Albinogandino Desenzano U19
La formazione dello Sporting Desenzano

La filosofia calcistica, ammesso che la disciplina esista, insegna che a volte la chiave di una partita è avere una buona difesa e sfruttare gli episodi per segnare un gol in più dell’avversario. Il principio si applica benissimo al match tra Albinogandino e Sporting Desenzano, un match dove la difesa e gli episodi sono decisivi per smuovere gli equilibri. La sfida si presenta fin dai primi minuti, come si dice in gergo, molto tattica, in cui le due formazioni si trovano impegnate in una lotta che soprattutto gli ospiti impostano sul piano fisico. Entrambe le formazioni sviluppano alcune buone azioni offensive, senza però grandi esiti. E infatti le vere e proprie da gol si contano sulle dita di una mano. A voler essere pignoli le statistiche pendono leggermente a favore dei padroni di casa. È però a favore degli ospiti l’episodio che dà la scossa al match. Siamo al 34′. L’Albinogandino sta gestendo un disimpegno sulla propria trequarti con Ferrari, che alza la testa e visto il movimento di un compagno del reparto offensivo decide di andare profondo. Il lancio è però maldestro, il che condanna Ferrari a consegnare il pallone direttamente sui piedi di Menni che può partire indisturbata palla al piede, battere Bertolino al tu per tu e indisturbato va in porta e insacca per l’1-0. Anche nella ripresa il copione e sostanzialmente lo stesso. Va detto, che i ragazzi di Ongaro, specie nei primi minuti provano a cambiare passo e a mettere in difficoltà la difesa del Desenzano, che dal canto suo è sempre molto ordinata, e ha sempre la meglio di fronte a un attacco che, dopo i primi minuti giocati a buoni ritmi calare i giri motore denotando un’estrema difficoltà a trovare la quadra ed essere di conseguenza efficace. Al fischio finale è dunque 1-0, risultato che Manzini, assistente del tecnico del Desenzano Balestro commenta così: «La partita è sta equilibrata ed era difficile fare la differenza contro un avversario del genere. Dal canto nostro siamo stati solidi in difesa concedendo poco. Se volessimo trovare un pelo nell’uovo direi che è mancato qualcosina per chiuderla ma in ogni caso ci prendiamo una vittoria che fa sempre piacere». Di poche parole invece il tecnico dell’Albinogandino, Ongaro: «La cosa principale da rivedere sono gli errori in disimpegno, su cui è anche difficile lavorare. Oggi la partita è stata complicata e i tanti infortuni non ci hanno sicuramente aiutato».

ALBINOGANDINO – SPORTING DESENZANO 0 – 1
RETE: 34′ Menni (D).
ALBINOGANDINO (4-2-3-1): Bertolino 6, Birolini 6, Bettinaglio 6.5, Bosio 6.5, Lanfranchi 6.5 (16′ st Pulcini 6.5), Tiezzi 6.5 (35′ Curnis 6.5), Ferrari 6, Zenoni 6 (26′ st Milesi 6.5), Cornelli 6, Savoldelli 6 (41′ st Mignani sv), Pasini 6.5. A disp. Zuccheli, Campana, Dal Fovo, Gusmini. All. Ongaro 6. Dir. Aresi, Gusmini.
SPORTING DESENZANO (3-5-2) Rdifi 6.5, Battistoni 6.5, Bussi 6.5, Lelo 6.5, Papa 6.5, Chiari 6 (33′ st Cipriani sv), Sposato 6.5 (29′ st Baldo 6.5), Menni 7, Diop 6.5 (11′ st Catalano 6.5), Luciani 6.5 (16′ st De Crescenzo 6.5), Marchesan 6.5 (24′ st Benigni 6.5). A disp. Tosoni, Alberti, Ravera, Malangone. All. Manzini 7. Dir. Balestro, Raimondi.
ARBITRO: Tognoli di Bergamo 6.5 Arbitraggio corretto e senza particolari errori da segnalare.
AMMONITI: 22′ Ferrari (A), 39′ st Baldo (D), 41′ st Menni (D)

 

PAGELLE ALBINOGANDINO

All. Ongaro 6 La squadra denota confusione specie in fase offensiva dove non riesce quasi mai a essere concreta, da rivedere poi anche la fase di disimpegno.

Bertolino 6 Qualche rischio di troppo quando si trova a giocare con la palla tra i piedi.

Birolini 6 Quando deve impostare perde sempre un tempo di gioco risultando sempre in ritardo con il passaggio.

Bettinaglio 6.5 Riesce a limitare tutto sommato bene i rischi che si prende.

Bosio 6.5 Lui ci mette una buona dose di voglia, peccato non basti per dare una scossa al resto della squadra.

Lanfranchi 6.5 Partita complicata, bravo a soffrire senza mollare. (16′ st Pulcini 6.5)

Tiezzi 6.5 Ci prova ma i dolori alla schiena lo fermano anticipatamente. (35′ Curnis 6.5)

Ferrari 6 Errore tanto banale quanto grave che consegna il vantaggio agli avversari.

Zenoni 6 Ha tanta intraprendenza, gioca però un po’ troppo da solo. (26′ st Milesi 6.5)

Cornelli 6 L’atteggiamento è quello giusto, non altrettanto le giocate che risultano poco efficaci.

Savoldelli 6 Ci prova ma non incide come potrebbe. (41′ st Mignano sv)

Pasini 6.5 Fa quello che può ma i palloni a disposizione sono veramente minimi.

Albinogandino Desenzano U19
La formazione dell’Albinogandino

PAGELLE SPORTING DESENZANO

All. Manzini 7 La squadra vince la partita grazie ad una impressionante solidità difensiva, che corona bene sfruttando un errore degli avversari per segnare il gol decisivo

Rdifi 6.5 Esegue un paio di belle parate di notevole fattura tecnica.

Battistoni 6.5 Cresce di sicurezza con il passare dei minuti.

Bussi 6.5 Dimostra sicurezza e soprattutto buon senso della posizione.

Lelo 6.5 Usa bene il fisico per uscire vincente dai duelli 1 contro 1.

Papa 6.5 Come tutta la difesa anche lui si comporta egregiamente.

Chiari 6 Buca troppi interventi, anche quelli sulla carta più semplici. (33′ st Cipriani sv)

Sposato 6.5 Quando può andare in velocità sulla corsia mette in difficoltà il suo marcatore. (29′ st Baldo 6.5)

Menni 7 Mette pressione all’avversario, lo costringe a sbagliare e poi finalizza alla grande.

Diop 6.5 Fatica nel ruolo di punta centrale, si esprime meglio quando può allargarsi sulla corsia. (11′ st Catalano 6.5)

Luciani 6.5 Smista in modo intelligente diversi palloni. (16′ st De Crescenzo 6.5)

Marchesan 6.5 Nel primo tempo ha sui piedi una bella palla gol, peccato non riesca a sfruttarla. (24′ st Benigni 6.5)

LE INTERVISTE DEL DOPO GARA – Giorgio Ongaro

LE INTERVISTE DEL DOPO GARA – Patrick Manzini


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.