12 Agosto 2020 - 11:33:34

Centrocampo-Sporting San Pietro, la presentazione del big match

Le più lette

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

Verbania, Domenico Vono si dimette dall’Under 19

Dopo aver confermato Luca Porcu alla guida della prima squadra, il Verbania dovrà cercare un nuovo allenatore per l'Under...
Roberto Bucci
Roberto Bucci
"Chi sa solo di calcio non sa niente di calcio"

Sfida al vertice nel girone A di Terza Categoria torinese; domenica pomeriggio in via Petrella si affronteranno la capolista Centrocampo, 10 vittorie su 10 finora, e lo Sporting San Pietro, partito con 8 vittorie di fila salvo poi perdere cinque punti nelle ultime due partite.

I padroni di casa viaggiano con una media di 4 gol a partita e il tecnico Giuseppe Sturniolo non ha intenzione di fermarsi proprio ora che potrebbe mettere una pietra importante sul discorso promozione: «La partita arriva nel miglior momento possibile; siamo carichi psicologicamente peccato solo non avere tutti a disposizione ma abbiamo una buona Juniores da cui attingere. Lo Sporting San Pietro ha perso punti nelle ultime due gare e sinceramente mi spiace perché i ragazzi volevano giocarsela a pari punti; la pressione sicuramente é tutta sulle loro spalle perché con una sconfitta si staccherebbero invece in caso di vittoria rialzerebbero il morale».

Il pericolo rilassamento potrebbe essere dietro l’angolo visto il cammino perfetto avuto fin qui e il distacco in classifica ma l’allenatore é fiducioso dei suoi giocatori: «Pure io ho pensato che ci potesse essere un rilassamento mentale, anche perché parliamo di ragazzi giovani per la maggior parte, ma alla ripresa degli allenamenti li ho visti carichi e non penso capiterà; io sono uno che vuole sempre vincere e sto cercando di inculcare questo a loro, se a dieci minuti dalla fine fossimo ancora in parità non mi metterei in difesa anche perché il giovane, a differenza magari del più esperto, non ci sta mai a pareggiare».

Non può mancare un commento sui rivali dunque: «Non conosco nessuno di loro, mi sarebbe piaciuto vederli ma giochiamo sempre in concomitanza; li ho mandati ad osservare in due partite e mi hanno parlato bene di Ladogana, un trequartista molto tecnico». Si passa sul piano tattico e sui pilastri su cui si fonda la squadra: «A me piace molto variare perché voglio una squadra camaleontica che sappia cambiare a seconda della situazione; la base é un 4-4-2 ma possiamo giocare pure con un centrocampo a rombo e con un 4-3-3, si parte sicuramente dalla difesa a quattro. Ho un’ottima squadra ma sicuramente il portiere Aliperti e il bomber Cocola, capocannoniere con 12 gol, stanno facendo la differenza».

Infine un pronostico sul match: «Sarà una partita tirata secondo me e che si deciderà con gli episodi; dico che vinciamo noi anche per il fatto che abbiamo un pubblico caldo e il campo é un po’ infossato quindi i tifosi sono molto vicini al terreno, speriamo anche di trovare un arbitro all’altezza».

Giovanni Scopacasa invece deve far fronte alla flessione dei suoi nelle ultime due settimane: «Abbiamo delle assenze che stanno pesando, per domenica mi mancherà tutta la difesa e la punta Grasso. Anche nell’ultima partita contro il Moncalieri abbiamo perso per delle assenze ma anche per colpa nostra poiché siamo stati a guardare, irriconoscibili; ci hanno messo in difficoltà fisicamente con i loro due attaccanti che sono dei carri armati». E’ tempo però di pensare al Centrocampo e capire come fermarlo: «Io posso utilizzare solo un modulo che sarebbe il 4-3-1-2, ne ho provati altri ma solo questo si adatta alle caratteristiche dei miei giocatori prediligendo il gioco nello stretto, anche perché non siamo forti sulle fasce».

C’è un giocatore in particolare che potrebbe decidere la partita secondo l’allenatore: «Dopo la quarta giornata abbiamo perso il capitano per uno strappo all’adduttore e ne abbiamo risentito. Ladogana è il giocatore con più fantasia però va a giornate;se avesse la testa sarebbe a giocare in Eccellenza».

Propositi per domenica: «Andrebbe bene anche un pareggio perché da loro l’ambiente non è facile; martedì abbiamo fatto una bella chiacchierata in spogliatoio per capire cosa sta succedendo, purtroppo poi non abbiamo una società dietro come il Centrocampo con una Juniores da cui prendere ragazzi, c’è solo la prima squadra. Pronostico secco vinciamo noi».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli