4 Marzo 2021

Fanfulla Under 17: alla scoperta di Sanogo, talento cristallino dei bianconeri

Le più lette

Per gli abbonati del giornale digitale domani, in omaggio, c’è anche Palio Magazine

Otto pagine fitte fitte, un secondo numero da leggere tutto di un fiato. E' Palio Magazine, l'house organ che...

Casale – Castellanzese Serie D: Franchini non basta ai nerostellati, l’eurogol di Zazzi regala la 5ª vittoria di fila a Mazzoleni

Il magic moment della Castellanzese sembra non avere fine. Il Casale ci ha provato, anzi si può dire che...

Campionato di Eccellenza: il CONI condivide l’“interesse nazionale”

«Per dare riscontro definitivo sulle indicazioni e sulle modalità della eventuale ripresa, l’argomento sarà posto all’ordine del giorno del...

Ahmed Sanogo è quella che si può definire una stella nascente del Guerriero. Nato il 9 ottobre del 2004 ha già all’attivo tre importanti presenze con la prima squadra dei lodigiani che milita nel girone B della Serie D. D’altronde, non è la prima volta che la piazza del Fanfulla si rivela essere una delle più incoraggianti per i giovani calciatori. Sanogo, infatti, è un allievo che è stato aggregato ai più grandi da Ciceri che, possiamo dire, in fatto di giovani ha l’occhio lungo. Sanogo è a Lodi da quando è piccolo, per questo quando gli è arrivata la chiamata del tecnico per lui è stata pura gioia: «Quando mi è arrivata la chiamata era la sera prima della partita con il Brusaporto. Io ero fuori a giocare a calcetto con i miei a amici». Poi, dice, è corso subito a casa a dare la notizia alla famiglia: «Io sinceramente non ci credevo, non avrei mai pensato di essere convocato con la prima squadra». L’accoglienza è qualcosa che al giovane 2004 è rimasta impressa: «Quando sono arrivato mi hanno accolto tutti bene come se fossi già uno di loro, mi hanno messo subito a mio agio». Per rincarare la dose di emozioni, quella stessa partita, il 25 ottobre 2020 contro il Brusaporto, c’è stato l’esordio del giovane Sanogo in Serie D con la maglia bianconera: «Anche se quel match l’abbiamo perso, per me sarà una partita memorabile. Le emozioni sono state forti e, sinceramente, pensavo di entrare con più ansia o chissà quale pressione, ma poi grazie ai miei compagni mi sono sentito come sempre nel mio habitat naturale». Non si è fatto mancare niente il classe 2004 perché, successivamente, si guadagna la maglia da titolare per la partita contro la Casatese: «Partire titolare con dei giocatori del calibro di Pascali e Brognoli è una sensazione unica, se non magnifica. Nonostante il risultato non ci abbia premiati, saranno delle emozioni indimenticabili, ho sentito fiducia da tutti a partire dallo staff, dai miei compagni e in primis dall’allenatore. Mi hanno aiutato tutti e continuano a farlo tutt’oggi». È un ragazzo che conosce i valori e, per questo motivo, riconosce nel tecnico bianconero una guida fondamentale per la sua formazione: «Ciceri è un allenatore di grandissimo livello e per me è solo una fortuna essere un suo giocatore. Mi sta aiutando molto nella mia crescita e gli sarò grato per questo salto. È uno che pretende molto da tutti e, in particolar modo, da noi giovani perché crede nelle nostre potenzialità». Adattarsi al mondo dei grandi non è facile, soprattutto se i giovani che vi si approcciano sono sfrontati e pieni di sé, ma non è certo questo il caso del classe 2004, anzi: «Giocare con dei calciatori come Brognoli o Laribi, che hanno dietro una carriera di altissimo livello e una storia con il Fanfulla, è quasi come un sogno perché io, fino all’altro ieri, andavo alla stadio a guardarli. Ora, invece, ho la fortuna di poter giocare con loro e posso dire che mi aiutano moltissimo e mi stimolano a dare tutto me stesso in ogni singolo allenamento. Questo perché sono loro stessi i primi che ci danno l’esempio». Si sa, però, che per poter fare bene bisogna essere in armonia non solo con i compagni, ma anche con l’ambiente, di cui Sanogo parla con infinita gratitudine: «Io sono cresciuto a Lodi e mi sono sempre trovato bene sia con l’ambiente che con la gente. I tifosi sono sempre presenti sia che giochiamo in casa o in trasferta. Perfino il Covid non li ferma, ci sono sempre vicini in qualche modo». Ma parliamo un po’ delle sue caratteristiche e dei suoi idoli. Lui si definisce un giocatore abbastanza tecnico e rapido. Insomma, uno di quelli che come asso nella manica hanno il dribbling e l’uno contro uno a disarmare l’avversario. Il giocatore al quale si ispira per il suo ruolo è Sterling non solo perché pensa sia la versione perfetta di sé, ma anche perché vorrebbe arrivare a fare il suo stesso percorso calcistico. Ma, c’è un altro calciatore che per lui è fondamentale: stiamo parlando di Ronaldinho. Quello che per lui, però, ha un valore in più è la storia della sua vita che non è mai stata facile. Ciò che noi gli auguriamo è che diventi tanto splendente quanto i suoi idoli perché le potenzialità sono dalla sua parte.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli