11 Aprile 2021

Concorezzese: Internationales Jugendturnier, il torneo tedesco che i biancorossi non vedono l’ora di (ri)vincere per riprogettare il futuro

Le più lette

Saluzzo-Castellanzese Serie D: Mancuso annulla la rimonta di Colombo e Corti

Punto decisamente ottimo per il Saluzzo, punto soddisfacente fino ad un certo punto per la Castellanzese. I lombardi con...

Iris 1914: Una società storica in lotta contro la pandemia, la riflessione di Tremolada per ripensare la Scuola Calcio nerostellata

«C'è la storia; poi c'è la vera storia, poi c'è la storia di com'è stata raccontata la storia. Poi...

Seconda Categoria, l’ASD Garessio sogna di dare vita a nuovi settori giovanili nella Val Tanaro

Annata veramente sfortunata per l'ASD Garessio che in questa stagione non ha potuto disputare nemmeno una delle poche partite...

«Stiamo già lavorando per tornare a giugno in Germania: abbiamo un titolo da difendere!». Queste le parole dello staff comunicazione di casa Concorezzese, che annuncia, in un post via Facebook, la determinazione e volontà nel riprendere al più presto le usuali attività e, nello specifico, poter tornare a partecipare al torneo che ha luogo annualmente nella cittadina tedesca di Wurzen, nel Land circondariale di Lipsia.

Il torneo è l’Internationales Jugendturnier, ospitato dai casalinghi dell’ATSV “Frisch Auf” Wurzen e.V., arrivato ormai alla quarta edizione. Un weekend vivacissimo di gare non-stop tra 24 società dilettantistiche di simile livello ma proveniente da tanti contesti differenti: Germania, Italia, Francia, ma anche Olanda, Belgio, Polonia, in taluni casi anche Algeria. La Concorezzese – unica italiana nella competizione – l’ha già vinto una volta, alla prima partecipazione biancorossa nel 2019, con due squadre di Esordienti classe 2006.

Come spiega Corrado Dal Corno, Responsabile Organizzativo e del comparto Comunicazione, da cinque anni ormai in abiti biancorossi dal subentro del nuovo Direttivo nella sede di Via Pio X, la volontà di partecipazione alla prossima edizione è forte: «Stiamo già cercando di organizzare il viaggio per il prossimo giugno, nonostante l’imprevedibilità degli eventi e l’impossibilità, al momento, di certificarne l’effettiva realizzazione. Però ci teniamo, e ci siamo voluti rimettere velocemente in moto su questo, sperando di poter davvero ripartire al meglio». Un’esperienza diversa dal solito e in grado di assicurare – certificano gli organizzatori – molto di più che un incontro sportivo importante e tante partite da disputare: «È un’occasione preziosa per i ragazzi, che, tra l’altro, ne sono entusiasti: è un momento esperienziale notevole di crescita per ciascuno di loro individualmente, ma anche e soprattutto come gruppo-squadra».

Oltre che il torneo in sé, infatti, è tutto l’aspetto del viaggio e dell’organizzazione complessiva ad avere un impatto molto positivo sui ragazzi: «Lì [al torneo di Wurzen, ndr] i nostri ragazzi, accompagnati nel viaggio da dirigenti, tecnici e genitori, passano il weekend proprio nel centro sportivo, che viene allestito per l’occasione come una sorta di accampamento strutturato», spiega il Responsabile «Il valore aggiunto di esserci è quindi l’occasione del confronto con tante realtà, nazionalità, lingue, modalità differenti dalle proprie: è un incontro inter-culturale che sicuramente li arricchisce dal punto di vista anche proprio relazionale». Dal Corno racconta della meraviglia nel vederli, in quel contesto, cogliere ogni stimolo positivo: «Si divertono, riescono ad adattarsi subito e la cosa straordinaria è che riescono benissimo a comunicare con gli altri loro coetanei che partecipano, pur parlando lingue diverse. Non si sa come facciano, ma ci riescono ed è incredibile!».

Concorezzese
Foto di repertorio dall’edizione 2019 del torneo Internationales Jugendturnier di Wurzen

Quello della vittoria all’Internationales Jugendturnier non è il primo viaggio di partecipazione ad un torneo di respiro europeo da parte della società di Concorezzo: nel 2018, infatti, i biancorossi avevano già preso parte all’ottava edizione del francese Longjumeau Cup, disputato ad una ventina di chilometri a sud di Parigi, che vede annualmente la partecipazione di circa 48 squadre provenienti da ogni dove. Molto simile alla competizione tedesca, l’unica sostanziale differenza del viaggio in Francia è la sistemazione: lì, infatti, i ragazzi sono ospitati in casa dalle famiglie delle squadre locali. «Anche in quel contesto, i feedback dell’esperienza sono più che positivi: al di là del viaggio in sé, per molti il primo all’estero, e i tour in divisa che li rendono orgogliosi, c’è il confronto ancor più diretto del vivere ospiti di un’altra famiglia».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0