17 Maggio 2021

Casatese – Castello Cantù Under 17: la vittoria vien dalla panchina: Turolla e Natale rimontano i biancorossi

Le più lette

Renate-Pro Sesto Primavera 3: Proverbio para di tutto, Bianchi la decide nella ripresa tra le mille proteste

Tre punti sudati al termine di una vera e propria battaglia quelli conquistati dal Renate di Battilana che ferma...

Vado-Fossano Serie D: Brondi, Alfiero e Specchia, il treno salvezza passa a destra

Il treno per la salvezza passa dalla corsia di destra. Il Fossano non sbaglia lo scontro verità, lo scontro...

Sancolombano, ecco il primo volto nuovo: in arrivo Alessandro Zoppetti, guiderà l’Under 17

Il Sancolombano è quasi pronto a rilanciarsi verso la prossima, si presume calda, stagione e lo fa riconfermando un...

Due reti di due giocatori subentrati dalla panchina nel secondo tempo, consentono al Castello Cantù di ribaltare la partita con la Casatese. La rimonta vittoriosa degli ospiti è meritata ed è stata comunque senza dubbio agevolata dalla giusta espulsione di Tomadin che, all’inizio del secondo tempo, ha lasciato i suoi in 10. La partenza di match è di marca biancorossa con due colpi di testa da corner, di poco a lato, da parte di Meregalli e di Di Martino ma la risposta del Castello non si fa attendere e anzi è superiore in termini di pericolosità. Al 18’ Beretta strozza un buon pallone da centro area e al 25’ la punizione di Pecis impatta sulla traversa, per poi finire sui piedi di Costin che però centra il palo da due passi. La doppia occasione ravvicinata non ha però seguito e gli ultimi venti minuti di tempo sono, di fatto, i migliori per la Casatese. Torrente si fa notare con un bel tiro da fuori e al 38’ arriva il gol del vantaggio con una bella girata a centro area di Nigro. La ripresa si apre appunto con la doppia ammonizione di Tomadin che stende Commisso, imbeccato in velocità dall’ottimo Macchi. Gli effetti della superiorità numerica si vedono subito visto che, pochi minuti dopo, Turolla (entrato in campo proprio dopo l’espulsione) dalla stessa posizione e nella stessa porta dove Nigro aveva portato in vantaggio la Casatese, con un preciso esterno destro fa 1-1. La reazione della Casatese è immediata: Meregalli e Muscarà, seppur defilati, si presentano due volte a tu per tu con Tagliabue, che però è sempre bravo a opporsi. La condotta della partita è comunque in mano al Castello che con ottime trame riesce a far muovere bene il pallone e a creare spazi per le punte, che in velocità creano qualche problema alla retroguardia di casa. Il gol che decide la contesa però non arriva da una giocata in movimento, bensì da penalty, procurato accidentalmente da Zanin. Il numero 2 biancorosso, nel rialzarsi dopo una scivolata, col braccio tocca il pallone ed il fischio del signor Ortelli diventa inevitabile. Dagli undici metri si presenta Natale che angola sufficientemente il tiro, che Lattanzio riesce solo a sfiorare. In vantaggio e con un uomo in più, i ragazzi di Matera non creano più occasioni, arretrando un po’ specie negli ultimissimi minuti, che vedono l’assalto importante dei padroni di casa. Alla Casatese tuttavia mancano forza e precisione per provare a impensierire Tagliabue e le ultime mischie in area si concludono con un nulla di fatto anzi è ancora Natale che a due dalla fine con un lob, su lancio di Costin, rischia di fare 1-3. Il fischio finale viene salutato con grande gioia dal Castello Cantù che centra così la prima vittoria dopo il pareggio a reti bianche nella prima giornata. Per la Casatese invece un KO che frena un po’ l’entusiasmo dopo la roboante vittoria di settimana scorsa.

IL TABELLINO

CASATESE 1 CASTELLO CANTU’ 2

RETI (1-0,1-1,1-2): 38’ Nigro (C), 10’ st Turolla (CC), 26’ st rig. Natale (CC)

CASATESE (4-4-2): Lattanzio 6.5, Zanin 6.5, Viganò 6.5 (14’ st Muscarà 7), Fattorillo 7 Di Martino 6.5, Tomadin 5.5, Veronelli 7 (1’ st Nizzolo 6.5), Nigro 7.5, Meregalli 6.5, Torrente 6.5 (27’ st Cester 6), Paparusso D. 6.5 (5’ st Paparusso M. 6 (41’ st Borgia s.v)). A disposizione: Cara, Viganò, Lilla, Andena. All. Lega 6.5

CASTELLO CANTU’ (4-2-3-1): Tagliabue T. 7, Costin 7, Zanotti 7, Petucco 7, Pecis 7.5, Tall 7, Tagliabue J. 6.5 (13’ st Natale 7.5), Commisso 7, Beretta 6.5 (17’ st Allievi s.v. (27’ st Padovani 6.5)), Calabro 6.5 (5’ st Turolla 7.5), Macchi 7.5 (24’ st Barzaghi 6.5). A disposizione: Brolese, Rante, Graziano, Todeschini. All. Matera 7.5

ARBITRO: Ortelli di Como 7 Fischia un rigore giusto, è attento sulle ammonizioni e ha la giusta autorevolezza.

AMMONITI: 43’ Tomadin (C), 13’ st Petucco (CC), 19’ st Commisso (CC), 30’ st Costin (CC), 40’ st Padovani (CC)

ESPULSO: 3’ st Tomadin (C).

LE PAGELLE

CASATESE

All. Lega 6.5 Imposta una buona squadra che però fatica a cambiare marcia.

Lattanzio 6.5 Per poco non para un rigore;  sembra abbastanza sicuro

Zanin 6.5 Tanta corsa; fa quasi due ruoli. Sul rigore è colpevole ma sfortunato.

Viganò 6.5 La spinta c’è e non soffre eccessivamente gli avversari (14’ st Muscarà 7).

Fattorillo 7 Grinta, presenza e buona autorevolezza.

Di Martino 6.5 Difende bene, senza andare troppo in difficoltà.

Tomadin 5.5 Benino ma con più attenzione poteva evitare entrambi i gialli, che pesano sul voto.

Veronelli 7 Bella prova sia a livello tattico che di proposta di gioco. (1’ st Nizzolo 6.5).

Nigro 7.5 Non solo il bel gol ma anche l’ ottima presenza a centrocampo.

Meregalli 6.5 Bene le sponde e il lavoro col pallone, anche se finisce troppo spesso in offside.

Torrente 6.5 Tranquillo nel primo tempo, più frizzante nel secondo. (27’ st Cester 6).

Paparusso D. 6.5 Ci prova con un paio di tiri; si fa vedere. (5’ st Paparusso M. 6 (41’ st Borgia s.v.)).

A disposizione: Cara, Viganò, Lilla, Andena

Dirigente: Andena.

CASTELLO CANTU’

All. Matera 7.5 I suoi ragazzi giocano un bel calcio e non si scompongono mai.

Tagliabue T. 7 Non è chiamato a grandi parate ma a molta attenzione e quella, non manca.

Costin 7 Gara in crescendo, con buoni spunti offensivi nel secondo tempo.

Zanotti 7 Tecnica nel giocare il pallone e intensità in fase difensiva.

Petucco 7 Imposta bene tenendo coesa la squadra a centrocampo.

Pecis 7.5 Le chiusure sono eccellenti.

Tall 7 Prestazione solida, senza prendere rischi.

Tagliabue J. 6.5 non commette errori, giudizioso.

13’ st Natale 7.5 Grandissimo impatto nella partita: corsa, rigore segnato e lotta nel momento del bisogno.

Commisso 7 Ha un buon piede; si fa notare con interessanti giocate in mezzo al campo.

Beretta 6.5 Terminale offensivo che pur non segnando è un riferimento (17’ st Allievi s.v. (27’ st Padovani 6.5)).

Calabro 6.5 Belle le sue sponde in velocità.

5’ st Turolla 7.5 Il gol del pareggio è molto bello così come la sua prova totale in attacco.

Macchi 7.5 Ruba tanti palloni, fa tanti passaggi chiave risultando difficile da marcare. (24’ st Barzaghi 6.5)).

A disposizione: Brolese, Ranti, Graziano, Todeschini.

Dirigente: Allievi.

LE INTERVISTE

Lega è comunque ottimista nonostante la rimonta subita e focalizza l’attenzione sugli episodi dell’ espulsione di Tomadin e sul rigore: «L’espulsione ha cambiato il nostro atteggiamento e ci ha fatto venire qualche paura di troppo mentre il rigore, secondo me, non era da concedere».  Sulla gara e sul finale di match: «Con una maggiore lucidità l’assalto finale sarebbe stato proficuo ma abbiamo giocato troppo emotivamente; la partita di oggi era contro una squadra di livello molto buono ma il pareggio lo avremmo anche meritato».

 

Raggiante e soddisfattissimo dei suoi il tecnico del Castello, Matera: «Sono molto contento; la vittoria di oggi viene dalla panchina ed è la testimonianza che ci sarà bisogno di tutti quest’anno. Il risultato del primo tempo era comunque bugiardo, anche se il nostro bel gioco si fermava alla tre quarti; cambiando tutte le punte nel secondo tempo si è vista più concretezza». Queste le parole del mister sulle aspettative per la stagione: «La società è molto presente, si interessa moltissimo alla squadra e si aspetta (come noi) un campionato di alto livello». Sui ragazzi: «Dovrò lavorare ancora molto tatticamente, la difesa per esempio che oggi è stata ottima ma è comunque nuova e dobbiamo appunto migliorare la produttività offensiva».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli