16 Maggio 2021

All Soccer, la realtà di Brugherio diventa Centro Tecnico del Monza, Mariano Vaccaro: «Grande opportunità per i ragazzi»

Le più lette

Torino-Roma Primavera 1: i granata lottano per 94 minuti ma Tall dà la zampata vincente allo scadere

Una delle partite più belle dell'anno, un'altalena di emozioni che alla fine premia la squadra di De Rossi. Un...

Concordia Under 17: voglia di continuare e fedeltà indiscutibile, Landriani veste biancoazzurro

Christian Landriani è il tecnico dell’Under 17 del Concordia; fedelissimo alla società, allena dal 2015 e nel mentre ha...

Albese-Pro Dronero Eccellenza: Mascolo dà il benvenuto, Rastrelli rovina la festa, parità al Coppino

Non accontenta nessuno il pareggio maturato al Michele Coppino da Albese e Pro Dronero, che estromette quasi completamente dalla...

La grande scommessa: così, a partire dal titolo d’un noto lungometraggio, si potrebbe riassumere lo scatto compiuto dall’All Soccer in quest’ultima annata. La più complessa e rischiosa, la più spaventosa ed emotivamente sconvolgente, un intero anno di stop ben impresso nelle memorie – passate e presenti – di tutti, è stato, per la società di Via Teruzzi a Brugherio, anche momento e motivo di riflessione e spunto per la costruzione d’un progetto coraggioso: costituirsi come club, entrando a gamba tesa nel folto panorama dilettantistico assopito dalle conseguenze del virus. Una ventata d’entusiasmo nell’anno più buio, il 2020, che Mariano Vaccaro, ufficialmente investito del ruolo di Responsabile Specializzazione del Ruolo per l’ampio universo All Soccer, racconta così: «È stata una scelta coraggiosa, è vero, ma per noi essenziale: proprio perché, con tutto quel che è successo, abbiamo avvertito un fondamentale bisogno di qualcosa di nuovo, fresco, vivace e vitale», e spiega «Un progetto come il nostro nasce con componenti solide, avendo ben chiaro in mente le modalità e le possibilità d’un impegno finanziario, organizzativo, strutturale, e con uno staff di collaboratori, dirigenti, allenatori ed ogni addetto ai lavori motivato, che si spende per sostenere la propria realtà: così nasciamo noi». Sul margine di rischio, commenta con pacatezza: «Una mente sportiva è attiva anche nel momento di massima difficoltà, non può rispondere all’appello solo quando si tratta di ottenere soddisfazioni».

Un orgoglio, quello rintracciabile nelle parole spesa da Vaccaro, che si ripresenta forte nel raggiungimento di un primo, importante, obiettivo: l’esser diventati ufficialmente Centro Tecnico AC Monza. Per Vaccaro, quasi un ritorno a casa, ripensando all’esperienza di gioventù sul campo biancorosso in Lega Pro; per tutta la società-team della Presidente Tiziana Pagliaro, comunque, molto più d’una affiliazione: «È un’opportunità sia per il nostro staff che per i nostri ragazzi: abbiamo scelto Monza, e viceversa, per il livello di consistenza tecnica, prima ancora che per l’occasione di visibilità e di poter migliorare ed ottenere risultati: l’obiettivo è raggiungere un impatto tale che questa compartecipazione sia strumento di benessere, scambio, confronto».

Un progetto che risulta già vincente, a guardare con lungimiranza, anche dal punto di vista della territorialità; così come gli altri pensati e attualmente in cantiere: tra tutte, investire nella formazione dello staff, e costruire zone inter-timing per poter garantire un contesto sportivo che tenga conto delle esigenze scolastico-educative dei propri affiliati, soprattutto i più giovani. «Il nostro immaginario di riferimento è quello proprio di comunità, sportiva ed umana: siamo ben consapevoli che non tutti i nostri ragazzi diventeranno calciatori, ma tutti quanti saranno uomini, cittadini, ed è anche in questa direzione che lavoriamo», sottolinea Vaccaro «Perché il calcio in cui crediamo è quello per tutti».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli