Chisola Coppa Ecc
I ragazzi di Alessi

Buona la prima per l’esordio stagionale del Chisola di Beppe Alessi, che schianta l’Atletico Torino con un netto 3-1, mettendo in ghiaccio la qualificazione al prossimo turno di Coppa Italia. I ragazzi di Macrì, squadra costruita da zero e ancora in fase di rodaggio, dà buoni segnali dal punto di vista fisico, ma pecca ancora molto nella costruzione della manovra, con i reparti poco comunicanti tra loro. I padroni di casa partono bene, andando a pressare alto i vinovesi che però si rendono subito pericolosi nei primi minuti, al 2’ con De Mitri e al 9’ con Capocelli. I biancoblù passano in vantaggio al 12’ sugli sviluppi di un corner di Bellino, che trova Capocelli sul secondo palo, crossa teso e pesca la zampata di Ba, che firma lo 0-1. Timida reazione dei torinesi, che fanno fatica a muovere palla a terra, preferendo i lanci lunghi e subendo così di conseguenza le ripartenze avversarie, soprattutto a sinistra con Bellino. Si accende Kean al 26’, che prova a rialzare i suoi con una giocata di classe in area, conclusa con una girata che termina alta di nulla. La ripresa segue la linea del primo tempo, con il Chisola che gestisce senza soffrire troppo. Ma i padroni di casa hanno l’occasione per riacciuffare la il match all’11’, con il contropiede condotto da Sylla, che serve Kean tutto solo di fronte a Benfadel, ma l’attaccante spara altissimo. Al 19’ i vinovesi raddoppiano con l’appena entrato Rizq: Germinario recupera palla sulla trequarti, serve un assist filtrante ed il numero 20 incrocia con un rasoterra al bacio. Al 28’ arriva il ruggito dell’Atletico, che accorcia le distanze con un tiro pazzesco da fuori area di Herrera, che insacca all’incrocio dei pali con un impotente Benfadel. Non passano neanche 60 secondi e gli ospiti si riportano a due lunghezze di distanza ancora con Rizq, questa volta concludendo al meglio l’assist teso da destra di Ollio. Nel finale tenta ancora Lister con una punizione potentissima da 25 metri, ma Benfadel è attentissimo e respinge con i pugni.

ATLETICO TORINO-CHISOLA 1-3
RETI (0-2, 1-2, 1-3): 12′ Ba (C), 19′ st Rizq (C), 28′ st Herrera (A), 29′ st Rizq (C).
ATLETICO TORINO (4-2-3-1): Benini 6, Zobo 6, Cavarero 5, Akadinma 5.5, Lister 5.5, Yao 6, Amara 5.5, Cantele 5 (26′ st Trovato 6), Kean 6, Mboup 6 (34′ st Mensah sv), Herrera 6.5. A disp. Mucciglio, Angellotti, Kouakou, Papa Tine, Puppione. All. Macrì.
CHISOLA (4-3-3): Benfadel 6.5, Dagasso 6, De grassi 6, Tuninetti 6.5, Russo L. 6.5, Anderson 6.5, De Mitri 6.5 (12′ st Ollio 6.5), Germinario 7 (20′ st Mazza 6), Capocelli 6.5 (16′ st Rizq 7.5), Bellino A. 7 (40′ st Di Cello 6), Ba 7 (26′ st Chirulli M. 6). A disp. Ariotti, Cristiano G., Arkaxhiu, Garcetti. All. Alessi.

Atletico Torino (4-2-3-1)
Benini 6 Sui 3 gol non può fare più di così.
Zobo 6 Alterna fasi positive a momenti di difficoltà.
Cavarero 5 Sulla sua fascia passano i maggiori pericoli.
Akadinma 5.5 Soffre il tridente vinovese.
Lister 5.5 Bravo nel proporsi, male dietro.
Yao 6 Lotta in mediana e smista.
Amara Sylla 5.5 Qualche accelerazione, poco più.
Cantele 5 Partita da dimenticare.
26’st Trovato 6 Buon ingresso.
Kean 6 Troppo isolato per gran parte della gara, fa quel che può.
Mboup 6 L’unico a dare un po’ di qualità sulla trequarti.
34’st Mensah sv
Herrera 6.5 Gol bellissimo che dà speranza ai suoi.
All.Macrì 5.5 Squadra ancora da rodare.

Il gruppo di Macrì

Chisola (4-3-3)
Benfadel 6.5 Un paio di interventi top.
Dagasso 6 Copre e spinge sulla destra.
De Grassi 6 Alcune sovrapposizioni interessanti.
Tuninetti 6.5 Gestisce la manovra con classe.
Russo 6.5 Roccioso in difesa.
Santos De Carvalho 6.5 Aiuta dietro.
De Mitri 6.5 Sfiora il gol in più riprese.
12’ st Ollio 6.5 Assist perfetto per il 3-1.
Germinario 7 Ruba una mole infinita di palloni.
20’ st Mazza 6 Forze fresche.
Capocelli 6.5 Innesca il gol del vantaggio ospite.
16’ st Rizq 7.5 Vero mattatore, doppietta decisiva.
Bellino 7 Fa impazzire l’intera difesa avversaria.
Ba 7 Mezzala di quantità, sblocca il match.
26’ st Chirulli 6 Si dà da fare.
All.Alessi 7 Squadra non ancora al top, ma la qualità c’è.

Interviste Atletico Torino – Chisola