6 Agosto 2020 - 02:37:37

Club Milano Barona-Calvairate Under 19: Porpora come un fulmine

Le più lette

Benarzole, in attacco arriva Castagna

Il Benarzole trova il suo numero 9 e lo va a pescare con un curriculum di un certo livello....

Calciomercato Trofarello: dal Chieri arriva Gervasio

Il calciomercato del Trofarello non è ancora finito e prepara ancora dei colpi di coda interessanti: arriva direttamente da...

Legnano Serie D, ecco il botto finale e che botto: in lilla arriva Francesco Luoni

Che Edoardo Brusa potesse non essere l'ultimo acquisto del Legnano si poteva facilmente intuire, ma il colpo messo a...

Il Club Milano Barona grazie ad un lampo di Porpora e a un regalo della retroguardia avversaria, ben sfruttato da Samos, vince e continua a scalare la classifica. I padroni di casa si schierano con un 4-3-3 molto prudente e concentrato particolarmente nel distendersi con velocità, per far male alla squadra avversaria quando è scoperta; gli ospiti si schierano con un 4-4-2 molto solido, però i problemi nel giro palla sono palesi e soprattutto si vedono limiti nel cambiare lato per far muovere le maglie difensive e creare situazioni di uno contro uno che possono sempre mettere in difficoltà qualunque retroguardia. I primi minuti del match non si mostrano assolutamente emozionanti, le due squadre rimangono molto bloccate portando quasi sempre la totalità dei giocatori sotto palla per fare densità e non lasciare spazi utili per sortite offensive agli avversari. Il primo brivido arriva al ventunesimo minuto: Borgonovo sbaglia l’appoggio di testa per Silva, che si trova anticipato da Porpora, il quale dopo aver superato il portiere avversario si trova troppo defilato e colpisce il palo. L’occasione da fiducia ai padroni di casa che iniziano ad attaccare con più continuità; mentre gli ospiti si affidano alla rapidità di Sacchi per rendersi pericolosi, ma i continui raddoppi su di lui ne limitano le doti. Il gol spezza equilibrio arriva a cinque minuti dal thè caldo. Rubbi calcia una punizione da metà campo che trova Porpora, il numero dieci crociato, dopo essersi sistemato il pallone in area, lascia partire un bellissimo destro a giro che fa esultare il pubblico ancora prima di entrare. Un lampo, una grande giocata, che come spesso accade è l’unica chiave per sbloccare partite così equilibrate e bloccate. La ripresa inizia con gli stessi ritmi e con le stesse paure da ambo le parti di scoprirsi. Neanche i quattro cambi sommativi nel primo quarto d’ora sono utili ad aprire le folte difese. La prima occasione arriva al ventottesimo sui piedi di Samos, che ritrovatosi da solo in mezzo all’area colpisce al volo ma calcia addosso a Silva. Samos, però, sette minuti più tardi si fa perdonare: Borsatti ci mette troppo a passare il pallone sulla metà campo, il diciannove del Club Milano Barona si avventa e gli ruba il pallone e una volta preso possesso della sfera si invola, saltando anche Silva, verso il liberatorio gol che chiude il suo periodo da infortunato e anche virtualmente il match. La reazione ospite arriva troppo tardi, una volta arrivate a due le distanze esce l’orgoglio della Calvairate. Orgoglio che porta al gol a un minuto dal termine dei tempi regolamentari. Gorla serve in profondità e in posizione defilata Paganini, che con un chirurgico mancino supera l’incolpevole Verzicco. Al termine della partita un emozionatissimo e felicissimo Fierro commenta «A inizio stagione abbiamo avuto un periodo difficile, ma poi grazie alla coesione del gruppo e al sacrificio dei singoli siamo rientrati in carreggiata. La nostra classifica non rispecchiava il lavoro fatto, ma devo fare i complimenti al gruppo che è riuscito a superare tutto. Dobbiamo migliorare tantissimo nella fase di non possesso. Questo è un gruppo che ascolta e lavora tantissimo. Vogliamo arrivare, sempre con i piedi per terra e partita dopo partita, nella zona playoff o comunque nella prima metà della classifica». Pastore prova a spiegare le ragioni della prestazione «Non so neanche io spiegarmi il cambiamento dalla scorsa settimana a oggi. Facevamo poco giro palla e non cercavamo l’esterno in profondità. Loro sono stati bravi nell’aggredirci e questo non ci ha permesso di fare quello che siamo in grado. Veniamo da due anni dove abbiamo vinto il campionato, ma non siamo più la squadra dell’anno scorso, abbiamo tanti giocatori nuovi che ci devono portare almeno nei primi cinque. Stiamo continuando a lavorare sia sul campo che sulla rosa per poter raggiungere i nostri obiettivi».

Porpora grazie al fulmine a ciel sereno è il migliore in campo.
Porpora grazie al fulmine a ciel sereno è il migliore in campo

IL TABELLINO DI CLUB MILANO BARONA CALVAIRATE UNDER 19

CLUB MILANO BARONA-CALVAIRATE 2-1
RETI (2-0,2-1): 40’ Porpora (B), 35’ st Samos (B), 44’ Paganini (C)
CLUB MILANO BARONA (4-3-3): Verzicco 6, Cifarelli 6, Bonfanti 6.5, Mussap 6.5 (33’ st Previ sv), Di Cuonzo 6, Pomer 6, Mugheddu 6, Marotta 6.5, Terzi 6 (6’ st Samos 7), Porpora 7.5 (40’ st Torchiani sv), Rubbi 6. A disp. Caserini, Corradino, Galimberti, Mansueto, Casaburi. All. Fierro 6.5. Dir. D’Apolito-Monopoli.
CALVAIRATE(4-4-2): Silva 6, Trabacchi 6, Capellini 6, Astori 5.5 (14’ st Decet 6), Borsatti 4, Borgonovo 5.5 (4’ st Pena 6), Sacchi 6 (6’ st Paganini 6.5), Gorla 6.5, Petrera 5.5 (40’ st Roveri sv), Lodesani 5.5 (31’ st Perego sv), Lambertini 5. A disp. Caputo, Corsini. All. Pastore 5.5. Dir. Pozzoli-Astori.
ARBITRO: Incarbone di Lomellina 6 Sbaglia qualche fischio ma la partita è corretta e lui la gestisce con tranquillità.
AMMONITI: Mussap (B), Porpora (B), Samos (B), Codesani (C), Pena (C), Petrera (C).

Incarbone di Lomellina
Incarbone di Lomellina

CLUB MILANO BARONA
All. Fierro 6.5 I suoi riescono ad essere molto ordinati in campo, non lasciando mai l’occasione d’incidere agli avversari.
Verzicco 6 Qualche problema in presa, ma non corre mai grandi rischi.
Cifarelli 6 Ordinato non si lascia mai sorprendere, Sacchi fatica a creare superiorità.
Bonfanti 6.5 Utilizza con regolarità le sue doti balistiche per lanciare in profondità e difensivamente è attento e aggressivo.
Mussap 6.5 Rincorre ogni avversario e ne ferma le velleità offensive, bravo a gestirsi con un’ammonizione sulle spalle. (33’ st Previ sv)
Di Cuonzo 6 Sempre molto ordinato non si fa sorprendere dai movimenti delle punte.
Pomer 6 La coppia centrale funziona bene e lui fa la sua grande parte.
Mugheddu 6 Lavora molto per la squadra nelle due fasi, facendosi trovare nelle posizioni utili.
Marotta 6.5 Buona capacità nel venire incontro per impostare, non brilla ma si rende utile.
Terzi 6 Lotta molto per la squadra, lavorando sui due centrali per creare spazi. (6’ st Samos 7 Dopo diversi mesi d’infortunio entra con un’aggressività speciale, che lo porta a guadagnarsi un pallone d’oro e a chiudere il match.)
Porpora 7.5 I giocatori con i grandi colpi decidono le partite tirare ed equilibrate, i suo tiro a giro è un grande colpo. (40’ st Torchiani sv)
Rubbi 6 Rimane molto bloccato per dare il suo apporto nel contenere le accelerazioni avversarie.

CALVAIRATE
All. Pastore 5.5 La sua squadra non riesce mai a sfondare e vi è un po’ d’insicurezza generale che si tramuta in giocate sbagliate.
Silva 6 Sui gol ha poche colpe per il resto difende con puntualità la sua porta.
Trabacchi 6 Si sovrappone con regolarità e in maniera molto utile, soffre qualcosina difensivamente.
Capellini 6 Molto attento alla fase difensiva e utile nel palleggio nello stretto.
Astori 5.5 Fatica a trovare una posizione nel centrocampo, trovandosi spesso fuori posizione. (14’ st Decet 6)
Borsatti 4 L’errore in occasione del secondo gol è pesantissimo e allontana del tutto le possibilità di risultato per i suoi.
Borgonovo 5.5 Al ventesimo rischia di regalare un gol a Porpora poi si rialza e finisce senza grandi sbavature il match. (4’ st Pena 6)
Sacchi 6 Inizialmente si mostra elettrico, grande rapidità nelle gambe. Cala nel corso del primo tempo ed esce senza incidere realmente. (6’ st Paganini 6.5 Entrato con la giusta determinazione riesce a gonfiare la rete, anche se troppo tardi, con un pregevole mancino.)
Gorla 6.5 Lotta per tutto il match, spaziando in ogni singola zona del campo e servendo l’assist a Paganini.
Petrera 5.5 Non riesce mai a rendersi realmente pericoloso, lotta con i due centrali ma probabilmente cercando poco il varco giusto.(40’ st Roveri sv)
Lodesani 5.5 Le difficoltà nel avanzare grazie a dei passaggi in verticale ci sono per tutta la squadra, ma lui soffre più di tutti dovendo tornare spesso ai centrali.(31’ st Perego sv)
Lambertini 5 Rimane spesso troppo bloccato e largo non dando mai ampiezza alla manovra offensiva dei suoi.

LE PAROLE DI FIERRO (CLUB MILANO BARONA)

LE PAROLE DI PASTORE (CALVAIRATE)


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli