12 Agosto 2020 - 01:22:21

Inveruno Under 17, Mattia Morandi racconta la sua creatura: «Ho creduto subito in questa squadra»

Le più lette

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Castellazzo, Nobili al posto di Adamo in panchina

D'un tratto il Castellazzo diventa l'ultima panchina di Eccellenza a registrare uno scossone. Dopo due anni la strada di...

Villa Valle, aspettative alte e la giusta esperienza: con Bolis idee chiare e squadra tecnica

È nella splendida cornice dell’hotel ristorante Settecento a Presezzo che nella serata di mercoledì 5 agosto si è tenuta...

Mattia Morandi è l’allenatore dell’Inveruno Under 17 che milita nel Girone A dei Regionali. La squadra prima della sospensione dei campionati era terza in classifica, con un solo un punto in meno dell’Accademia Bustese e sette punti in meno del Seguro: una buona posizione, e il primato di essere l’unica formazione capace di vincere contro la prima in classifica, in trasferta, con il risultato di 3-2, proprio la settimana che si bloccò tutto il calcio, sia dilettantistico che professionistico. «Nel corso del girone di andata – le parole di Morandi – ci ha penalizzato molto il fatto che nelle prime quattro partite di campionato abbiamo perso quei punti che adesso sarebbero stati necessari per essere in vetta». Morandi sa di avere una squadra di livello: «Ho creduto fin da subito in questi ragazzi, sapevo che potevamo essere una delle più forti del girone, mi dispiace che ci siamo fermati proprio quando gli altri ci avrebbero iniziati a temere». Nonostante questo stop, il tecnico rimane in contatto con i propri ragazzi, dando loro delle schede con esercizi da fare in casa: «La vedo dura riprendere i campionati in estate, la cosa non è da prendere sotto gamba, la salute dei giocatori e delle loro famiglie viene prima del calcio. Fa male a me e fa male a tutti coloro che amano il pallone questo stop, ma sarà difficile ricominciare: alcune società avranno problemi economici. È dura per il calcio professionistico, figuriamoci per quello dilettantistico». Tornando a parlare di calcio giocato: «Il girone di andata abbiamo giocato con il 4-3-3, ma nel girone di ritorno cambiavo modulo nel corso della partita giocando con il 4-3-1-2, dipende dalle squadre e dai loro campi, ma comunque i ragazzi capiscono e giocano bene con entrambi i moduli, la mia è una squadra completa, non abbiamo problemi in nessun ruolo, siamo ben coperti e a gennaio non mi è sembrato necessario fare acquisti, l’unico giocatore di cui avrei bisogno è un secondo portiere, ma possiamo anche farne a meno, per il resto siamo al completo».

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli