23 Gennaio 2021

Primo Memorial Nolè al Nichelino Hesperia, coppa alla famiglia

Le più lette

Pontese, Promozione femminile: «Il calcio valtellinese deve ancora crescere, ma ci sono le basi»

Il vice allenatore Stefano Ramponi ha una propria, chiara, idea sul calcio femminile in Lombardia, che vorrebbe più incisivo:...

Dopo quindici anni Varese cambia Delegato. De Carli pugnalato alle spalle da Bianchi

Dopo oltre quindici anni la Delegazione di Varese ha cambiato Delegato. Alessio De Carli ha ceduto (o meglio, è...

Fossano Vado Serie D, ci pensa un super Alfiero: lo scontro salvezza ai ragazzi di Viassi

Con due gol su rigore, è Alfiero l'assoluto protagonista della vittoria per 2-0 del Fossano contro il Vado. È...
Guido Lesen
Guido Lesen
Chiedetemi ciò che volete sul Settore Giovanile/Scuola Calcio di Pinerolo. Passato recente sulla Prima Categoria e sui 2004 provinciali, ora a pieno ritmo sui gironi Regionali dei Giovanissimi FB 😉

Sorrisi e lacrime sul campo del Nichelino Hesperia dove le formazioni storiche del Don Bosco Nichelino e del Nichelino, in un mix di amici di Donato Nolè, ex giocatori e giocatori ancora in attività, hanno ridato vita al derby nel ricordo dell’amico scomparso.

La commozione si è fatta sentire al fischio finale, quando dopo i calci di rigore l’urlo: «Grande, Dona!» è risuonato a nome di tutti i giocatori, fin lì divertitesi in una partita che ha sorpreso per la bellezza del gioco e dei gol.

Don Bosco Nichelino – Nichelino 3-3
Reti (0-1, 1-1, 1-2, 2-2, 2-3, 3-3): 16′ Angelino (N), 32′ Ferreri (D), 2′ st Mesiano (N), 13′ st Sartorello (D), 26′ st Angelino (N), 32′ st Zurlo (D).
Don Bosco Nichelino: Bonu Mattia, Cita Andrea, Lolli Manuel, Zurlo Sebastiano, Salasso Sasha, Benda Marco, Mancini Daniele, Galati Simone, Polonio Emanuele, Ferreri Daniele, Sartorello Alex, Rampazzo Romano, Nasso Domenico, Sciusco Claudio, Macri Diego, Marzolla Andrea, Doria Valerio. All. Frammartino Rocco.
Nichelino: Camerlengo Salvatore, Farfaglia Alessandro, Procopio Maurizio, Marra Simone, Battaglia Claudio, Giordano Marco, Divina Gabriele, Ruffa Alessio, Porcino Mirko, Angelino Mirko, Procopio Domenico, Pata Laurence, Susima Alessandro, Mesiano Salvatore, Grandelli Andrea, Bova Fabio, Li Calzi Marco, Pizzi Stefano, Conti Andrea. All. Milardi Giuseppe.
Arbitro: Condò Antonio di Nichelino, assistenti Russo Vincenzo e Billone Alessio.

La gara si apre ad un buon ritmo, partono forte entrambe le compagini ma è il Nichelino a portarsi avanti con il terzo tempo e lo stacco imperioso di Angelino su cross salla destra di Pizzi; poi Camerlengo (uno degli organizzatori, grande amico di Donato e tra i più in luce in partita) si oppone alla punizione calciata sul suo palo da Ferreri al 21′ e un gran salvataggio di Battaglia a porta sguarnita sul tiro a porta vuota di Sciusco diventano il preludio al gol del pareggio. Azione sulla sinistra insistita del Don Bosco, palla per Ferreri al limite dell’area e sinistro ad incrociare troppo angolato per Camerlengo.

La ripresa si apre subito con il Nichelino avanti con una rete da applausi: uno-due di Mesiano con Giordano, palla di ritorno sotto le gambe di un difensore e gran destro a giro dalla sinistra che va a spegnersi proprio sotto l’incrocio dei pali. Poi viene ancora chiamato agli straordinari Camerlengo prima su Sciusco e poi sulla punizione di Ferreri, fino al nuovo pareggio del mai domo Don Bosco: azione sul versante mancino che si conclude con un anticipo di Farfaglia rimpallato sui piedi dell’accorrente Sartorello, devastante nel tiro che fredda Camerlengo. Poco male per il portiere del Nichelino, perché al 23′ si oppone ad un’altra punizione destinata all’incrocio (stavolta di Zurlo) e mantiene i suoi in gara, permettendo loro di segnare il terzo vantaggio con un due contro uno di Angelino e Bova contro un incolpevole Rampazzo. I gol splendidi però sembrano essere all’ordine del giorno, così Zurlo parte direttamente dalla panchina per la rincorsa della punizione che in extremis vola sopra la barriera e vale il pareggio finale del Don Bosco.

Goliardicamente, si finisce ai rigori dove il Nichelino si aggiudica il primo memorial, in un giorno nel quale una vittoria così è ancora piuttosto amara. Questa viene addolcita solo dal grande affetto collettivo e dalla promessa di ricordare, ancora e per sempre, Donato Nolè.

 

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli