11 Agosto 2020 - 23:12:48

Under 17 Regionali, Real Vanzaghese: Al ritmo del Re, il capocannoniere del girone B nelle parole del tecnico Benenati

Le più lette

Sui format il Comitato Regionale Lombardia ha preso la strada giusta. Anche se in ritardo

È servito tempo, tanto tempo, ma alla fine il Comitato Regionale Lombardia ha preso la decisione giusta riguardo i...

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Prima che il nomale svolgimento del campionato, così come anche le nostre abitudini quotidiane, venisse stravolto dalla ben nota emergenza sanitaria, la stagione aveva dato modo a molti giovani talenti di dar prova delle proprie qualità e, fra queste, la vena realizzativa dei bomber è senza dubbio una delle prime a saltare all’occhio degli appassionati del gioco. Volgendo l’attenzione al Girone A, principe, si fa per dire, dei cannonieri, è con pieno merito il numero dieci e leader del Real Vanzaghese, capace di gonfiare la rete, fino ad oggi, per ben diciassette volte: Nicolò Re Cecconi. Carisma, doti balistiche con le quali poter svoltare le gare con veri e propri lampi di genio e, quasi banale, fiuto del gol da vendere: qualità che ha dimostrato con prestazioni maiuscole, una su tutte, la meravigliosa tripletta nella rimonta contro l’Academy Legnano».

Così ci ha parlato di lui il tecnico della formazione Vanzaghese, Benenati: «Giocatore, ma anzi tutto ragazzo, molto intelligente: ascolta, segue i consigli, si applica. Prima di essere bravi calciatore bisogna avere la testa, è pieno di giocatori talentuosi che però non hanno l’attitudine mentale, le qualità tecniche posso essere un innegabile dono naturale, ma sul campo bisogna mettere anche altro. Non a caso l’ho scelto come vicecapitano, ruolo importante all’interno della squadra, che interpreta portando, insieme al capitano La Monaca, grande equilibrio in campo come nello spogliatoio, entrambi dei veri esempi per i compagni. Può, magari, apparire taciturno, ma quando serve sa usare le parole giuste per farsi rispettare».

Qualità per certi versi da giovane allenatore in campo: «Nicolò è uno di quelli che, alla fine del primo tempo, dimostra di aver saputo leggere la partita fornendo, non di rado, importanti dritte sul quel che c’è da cambiare. I suoi consigli mi sono spesso utili, ha davvero un’ottima intelligenza tattica».

Nel descriverne le caratteristiche tecniche l’allenatore non ha dubbi: «Giocatore atipico, un dieci con una struttura fisica importante, alto e dotato di un gran destro: ha tutto in quel destro, preciso in ogni occasione, sia nella fase di impostazione che di finalizzazione. A centrocampo sa essere un valore aggiunto e, nonostante il dieci sulle spalle nel nostro 4-4-2, è uno dei due centrali di centro campo, il che rende ancora più impressionante il suo bottino realizzativo. Forma una coppia fissa al fianco a Gualtieri, l’elemento più tattico della squadra, grazie alle cui intuizioni può sfruttare al meglio gli spazi creati dalla punta La Monaca sfruttando la sua gamba e gli ottimi tempi di inserimento per trovare la rete».

Un elemento importante per l’undici di Benenati che, ovviamente, ha potuto apprezzare la crescita del suo bomber: «Per me la parte atletica è centrale in questa categoria per coadiuvare adeguatamente le qualità individuali, lui l’ha recepito e così è arrivato ad ottenere quella prestanza che lo porta ad essere lucido fino alla fine delle partite, netto miglioramento rispetto all’anno scorso, aiutando, così, in maniera decisiva la squadra che, nonostante qualche punto lasciato per strada, ha comunque disputato un buon campionato».

Benenati si esprime così, invece, sull’immediato futuro: «Personalmente non so quanto possa convenire riprendere questo campionato, mi sembrerebbe saggio considerare la possibilità di riprendere con la prossima stagione, sospendendo i verdetti che, in questa fase, non sono certo la cosa più importante»

Nel concludere la chiacchierata sul giovane talento di casa Real Vanzaghese, il tecnico ci lascia con un bel messaggio: «Rivolgo un pensiero a tutti i ragazzi, i colleghi, e gli stessi giornalisti. Molto spesso l’agonismo ci porta a qualche eccesso di nervosismo ma, in un momento del genere, voglio esprimere a tutti la mia vicinanza».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli