10 Luglio 2020 - 19:10:09

Olginatese Under 17: intervista a Yannick Melseaux, giovane talento cristallino dei bianconeri

Le più lette

Aygreville, il nuovo tecnico è Matteo Pasteris

Dopo l'addio a sorpresa di Rizzo, accasatosi alla Biellese, l'Aygreville si è preso qualche giorno di riflessione prima di...

Caravaggio Serie D, ben sette conferme per la rosa di Terletti

Rivoluzione sì, ma a Caravaggio si vuole ripartire anche da dei punti fermi della scorsa stagione. Per la rosa...

Castellanzese Serie D, il giovane Niccolò Corti continua in neroverde

Altro rinnovo fra gli under della scorsa stagione per la Castellanzese. Rimane in neroverde e a disposizione del confermato...

Torniamo in casa Olginatese Under 17, questa volta per conoscere meglio Yannick Melseaux. Con il giovane difensore bianconero abbiamo parlato della sua stagione con la maglia della squadra di Olginate, dell’esperienza in Rappresentativa Nazionale e Regionale.

Ciao, come hai passato questi mesi? Come ti sei tenuto impegnato?
Ciao! In questi mesi ho giocato spesso alla Play Station ma mi sono anche tenuto in forma. Ho infatti svolto esercizi fisici, soprattutto di forza per gambe.

Ti manca il calcio? Qual è l’aspetto di questo sport che ti manca in particolar modo?
Il calcio ovviamente mi manca moltissimo. L’aspetto del quale sento più la mancanza è lo spogliatoio. In generale mi mancano molto anche i miei compagni di squadra.

La stagione è stata dichiarata conclusa: come credi sia andata per la tua squadra?
Devo dire che abbiamo avuto altri e bassi, ma la maggior parte delle partite che abbiamo giocato le abbiamo affrontate a testa alta giocandocela alla pari, soprattutto con le squadre di alta classifica.

Cosa ne pensi del nuovo regionale élite? Hai notato differenze? Il livello si è alzato?
Riguardo l’élite posso dire tranquillamente che è un campionato molto competitivo. Il livello, rispetto ai regionali normali, si è alzato notevolmente, anche considerando che non c’e nessuna partita semplice o dal risultato scontato.

Eri nel giro della Rappresentativa Under 17 da sotto età: che esperienza è stata? Che gruppo eravate?
E’ stato davvero bello essere parte di quel gruppo. All’inizio sinceramente non mi aspettavo la chiamata, per lo meno non in Under 17 essendo io un 2004. Eravamo davvero un bel gruppo, composto da giocatori veramente forti.

Raccontaci ora la tua esperienza in Rappresentativa Nazionale.
È stata un’esperienza davvero bellissima. E’ stata una bella emozione soprattutto quando mi hanno chiamato per la prima volta. Ho avuto la possibilità di mettermi alla prova assieme a molti giocatori provenienti da tutta Italia, tutti veramente forti. Con alcuni di loro ho anche mantenuto i rapporti.

Passando alla tua personale stagione, come la giudichi?
Ad inizio stagione credo di essere partito davvero molto bene. Ricoprivo il ruolo di centrale difensivo, ovvero la posizione che preferisco. Nella seconda metà di campionato penso di essere calato un pochino, anche perché ho ricoperto un ruolo nuovo per me, ovvero quello di terzino. Penso comunque che sarei potuto migliorare in quella posizione.

Qual è stato il momento più bello della tua annata?
In generale qualsiasi partita giocata con i miei compagni ha rappresentato un bel momento.

Che tipo di gruppo avete creato con i 2003 dell’Olginatese?
I 2003 mi hanno trattato veramente molto bene fin dall’inizio, come se giocassi da molto con loro. In generale mi sento molto legato a loro.

Fammi l’identikit di Melseaux. Che giocatore sei? Quali sono le tue caratteristiche?
Le mie doti migliori secondo me sono la velocità e la forza fisica.

Qual è il ricordo più bella della tua carriera da calciatore?
Io mio ricordo più bello risale allìannata 2018/2019 con i 2004. Durante tale stagione ho avuto la possibilità di giocare con persone fantastiche e di condividere un pezzo di carriera importanti. Iniziammo abbastanza male male ma poi la stagione si è conclusa nei migliori dei modi.

Hai un idolo o un giocatore al quale ti ispiri?
Non ho nessun idolo, bensì ci sono giocatori ai quali mi inspiro: Koulibaly e Varane.

Hai un sogno nel cassetto?
Il mio sogno nel cassetto è poter giocare in seria A e poter così aiutare la mia famiglia.

Vivi Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli