giovedì 4 Giugno 2020 - 15:54:25

Atletico Torino – Saluzzo Eccellenza: I Boschetto boys non si fermano più conquistata anche via Palatucci

Le più lette

Pavia, annunciato il nuovo allenatore: si tratta dell’ex Chisola Fabio Nisticò

Fabio Nisticò è il nuovo allenatore del Pavia, che affronterà il campionato di Eccellenza 2020-2021. Il tecnico, come già...

Il Canelli SDS verso la ripartenza: riapre l’impianto ad Asti

Dopo un lungo periodo di pausa forzata c’è tanta, tantissima voglia di ripartire e di rincorrere quel pallone di...

Baranzatese, ufficializzato l’arrivo di Vito Fratto: è lui il successore di Comin

Dopo aver salutato Roberto Comin, uno dei principali artefici della promozione in Prima categoria, la Baranzatese ha ufficializzato il...

È durata 17 giornate l’imbattibilità casalinga dell’Atletico Torino. Infatti, il Saluzzo si unisce al Vanchiglia (vincitrice l’8 Settembre, prima di campionato) nella lista delle squadre che sono riuscite a vincere all’interno dell’impianto di Via Palatucci. Va detto, però, che questa non è stata una missione semplice per i ragazzi di Riccardo Boschetto perché i gialloblù rendono loro difficile la vita, affrontandoli faccia a faccia senza chiudersi in difesa.

La squadra di Fanelli scende in campo con un solido 4-4-2 con il giovane Maggiolo a proteggere la porta insieme ai centrali Yao e Soumahoro, fiancheggiati da Scarf ed Arias. Zona centrale del campo affidata a capitan Kouakou Koffi ed al metronomo Badji, addetto a lanciare sulle fasce le frecce Amara ed Herrera; terminali offensivi Martorano e Medina.

Gli ospiti, dal canto loro, rispondono con un 4-2-3-1 puntando a dominare la zona centrale del campo. Tra i pali Busano con Serino, Carli, Caula e Serra a completare il pacchetto arretrato. Davanti alla difesa troviamo la coppia Mazzei-Barale, mentre il compito di agire da trequartista/seconda punta è affidato a Tosi. Porcel de Peralta e Rrotani fungono da ali con il compito di innescare il centroboa Carrer.

La partita non lascia spazio a distrazioni perché gol ed occasioni caratterizzano tutti i 90 minuti di gioco. A dare una brusca spinta in avanti al ritmo della partita ci pensano proprio gli ospiti che rompono il ghiaccio al 1′ con il gol di Carrer che, approfittando di una disattenzione della difesa avversaria, porta subito avanti i suoi. Da questo momento in poi i 22 in campo continuano a premere sull’acceleratore senza rifiatare un attimo. Il gol trovato non influenza i ragazzi di Boschetto che continuano a giocare alla loro maniera, come se la partita fosse ancora sullo 0-0, e questa freddezza li ripaga perché al 5′ vanno ad un passo dal raddoppio con la punizione di Tosi che sfiora l’incrocio dei pali.

I ragazzi di Fanelli, superata la breve fase di sbandamento, tornano compatti ed al 10′ portano il primo pericolo dalle parti di Busano con Medina che, dentro l’area, addomestica la sfera ma non centra lo specchio della porta. Passano pochi minuti ed il Saluzzo si esibisce in un’azione da manuale: Serra, con una perfetta apertura trova sul lato opposto del campo Rrotani, che rapidamente crossa basso in area dove però l’accorrente Carrer liscia il pallone all’altezza del dischetto del rigore. Questa manovra fa da antipasto al 2-0 ospite che arriva al 17′ con Carli che trasforma il calcio di punizione dal limite dell’area guadagnato da Tosi. Il doppio vantaggio abbassa la temperatura in campo con le due squadre che si contendono la sfera nella zona centrale del campo con l’Atletico che fatica ad allargare il gioco ed il Saluzzo che riprende fiato mantenendo con pazienza il possesso palla.

La calma viene spezzata al 32′, quando Carli, sugli sviluppi del corner battuto da Barale, anticipa sul primo palo l’intera difesa gialloblù realizzando così una doppietta. Il tris saluzzese si rivelerà un’arma a doppio taglio per la squadra ospite perché li porta ad abbassare il ritmo consentendo ai padroni di casa di sviluppare il proprio gioco e prendere il dominio del centrocampo. Cosa che l’Atletico non si fa ripetere due volte e ne approfitta immediatamente segnando due gol nel giro di 10 minuti, entrambi da calcio d’angolo. Nel primo, battuto corto, nessun difensore ostacola l’ingresso in area di Badji che con l’interno destro batte sul primo palo Busano; nel secondo è Scarf che viene lasciato solo sul secondo palo ed insacca senza grossi problemi. Le squadre vanno così all’intervallo con il punteggio di 2-3.

Il tecnico Boschetto deve essersi fatto sentire negli spogliatoi perché i suoi ragazzi entrano in campo con la stessa grinta che hanno mostrato nella prima metà di gara. A ciò aggiunge anche un leggero cambio di modulo avanzando Rrotani e Porcel De Peralta ai fianchi di Carrer dando vita ad un 4-3-3 più spregiudicato. La modifica dà i suoi frutti perché nel giro di 5 minuti i saluzzesi vanno per altre due volte in rete, in entrambi i casi con Porcel De Peralta. La prima occasione arriva al 6′ con l’attaccante che ribadisce in rete la respinta di Maggiolo sul tiro di Rrotani e poi si ripete all’11’ quando viene dimenticato, sul secondo palo, dai difensori gialloblù durante un calcio d’angolo.

Una volta ottenute nuovamente le tre marcature di vantaggio, come nel primo tempo, cala la concentrazione della squadra ospite ed in risposta sale il ritmo dei padroni di casa. Merito di ciò va anche dato all’allenatore Fanelli che trasforma il suo 4-4-2 in un 3-5-2 avanzando Soumahoro in modo da facilitare le sue sortite offensive. Ed è proprio il numero 5 che, dopo aver superato un paio d’avversari, appoggia a Martorano che a tu per tu con il portiere non sbaglia e realizza il terzo gol dell’Atletico.

Il finale di gara è unicamente a tinte gialloblù con Badji che continua a trovare delle ottime linee di passaggio che i suoi compagni, sia per merito della difesa avversaria sia per imprecisione, non riescono a trasformare in rete.

Fanelli, all. Atletico Torino: «Sono contento della prestazione dei ragazzi. Usciamo dal campo a testa alta, abbiamo giocato a viso aperto contro la prima in classifica. Non ho niente da rimproverare»

Boschetto, all. Saluzzo: «Sapevo che questa partita non sarebbe stata semplice, l’Atletico non perdeva in casa dalla prima giornata. Sono soddisfatto dell’approccio iniziale dei ragazzi, dobbiamo migliorare nella gestione della partita. Loro hanno dimostrato una tenuta atletica migliore della nostra».

IL TABELLINO DI ATLETICO TORINO – SALUZZO ECCELLENZA

ATLETICO TORINO – SALUZZO 3-5
RETI (0-3, 2-3, 2-5, 3-5):
1′ Carrer (S), 17′ Carli (S), 32′ Carli (S), 35′ Badji (A), 45′ Scarf (A), 6′ st De Peralta (S), 11′ st De Peralta (S), 36′ st Martorano (A).
ATLETICO TORINO (4-4-2): Maggiolo, Arias, Scarf, Yao, Soumahoro, Badji, Amara, Kouakou Koffi, Martorano, Medina (38′ st Yildirim), Herrera. A disp. Mucciglio, Puppione, Marrone, Giovannelli, Castagna, Palmiere. All. Fanelli
SALUZZO (4-2-3-1): Busano, Serino, Serra, Caula, Carli (38′ st Caldarola), Mazzei, Rrotani (14′ st Bedino), Tosi (22′ st Supertino), Carrer (42′ st Pampiglione), Porcel De Peralta, Barale. A disp. Nardi, Terragno, Scavone. All. Boschetto
AMMONIZIONI: 8′ st Tosi (S), 13′ st Martorano (A), 22′ st Soumahoro (A), 24′ st Yao (A).
ARBITRO: Iacopetti di Pistoia 6.5. Nel primo tempo spegne sul nascere le proteste senza usare i cartellini, giuste le ammonizioni nella ripresa. Direzione positiva.
COLLABORATORI: Rizzo e Giaveno di Pinerolo.

LE PAGELLE DI ATLETICO TORINO – SALUZZO ECCELLENZA

ATLETICO TORINO
All. Fanelli 6.5 I suoi tengono bene il campo. Con il cambio di fascia tra Herrera e Amara arrivano i due gol del primo tempo. Nella ripresa modifica il modulo e arriva un’altra rete.
Maggiolo 6 Poteva fare meglio nella punizione di Carli ma nel complesso una prova sufficiente. Splendido un intervento in uscita su Porcel De Peralta.
Scarf 6 Fatica a tenere Rrotani ma nella ripresa spinge con più convinzione.
Yao 6.5 Col passare del tempo diventa il padrone della retroguardia.
Soumahoro 6.5 Da incursore ha dato il meglio di sè.
Badji 7 È il metronomo della squadra, le azioni più pericolose partono da lui.
Amara Nel primo tempo vuole risolvere la partita da solo, meglio nella ripresa. I cross più pericolosi arrivano dalla sua fascia.
Kouakou Koffi 6 Gran lavoro di sacrificio, tanta corsa e recupera tanti palloni.
Martorano 6.5 Si da un gran da fare là davanti. Le fatiche vengono premiate con il gol.
Medina 5.5 Tanto movimento ma non riesce ad essere incisivo. 38’st Yildirim 6 Subito nel vivo del gioco, entra e sfiora il gol.
Herrera 6.5 Nel primo tempo non da’ pace ai difensori avversari, tra i più propositivi.

SALUZZO
All. Boschetto 7 Mantiene alta la concentrazione dei suoi nella ripresa che non cedono all’ansia per la possibile rimonta degli avversari.
Serino 6.5 La presenza di Herrera non gli permette di spingersi in avanti ma lui non delude anche in fase difensiva.
Serra 6.5 Buone capacità d’impostazione, rende difficile la vita ad Amara.
Caula 6.5 Neutralizza Medina fino a renderlo inoffensivo.
Carli 7.5 La sua doppietta permette ai suoi di chiudere in vantaggio il primo tempo infondendo la tranquillità necessaria ad affrontare la ripresa. 31’st Caldarola sv
Mazzei 6.5 Tanto lavoro sporco, in Badji trova un avversario non facile da tenere.
Rrotani 6.5 La sua spinta sulla fascia destra è una costante. 14’st Bedino 6 Niente di eccezionale ma non fa nemmeno disastri, entra con il risultato già in cassaforte.
Tosi 6.5 Fa risalire la squadra e quando a Carrer serve un appoggio lui c’è. 22’st Supertino 6 Subentra per mantenere il risultato ed evitare rischi inutili. Missione compiuta.
Carrer 7 Il primo pressing parte da lui, non si risparmia. Suo anche il merito di sbloccare immediatamente il match. 41’st Pampiglione sv
Porcel De Peralta 6.5 La sua doppietta lo porta in testa alla classifica marcatori. Ha dato il meglio nella ripresa, quando giocava più avanti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy