Un Cologno d’acciaio batte con fatica l’Acos Treviglio 3-1 grazie alla doppietta di Morrone, vero e proprio MVP del match. Nonostante qualche confusione societaria, l’allenatore Zupo va con un 4-4-2 molto camaleontico con Putti e Maggi sulle corsie. Davanti Palumbo coadiuvato da Mita, jolly delle trequarti. Morrone, invece, al solito posto in cabina di regia. Ravasi risponde cambiando modulo complice le assenze di Ferrandi e Perego e disegna un 4-3-2-1 difensivo con Bouani e Manini alle spalle di Ndour unica punta. Match fin da subito molto intenso con il Cologno in possesso e l’Acos Treviglio accorto in fase di interdizione. Al 10′ occasione per Mita che sfrutta un errore di Licini in uscita ma calcia col destro da centrosinistra troppo alto. Risponde l’Acos al 17′ con la punizione affilata di Ghezzi che però finisce oltre il montante con Corrarati attento. Il Cologno prova a sfondare soprattutto sulle corsie laterali ma fanno buona guardia i due terzini gialloneri, comunque in affanno sui fantasisti gialloverdi. La sfida si sblocca al 34′ grazie ad una rimessa battuta rapidamente a centrocampo: la sfera transita tra i piedi di Morrone che vede lo spazio e infila subito per Mita, in sospetta posizione di offside. Il 10 col destro gira perfettamente nello specchio battendo in uscita Bosisio. Il vantaggio dà fiducia alla squadra di casa che però non riesce a dominare gli ospiti che a fine tempo alzano i giri del motore. Al 46′ Manini crossa per Bouani che spizza ma trova l’opposizione di Corrarati. Dopo nemmeno un giro l’orologio altra punizione pennellata di Manini per la testa di Janca. Il 5 in girata colpisce il palo più lontano e sulla respinta è lesto Licini a calciare con vigoria in porta. Per il 7 primo gol in campionato all’esordio dal primo minuto dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori fin qui. Nel secondo tempo approcciano meglio i padroni di casa che al 4′ trovano il gol del sorpasso su rigore. Penalty nettissimo per il fallo in area di Ndour ma in seguito ad un corner incredibilmente inventato da parte del direttore di gara. Sul dischetto Morrone incrocia e batte Bosisio che capisce ma non intercetta. Secondo tempo che poi scivola via senza ulteriori reali chance. Ci prova l’Acos, soprattutto con palloni alti per andare a sfruttare i centimetri dei vari saltatori ma, nonostante la girandola di cambi, nessun vero pericolo dalle parti del portiere del Cologno. Il più in palla è però Manini che spesso sulla corsia mancina crea grattacapi al sistema difensivo del Cologno che deve sistematicamente andare in raddoppio. Gialloverdi che resistono, vanno sopra di un uomo per l’espulsione per doppia ammonizione di Janca e a tempo scaduto chiudono la pratica ancora con Morrone. Il 4 calcia una punizione precisa sul palo di un Bosisio non proprio eccezionale. Festeggia il Cologno che approfitta dello scontro diretto tra Castelleone e Settalese. Per l’Acos altro stop, necessaria più continuità di risultati.
Cologno 3
Acos Treviglio 1
Reti (1-0, 1-1, 3-1): 34′ Mita (C), 45′ Licini (A), 4′ st Morrone (C), 47′ Morrone (C).
Cologno (4-4-2): Corrarati, Lombardi, Panzeri, Morrone, Santaniello, Catalfio, Maggi (47′ st Seddad), Tarantino (14′ st Napolitano), Palumbo (30′ st Costa), Mita (40′ st Andreoni), Putti (12′ st Ivone). A disp. Semino, Rasmurrun, Sangalli, Perico. All. Zupo
Acos Treviglio (4-3-2-1): Bosisio, Airoldi, Ghezzi, Gusmini (30′ st Gazzola), Janca, Carminati, Licini (7′ st Mazzocchetti), Gruda (18′ st Ignoti), Ndour (21′ st Miano), Bouani, Manini. A disp. Viscardi, Dauti, Sprenger, Salvi, Peleaz. All. Ravasi
Arbitro: Mikhaeil di S. San Giovanni 5.5 Gol in sospetto fuorigioco e secondo gol del Cologno che nasce da un corner inesistente. Un po’ confuso nella direzione.
Ammoniti: Lombardo (C), Catalfio (C), Maggi (C), Janca (A) 17, Miano (A).
Espulso: Janca (A).
Pagelle Cologno (4-4-2):
Corrarati 6.5 Nessun pericolo importante dalle sue parti. Bravo nelle uscite alte.
Lombardi 6.5 Rabbioso su Manini che però spesso gli va via. Mette a servizio dei suoi esperienza.
Panzeri 6.5 Attento e preciso sulle varie scorribande avversarie.
Morrone 8 Doppietta di una pesantezza inaudita. Prima è freddissimo dal dischetto e poi tira fuori dal cilindro una punizione da applausi.
Santaniello 6.5 Preciso e attento su Ndour, osso duro sulle palle alte.
Catalfio 6.5 Copre bene alle sue spalle. Sempre in posizione. Alfiere della squadra.
Maggi 6.5 Va alle spalle del terzino un paio di volte ma non domina fisicamente come potrebbe. (47′ st Seddad)
Tarantino 6 Preciso a metacampo, senza rischiare e con licenza di spingere. (14′ st Napolitano)
Palumbo 6 Sempre spalle alla porta. È utile ai suoi ma potrebbe far di più. (30′ st Costa)
Mita 6.5 Con qualità sempre tra le linee. Non forza la giocata e quando c’è da segnare non si fa pregare. (40′ st Andreoni)
Putti 6.5 Primo tempo a livelli alti. Riesce a girarsi sempre e a puntare l’avversario. (12′ st Ivone)
All. Zupo
Pagelle Acos Treviglio (4-3-2-1):
Bosisio 6.5 Destro infuocato. Lancia con precisione la speranza di trovare una deviazione vincente.
Airoldi 6 In perenne difficoltà su Putti. Sale col contagocce.
Ghezzi 6 Stesso discorso perché Maggi quando ha possibilità gli prende il tempo alle spalle.
Gusmini 6.5 Bene in fase di interdizione. Disordinato in possesso palla. (30′ st Gazzola)
Janca 6 Si innervosisce nel secondo tempo e prende due gialli sciocchi.
Carminati 6.5 Prestazione solida e senza rischiare quasi mai.
Licini 7 Non un caso che la squadra si squaglia dopo il suo infortunio. Gol liberatorio. (7′ st Mazzocchetti)
Gruda 6 Opaco. Fa fatica ad entrare in partita. (18′ st Ignoti)
Ndour 6 Lasciato solo a fare a sportellate. Fa quello che può. (21′ st Miano)
Bouani 6 Dopo la super serie di quattro gol di fila si spegne. Non trova la posizione giusta in campo.
Manini 6.5 È il più pimpante là davanti ma gli manca il guizzo giusto.
All. Ravasi 6.5 Prova a ribaltarla con i cambi ma non funziona. Le montagne russe di questa squadra ormai sono una regola.

Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.