Bergamo avrà l’occasione di rifarsi in casa della Nembrese. In ogni caso si comincerà con l’anticipo del sabato pomeriggio tra Sarnico e Real Leno.

Girone D: Prima giornata caratterizzata da una valanga di gol. La gara con più reti è Sancolombano Accademia Pavese con gli ospiti che vincono per 6-2, segnano Castoldi (doppietta), Galazzi ne fa addirittura tre e gioisce anche Abbiati, banini in gol con Dalma, su rigore, e Brahja. Non è da meno l’Accademia Sandonatese che batte con un perentorio 6-1 lo Sported Maris, esultano Agello, Paoletti e poi ci sono le doppiette personali di Valmez e Calcisi, di Cauzzi il punto della bandiera. Altra goleada quella dei campioni in carica di categoria dell’Enotria. La squadra di Spelta sconfigge 5-0 la Pergolettese a Crema, vanno a segno: Micucci, Famiglietti, Ferretti, Romano e Caputo. Il dirigente rossoblu Cenname dichiara: «Abbiamo iniziato con il piede giusto, la squadra è partita alla grande già nei primi venti muniti, abbiamo sempre avuto il controllo sulla gara e i ragazzi hanno fatto girare bene la palla». Poker esterno del Rozzano sul Vigevano, gara risolto da due doppiette, quella di Ghisalberti e quella Gnoli. Soddisfatto coach Mandelli: «il risultato poteva essere anche più rotondo, abbiamo avuto il controllo totale del campo, la nostra superiorità è stata piuttosto netta». Era attesissima la gara tra Ausonia e Cimiano, e alla fine le due meneghine lasciano il campo con un punto a testa. Neroverdi avanti con Corsi, i “cavallucci marini” pareggiano con Petrera. Altalena di emozioni tra Castelleone e Albacrema, alla fine la spuntano gli ospiti per 3-2, trascinati dalla straordinaria tripletta di Donnarumma, di Iachetti, su rigore, e Tacconi le marcature del Castelleone. Al termine del match il tecnico dell’Aba Tolotti commenta: «Nel primo tempo hanno fatto meglio loro, noi siamo stati disordinati, abbiamo sbagliato l’approccio. Nella ripresa siamo cresciuti, riuscendo a prendere in mano il controllo del gioco». Il Caravaggio passa in vantaggio sul campo della Trevigliese grazie al rigore di Beretta, ma Motta pareggia nel finale. Il Pozzuolo espugna il campo dell’OltrepoVoghera, straordinario l’impatto di Maro che entra in campo nella ripresa e a pochi minuti dal termine realizza la rete che regala il successo alla squadra allenata da Rossetti.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli