17 Maggio 2021

Barona Sporting 1971 – Assago Under 19: debutto vincente per gli ospiti, decide il rigore di Scorti

Le più lette

Lucento-La Biellese: la lavagna tattica di Andrea Mantegari

Partita poco spettacolare quella tra La Biellese di Alberto Rizzo e il Lucento di Gianfranco Maione: entrambe hanno preferito...

Scanzorosciate-Vis Nova Serie D: Stefanoni show e anche Parravicini in gol, non basta Migliavacca

Partita clamorosa tra Scanzorosciate e Vis Nova! Il match si conclude per 5-4 per i padroni di casa, che...

Accademia Pavese-Sancolombano Eccellenza: risveglio Tassi, super Catania non basta ai biancorossi

Pareggio giusto tra i biancorossi di Balestra e l’undici di Tassi in una sfida bella e avvincente dal primo...

Continua con un altro successo l’ottimo inizio di stagione dell’Assago di Sabatino, che, dopo le due vittorie in altrettante partite di Coppa, strappa il risultato pieno anche al debutto in campionato. Gli ospiti si mostrano più propositivi già nel corso del primo tempo, attaccando soprattutto a sinistra, sfruttando le continue sovrapposizioni di Quindici in aiuto a Lusci. Da quella parte nascono infatti cross tesi in area che però non vengono sfruttati a dovere. Le migliori occasioni dell’Assago arrivano così da un filtrante di Grimaldi non sfruttato da Cortinovis e da un cross di Sferlazza su cui Lusci, da centro area, non riesce a fare meglio che consegnare il pallone a Caserini. La squadra di casa fatica invece a prendere possesso del centrocampo e ad innescare sulla trequarti Baumgartner, un po’ avulso dalla manovra. I ragazzi di Musco si affidano allora solamente a conclusioni dalla distanza, mancando però di precisione. L’emozione più grande del primo tempo è però biancorossa e arriva quasi allo scadere, con una deliziosa punizione dal limite di Bracale che si infrange contro la traversa interna. La seconda frazione offre lo stesso copione già visto nei primi 45 minuti: dopo una bella azione dei padroni di casa, conclusa con un destro alto di Cifarelli, l’Assago prende nuovamente in mano le redini del match, esaltando a più riprese i riflessi di Caserini. Dopo nove minuti, infatti, il portiere di casa è strepitoso ad andare a deviare sotto l’incrocio un destro dalla distanza di Grimaldi; passano pochi minuti e, dopo una mischia, è Milone da pochi metri a trovare la parata in uscita bassa del numero 1 della squadra di Musco. È il preludio al gol decisivo, che arriva in seguito ad una rimessa: Scorti prende posizione in area e cade a contatto con Corradino. Tanto basta all’arbitro Lattuada per indicare il dischetto; lo stesso numero 9 calcia centrale, spiazzando Caserini. Ci si aspetta una reazione da parte dei padroni di casa, che però non arriva: a parte una bella azione personale del neoentrato Favale, che sulla conclusione trova però pronto un ottimo Di Terlizzi, il Barona Sporting non riesce a creare i presupposti per trovare il pareggio. L’Assago infatti si mostra molto solido ed organizzato in fase difensiva, non concedendo varchi ai ragazzi di Musco, che faticano ad alzare il ritmo della propria manovra. Nonostante nel finale i padroni di casa occupino con costanza la metà campo ospite, non arrivano altre azioni pericolose né degne di nota, con gli uomini più offensivi che faticano a trovare qualità nelle proprie giocate. Arriva così la prima sconfitta stagionale per i biancorossi, dopo i 4 punti in due partite di coppa, in attesa che le due compagini si trovino nuovamente di fronte tra pochi giorni per la partita decisiva ai fini del passaggio del turno di Coppa Italia Lombardia, match nel quale i padroni di casa avranno solo la vittoria come risultato a disposizione.

barona sporting 1971 assago under 19
Luigi Sabatino, tecnico del vittorioso Assago

IL TABELLINO

BARONA SPORTING 1971-ASSAGO 0-1
RETE: 23’ s.t. rig. Scorti
BARONA SPORTING 1971 (4-2-3-1): Caserini 7, Cifarelli 5.5 (13’ st Lia 6), Leka 6 (38’ st Casamassima sv), Previ 5.5, Dicuonzo 6.5, Corradino 5.5, Rubbi 6 (19’ st Gallo 6), Marotta 6, Baumgartner 5.5 (1’ st Izzo 6), Bracale 6 (23’ st Favale 6), Samos 5.5. All. Musco 6. A disp. Pomer, Li Greci, Bertoglio.
ASSAGO (4-4-2): Di Terlizzi 6.5, Lombardi 6, Quindici 7 (40’ st Abate sv), Grimaldi 7, Caprioli 6 (20’ st Raimoldi 6), Lanati 6.5, Lusci 6, Favaro 6.5, Scorti 7 (42’ st Iorio sv), Cortinovis 6 (1’ st Alario 6.5), Sferlazza 6 (9’ st Milone 6,5). All. Sabatino 7. A disp. Saltarella.
ARBITRO: Lattuada di Pavia 6.5: il rigore fischiato non innesca polemiche e sembra corretto. Manca forse qualche cartellino in più sui falli tattici da entrambe le parti.
AMMONITO: Scorti (A).

LE PAGELLE

BARONA SPORTING 1971
Caserini 7 Ha il merito di tenere in partita i suoi fino al rigore; prima, infatti, un paio di strepitose parate su Milone e, soprattutto, su Grimaldi.
Cifarelli 5.5 Soffre, soprattutto nella prima frazione, il duo Lusci-Quindici. Si fa vedere poco davanti (Lia 6 Con ordine difensivamente, poco propositivo in fase di spinta).
Leka 6 L’Assago da quella parte attacca poco e lui non soffre; non si propone in avanti.
Previ 5.5 Perde ampiamente il confronto, soprattutto qualitativo, con Grimaldi. Non riesce a prendere in mano il controllo del centrocampo.
Dicuonzo 6.5 Tanti buoni interventi al centro della difesa, sopperisce anche alle mancanze di Corradino.
Corradino 5.5 Soffre la fisicità di Scorti, fino a causare il rigore decisivo con una trattenuta un po’ ingenua.
Rubbi 6 A metà campo senza infamia e senza lode; buona fase di contenimento, non si inserisce mai in avanti (Gallo 6: come Rubbi, più interdizione che altro).
Marotta 6 Anche lui fatica a farsi vedere in fase offensiva, soffre la fisicità di Favaro.
Baumgartner 5.5 In campo per un tempo, non riesce a dare qualità sulla trequarti. Esce all’intervallo per un problema fisico (Izzo 6 Più dinamismo rispetto al compagno, va vicino al gol con una bella azione personale).
Bracale 6 Troppo egoista, si affida più a soluzioni personali che ai compagni. Sfortunatissimo in occasione della traversa colta su punizione (Favale 6 Ha poco tempo per mettersi in mostra, non riesce ad essere incisivo).
Samos 5.5 Mai coinvolto a sinistra, fuori dalla manovra della squadra.
All. Musco 6 Buona fase difensiva, concede poche occasioni all’Assago; manca però una reazione dopo il gol subito, anche a causa di poca qualità davanti.

ASSAGO
Di Terlizzi 6.5 Deve compiere solo un intervento, su Favale, ma è comunque decisivo.
Lombardi 6 Si limita al compitino; in fase difensiva non corre nessun rischio.
Quindici 7 Nel primo tempo è una furia, con continue sovrapposizioni e numerosi scambi con Lusci. Cala leggermente nella ripresa.
Grimaldi 7 Nel primo tempo sufficiente o poco più; nella ripresa sale in cattedra, calamitando ogni pallone ed andando vicino alla rete con un gran tiro da fuori.
Caprioli 6 Protetto ottimamente dalla diga di metà campo, perde qualche pallone di troppo in fase di impostazione (Raimoldi 6 Entra e tiene bene al centro della difesa, senza mai rischiare).
Lanati 6.5 Contiene benissimo gli attaccanti ospiti, sempre concentrato e preciso.
Lusci 6 Combina bene con Quindici, ma fatica a proporsi in fase di conclusione e nella ripresa scompare.
Favaro 6.5 Mette il suo fisico a disposizione del centrocampo, vince molti contrasti ed è pericoloso con qualche strappo in avanti.
Scorti 7 Decisivo con rigore guadagnato e trasformato; difende tantissimi palloni di fisico, non perdendone quasi mai uno.
Cortinovis 6 Fatica a mettere in mostra le proprie qualità, anche a causa di un infortunio che all’intervallo lo costringe ad alzare bandiera bianca (Alario 6.5 Tanta corsa e tanta intensità, si fa sempre trovare dai compagni).
Sferlazza 6 Lui è schierato a destra ma l’Assago attacca quasi sempre dall’altra parte. Si nota poco, buono spirito di sacrificio in fase difensiva (Milone 6.,5 Anche lui entra con ottimo spirito, cerca di combinare coi compagni d’attacco e corre per due).
All. Sabatino 7 La squadra mantiene il predominio fin dalle prime battute, rischiando poco e nulla e trovando su rigore il gol del meritato successo.

barona sporting 1971 assago under 19
Patrick Scorti, decisivo con il suo rigore nel successo dell’Assago

LE INTERVISTE

A fine partita, l’allenatore del Barona Sporting 1971 Musco analizza così la partita: «Ci è mancata qualità in fase offensiva, siamo stati poco lucidi nelle scelte negli ultimi metri; la partita è stata decisa da un episodio, ma nel calcio chi sbaglia meno vince. E anche in campionato sarà sempre così». In attesa della partita di coppa che si disputerà tra pochi giorni sempre contro l’Assago, aggiunge: «Abbiamo bisogno di vincere, dobbiamo mantenere la nostra identità per passare il turno».

Dall’altra parte, il tecnico dell’Assago Sabatino si dice entusiasta della vittoria e dell’inizio di stagione: «La rosa è corta, stiamo facendo prevenzione con alcuni ragazzi contagiati. Abbiamo dato il massimo, l’atteggiamento è stato sempre positivo e questo ci ha permesso di portare a casa la vittoria; i ragazzi sono molto disponibili». Sul campionato appena iniziato, commenta: «La categoria è difficile, con tante trasferte impegnative. Ma con questo atteggiamento possiamo fare bene. Verremo qui tra qualche giorno per passare il turno, la coppa la riteniamo importante».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli