12 Giugno 2021

Albese-Pro Dronero Eccellenza: Mascolo dà il benvenuto, Rastrelli rovina la festa, parità al Coppino

Le più lette

Monza-Cremonese Under 17: tris brianzolo, Parietti, Castaldo e Cereghini stendono i grigiorossi

La quarta giornata di ritorno tra Monza e Cremonese termina con il risultato finale di 3-0 in favore dei...

Juventus-Spal Primavera 1: Moro e Ellertsson fermano i bianconeri, Cotter sfiora una rimonta pazzesca

Si ferma a dodici la striscia di risultati utili consecutivi per la Juventus di Andrea Bonatti che cade in...

Trofeo Imoon: il palcoscenico è lo stadio Meazza, fanno festa Pero, Corsico, Vighignolo e Club Milano

Lo stadio Meazza San Siro è stato il prestigioso palcoscenico del Trofeo Imoon, quadrangolare nell’ambito della giornata di solidarietà...

Non accontenta nessuno il pareggio maturato al Michele Coppino da Albese e Pro Dronero, che estromette quasi completamente dalla corsa al titolo entrambe le compagini cuneesi. L’Albese di Francesco Perlo ha dato una grande risposta dopo le due sconfitte di fila rimediate nelle ultime giornate, garantendo un buon giro palla e un proficuo pressing a disturbare la costruzione degli avversari. La Pro Dronero di Antonio Caridi, invece, torna in campo dopo il turno di riposo della domenica antecedente: un brainstorming che non ha dato propriamente i suoi frutti, poiché la formazione dronerese si è ritrovata a rincorrere i bianco-azzurri dopo nemmeno dieci minuti di gioco, snaturando quindi il lavoro fatto in settimana; trova comunque un buon pareggio grazie alla rete sul finale del giovanissimo Nicola Rastrelli.

A come Alfonso Mascolo. La formazione di casa scende in campo con il 4-2-3-1, con un rinato Abdoulaye Ba davanti alla difesa e con il ritorno di Bonofiglio in mezzo ai pali, dopo essere stato sostituito da Giaccardi negli ultimi appuntamenti, ma soprattutto manca il capitano Edoardo Delpiano, rimasto a bordo campo a incitare i compagni a causa di una contrattura nel riscaldamento. Gli ospiti rispondono applicando il 4-4-2, con il solito tandem d’attacco Dutto-Niang e un Bertolini insolitamente a sinistra, per lasciare spazio sulla corsia di destra a Rivero. Gli albesi partono subito forte e sbloccano il risultato al sesto minuto di gioco, quando Begolo parte sulla sinistra, si addentra in area e scarica sul secondo palo in direzione di Mascolo, che da due passi non può sbagliare e sigla così la sua terza rete in campionato. Tap-in vincente ed è 1-0 per la squadra di Perlo, con gli uomini di Caridi costretti a rincorrere già dai primi minuti. Il gol infonde coraggio nei bianco-azzurri, che dopo due minuti si ritrovano nuovamente in area di rigore: Begolo straripa e viene messo giù da un avversario, ma per il signor Spinelli di Cuneo non ci sono gli estremi per andare dagli undici metri. Dopo lo sprint iniziale, i ritmi di gara si riassestano, con i draghi decisamente goffi nel palleggio, anche a causa di un egregio pressing alto da parte dei padroni di casa, che invece riescono a far circolare meglio la sfera. Dopo più di mezzora di gioco, i droneresi si accendono e vanno prima alla conclusione con Brondino, su sponda di Caridi, poi con Dutto, su suggerimento di Rivero, tuttavia entrambe le occasioni vengono malamente calciate sopra la traversa. Anche Niang cercherà fortuna su un buono spunto di Dutto, ma nonostante la marcatura allentata il classe 1991 manca completamente l’impatto con il pallone. L’ultimo grande squillo della prima frazione di gioco è ad opera di Brondino con un punizione dal limite dell’area: la palla gira bene e Bonofiglio è completamente spiazzato, ma sfortunatamente per il centrocampista rossobianco la sua conclusione si spegne poco sopra la traversa.

La riprende Rastrelli. Nessuna sostituzione all’inizio della ripresa e nemmeno un cambio di atteggiamento: l’Albese prova nuovamente a sorprendere gli ospiti, con Bergesio che trova la capoccia di Mascolo, che però conclude a lato di pochissimo cercando di angolare la finalizzazione sul secondo palo. Nel frattempo, Perlo sostituisce Ba (già ammonito) e perde fisicità a centrocampo: il Dronero può ora spingere di più e si fa vedere in avanti con Bertolini, che entra in area e viene nettamente atterrato da Benna (che si farà molto male su questo contrasto, tanto da dover essere rimpiazzato), ma il giudice di gara non assegna la massima punizione ai draghi. Al 27′ avviene una delle occasioni più ghiotte del secondo tempo per i padroni di casa: gli ospiti perdono palla a centrocampo, Mascolo si invola uno contro uno con Pernice, il quale è eccezionale a fermare prima il numero 9 e successivamente Begolo. Serranda chiusa e appuntamento con il gol rimandato al 34′, quando Mascolo si ritrova a tu per tu con Rosano e a porta spalancata riesce straordinariamente a calciare sul fondo: una nuova opportunità sciupata dagli albesi, che pagheranno tutto ciò a caro prezzo. Il conto salato, infatti, si presenta al quarto minuto di recupero: Caridi ha rivoluzionato la squadra con i cambi, che diventano i grandi protagonisti di questo finale, perché una palla perduta dall’Albese innesca l’azione sulla destra di Cavallo, che crossa sul secondo palo verso la testa di Nicola Rastrelli, che impatta benissimo e buca finalmente la porta protetta da Bonofiglio. È 1-1, è festa per i droneresi che agguantano il pareggio. Ma è anche ira e collera, con le due panchine che si scontrano, tanto da fare intervenire il fischietto cuneese: una pioggia di rossi per ambedue le panchine chiude la sfida a cardiopalma del Michele Coppino.

L’autore del gol dell’1-1 finale, Nicola Rastrelli.

IL TABELLINO

ALBESE-PRO DRONERO 1-1
RETI (1-0, 1-1): 6′ Mascolo (A), 49′ st Rastrelli N. (P).
ALBESE (4-2-3-1): Bonofiglio 6, Pia 6, Garis 6, Prizio 6.5, Rosso 6.5, Meti 6.5, Ba 6.5 (16′ st Benna sv, 21′ st Bertoglio 6), Bosio 6.5, Mascolo 7 (39′ st Atomei sv), Begolo 7 (47′ st Cerutti sv), Bergesio 6.5. A disp. Giaccardi, Rossetto, Bosco, Di Marco, Lopardo. All. Perlo 6.5.
PRO DRONERO (4-4-2): Rosano R. 6, Bertolini 6, Pernice 6.5, Caridi 6.5, Delpiano 6, Rivero 6 (21′ st Brondino L. 6), Brondino A. 6 (21′ st Cavallo 6.5), Galfrè 6 (30′ st Brino 6), Niang 5.5, Dutto C. 5.5 (39′ st Rastrelli N. 7), Rastrelli P. 6.5. A disp. Gaggioli, Lillaz, Isoardi L., Rrotani, Gueye. All. Caridi 6.
ARBITRO: Spinelli di Cuneo 5.
COLLABORATORI: Fumagallo di Novara e Flagetonte di Novara.
AMMONITI: 6′ Ba (A), 29′ Rosano R. (P), 40′ Begolo (A), 10′ st Galfrè (P), 30′ st Bergesio (A), 45′ st Delpiano[01] (P).

LE PAGELLE

ALBESE
Bonofiglio 6 Non chiamato quasi mai in causa, dà sicurezza al reparto e guida bene la linea di difesa; subisce gol al primo tiro nella specchio degli ospiti.
Pia 6 Prova onesta da parte del terzino destro, che ingaggia un buon duello con Rivero.
Garis 6 Dà una grossa mano al reparto di difesa ed effettua alcune sovrapposizioni interessanti sulla fascia, non sempre però ben concretizzate con Meti.
Prizio 6.5 Grande prova di solidità, tiene a bada Niang e non gli concede mai lo spazio per andare alla conclusione.
Rosso 6.5 Completa alla grande il pacchetto difensivo, limitando le giocate di Dutto in particolare.
Meti 6.5 Sacrificio e corsa per l’esterno sinistro, sempre pronto a correre in aiuto dei propri compagni anche nei minuti finali.
Ba 6.5 Padroneggia a centrocampo mettendo in risalto la sa fisicità, sebbene in più di una occasione rischi di ricevere la seconda ammonizione. (16’ st Benna sv).
21’ st Bertoglio 6 Dà il proprio apporto e cerca di contenere i danni.
Bosio 6.5 Ottima prestazione da parte del centrocampista, che insieme a Ba svolge un egregio lavoro di pulizia dei palloni.
Mascolo 7 Sblocca il risultato dopo circa sei minuti e si fa sempre trovare dai propri compagni, risultando un punto di riferimento in avanti; mezzo voto in meno perché ha sciupato un paio di occasioni pesanti che avrebbero potuto chiudere la gara. (39’ st Atomei sv).
Begolo 7 Estro e fantasia, da vero numero 10, qualità che vengono messe in atto in occasione dell’assist del momentaneo 1-0 e per il resto dell’incontro. (47’ st Cerutti sv).
Bergesio 6.5 Tanta corsa e qualità da parte dell’esterno destro, sempre pronto a puntare l’uomo ma anche a ritornare in difesa per aiutare i compagni.
All. Perlo 6.5 Revitalizza la squadra, grazie a un gioco efficace fatto di pressing alto (quasi asfissiante) e buon palleggio, manca però l’appuntamento con i tre punti a causa delle varie palle gol non concretizzate.

PRO DRONERO
Rosano 6 Pochi interventi ma buoni, incolpevole sul gol subito a inizio partita.
Bertolini 6 A sinistra risulta un po’ meno efficace ma anche in questo – per lui – insolito ruolo risulta sempre uno degli elementi in più della formazione biancorossa.
Pernice 6.5 Solido e quadrato, gioca bene di anticipo ed effettua delle chiusure di assoluta rilevanza.
Caridi 6.5 Buone le sue marcature preventive, così come elevato è il numero dei contrasti vinti.
Del Piano 6 Completa bene la linea dei difensori, mettendo a disposizione la sua fisicità dove occorre.
Rivero 6 Si spinge meno in avanti rispetto a Rastrelli perché dà un buon contributo al reparto di difesa.
21’ st Brondino L. 6 Entra bene, apportando maggiori energie per il rush finale.
Brondino A. 6 Gioca bene col fisico e sfiora anche il gol su calcio di punizione, tuttavia, risulta spesso spaesato palla al piede, non riuscendo mai a trovare l’idea giusta.
21’ st Cavallo 6.5 Non si vede tanto ma sul finale sforna l’assist decisivo per il pareggio firmato da Nicola Rastrelli.
Galfrè 6 Buona gara in mezzo al campo, anche se viene sicuramente messo in difficoltà dalla stazza di Ba.
30’ st Brino 6 L’ex-Albese non riesce a ferire ma fa il suo per spingere i propri compagni in avanti.
Niang 5.5 Troppo spesso in fuorigioco e una volta si scorda pure come calciare: anche questa settimana è rimandato.
Dutto 5.5 Non riesce a dialogare bene coi compagni a causa della stretta marcatura effettuate dai difensori avversari.
39’ st Rastrelli N. 7 Dopo dieci minuti dal suo ingresso trova il gol che regala un punto ai Draghi.
Rastrelli P. 6.5 Sempre nel vivo del gioco, fa su e giù sulla fascia sinistra e cerca sempre di recuperare palla.
All. Caridi 6 Nonostante il turno di riposo, le idee della squadra risultano talvolta annebbiate, a causa della scarsa concretezza in avanti: trova comunque un prezioso pareggio per il proseguimento del campionato.

ARBITRO: Spinelli di Cuneo 5: Tante macchie nella sua direzione, anche a causa di un’assistenza non ottimale: manca un rigore ai droneresi e la gestione degli animi è stata parecchio discutibile, soprattutto sul finale.

Una prestazione dalle due facce quella di Alfonso Mascolo: da un lato, il gol del vantaggio, dall’altro le tante occasioni sprecate.

LE INTERVISTE

«Ho visto una bella gara interpretata bene da noi, restando equilibrati e quadrati, ma non abbiamo concretizzato le occasioni avute e abbiamo pagato il non aver chiuso queste opportunità – dichiara nel post-partita Edoardo Delpiano – A livello caratteriale abbiamo dato un segnale importante dopo le ultime due sconfitte: una prova d’orgoglio importante, non premiata poiché meritavamo di vincere».

«Oggi sicuramente usciamo con due punti in meno perché abbiamo dominato la gara, soprattutto nella ripresa, con diverse palle gol sciupate, ma nel calcio chi sbaglia paga – sostiene il DS bianco-azzurro Francesco Blua – Loro hanno fatto gol con l’unico tiro in porta concesso da noi, come successo col Chisola. Sono punti che pesano, sicuramente c’è rammarico. Oggi c’è stata una prova di orgoglio, i ragazzi hanno affrontato al meglio una compagine rodata; questa domenica ci aspetta il turno di pausa, che ci aiuterà a lavorare per migliorarci».

«Prendere gol a bruciapelo non è semplice, abbiamo dovuto spingere di più e non è stato facile di lì in poi – afferma Antonio Caridi – Nel primo tempo abbiamo avuto più occasioni per il pari, nel secondo invece loro sono stati più attendisti e noi abbiamo rischiato, ma siamo stati premiati. Bertolini oggi ha giocato sulla sinistra poiché ho voluto puntare sulla gioventù sulle fasce, con Rivero sulla corsia di destra. Anche oggi un altro rigore non datoci, dispiace perché era già accaduto col Corneliano».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli