14 Agosto 2020 - 17:02:26

Borgovercelli – Baveno Eccellenza: il solito, glaciale Rognone, vercellesi di misura

Le più lette

Riunione Consiglio CRL: quattro ripescaggi in Eccellenza e Promozione a 96 squadre

Finalmente è arrivato il giorno in cui le società lombarde hanno conosciuto i format dei campionati. Come era ampiamente...

Accademia Inveruno, i gialloblù entrano nell’orbita Monza

L'Accademia Inveruno nel breve tempo stipulerà un accordo con il Monza. Già durante la presentazione della nuova dirigenza si era...

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Il Borgovercelli non molla la presa, ringhia per novanta minuti e azzanna la preda al momento giusto. Così gli uomini di Moretto tengono il passo del sempre più sorprendente Aygreville e superano anche l’ostacolo Baveno. Sicuramente non una bella partita quella andata in scena in via Repubblica, ma che ancora una volta dimostra quanto cinismo e spirito di sacrificio siano indispensabili per il successo prolungato in questi campionati. Come da pronostico il primo colpo è vercellese, con De Lorentiis che di testa spizza per Petrillo; il collega attaccante però perde l’attimo propizio per calciare e si fa anticipare da Boatto. I tre terminali offensivi del Baveno si scambiano spesso di posizione, non dando punti di riferimento alla retroguardia avversaria, ma i palloni giocabili sono pochi e non sono dei migliori. Al 13′ l’episodio spartiacque: Danzo colpisce involontariamente con la mano in area, e l’arbitro indica il dischetto tra le proteste ospiti, che fanno notare al direttore di gara come il braccio di Danzo fosse attaccato al corpo. Ma la decisione è stata presa, e dal dischetto si presenta Rognone: lo specialista fa 5 su 5 dagli undici metri e porta in vantaggio i borghini. Il primo vero pericolo dalle parti di Cantele si registra un minuto più tardi, con Salzano che batte una punizione insidiosa, che però termina di poco alta. Le insidie su punizione arrivano anche dalle parti di Boatto, e sul traversone di Bertolone il solito De Lorentiis fa la sponda per l’accorrente Petrillo, ma il tiro del numero 11 viene neutralizzato bene da Boatto. Alla mezz’ora si rivedono i biancoblù, grazie ad un tiro da fuori di Gjonaj, con Cantele che è bravo a tuffarsi e a deviare in angolo. Il primo tempo termina con le squadre dalle sensazioni opposte. Nel secondo tempo cambia radicalmente il leitmotiv della sfida, con i padroni di casa che arretrano il baricentro e lasciano campo al Baveno. Scelta che si rivela azzeccata, poiché i lacuali si trovano in grossa difficoltà in fase di manovra, complice anche un campo tempestato di zolle. Dopo dieci minuti sono ancora i borghini a far paura: De Lorentiis da posizione centrale calcia una punizione che si spegne sul fondo, con Boatto in controllo della traiettoria. Si abbassano ulteriormente i ritmi, e il Borgovercelli già pregusta i tre punti. Salzano ci prova, anche da fuori, ma semplicemente non è giornata. Gli ultimi lampi sono tutti per i borghini, con Seletto prima, che non centra la porta da buona posizione, e con Bertola poi, che incredibilmente non impatta bene la sfera. Triplice fischio e tutti sotto la doccia, e spazio alle recriminazioni di fine gara, con Molle e dirigenti a protestare dall’arbitro. Sinceramente, i dubbi sul rigore restano, ma nulla toglie alla brutta prestazione offerta dai biancoblù, che non hanno mai messo davvero in difficoltà una difesa fra le migliori di categoria. Per il Borgovercelli, il detto “gli attacchi fanno vendere i biglietti, le difese fanno vincere i campionati” suona più familiare che mai. Con questa solidità si può davvero puntare a qualcosa di grande.

BORGOVERCELLI-BAVENO 1-0
RETI: 14′ rig. Rognone (Bo).
BORGOVERCELLI (4-4-2): Cantele 6.5, Miglietta 6.5, Gnemmi 6, Seletto 7, Canino 7.5, Bertolone 6.5 (21′ st Mirinioui 6), Esposito S. 6, Gallace 6.5, De Lorentiis 6.5, Rognone 6.5 (45′ st Trevisio sv), Petrillo 6 (31′ st Bertola 5.5). A disp. Silva, Berzero, Rrucaj, Speranza , Baghdadi, Gjuni. All. Moretto. Dir. Rinaldi.
BAVENO (4-3-2-1): Boatto 6, Danzo 6, Ramalho 6.5, Gjonaj 6.5, Casarotti A. 6 (43′ st Eliseo sv), Stanglini 6.5, Salzano 5.5, Motetta 5.5 (36′ st Di Leva sv), Romano 6 (26′ st Gitteh 6.5), Prandini 6 (5′ st Merio 6), Midali 6 (43′ st Clausi sv). A disp. Travaglio, Preiata. All. Molle. Dir. Caretti.
AMMONITI: 8′ st Stanglini (Ba), 31′ st Motetta (Ba), 47′ st Gnemmi (Bo).
ARBITRO: Isoardi di Cuneo 5.

Borgovercelli di Gregory Moretto
Il Borgovercelli di Gregory Moretto

PAGELLE BORGOVERCELLI
All. Moretto 7 La grandissima difesa si sta dimostrando sempre di più il marchio di fabbrica di questa squadra. Quadrati e ordinati come sempre, vittoria essenziale.
Cantele 6.5 Un bell’intervento su Gjonaj e la solita sicurezza tra i pali.
Miglietta 6.5 Lui e Gnemmi non hanno punti di riferimento, con gli attaccanti lacuali che si scambiano molto. Interpreta molto bene le difficoltà e gioca con attenzione.
Gnemmi 6 Ci si aspetterebbe più spinta da lui, ma dietro gioca come sa e tiene bene Salzano.
Seletto 7 Grandissimo lavoro di rottura. Dimostra cinque anni in più sul campo.
Canino 7.5 Il capitano, come vuole la tradizione, è colui che guida i suoi alle vittorie. Oggi Canino ha eseguito alla lettera questa nomea e ha dominato in lungo e in largo contro gli attaccanti biancoblù.
Bertolone 6.5 Di testa sono tutte sue. Esce per infortunio. 21′ st Mirinioui 6 Regge i duelli in velocità.
Esposito S. 6 Sembra pronto appena dopo il fischio d’inizio, con qualche scatto importante. La baldanza va via via scemando con il passare dei minuti.
Gallace 6.5 La sua esperienza è sempre decisiva.
De Lorentiis 6.5 Non segna ma regala occasioni da gol a destra e a manca. Di sponda non sbaglia mai.
Rognone 6.5 Il solito rigore glaciale, e la squadra vola. Abile anche in scatto.
Petrillo 6 Il più sottotono davanti, non commette errori ma non crea vantaggi. 31′ st Bertola 5.5 In pochi minuti ha due occasioni ghiotte per chiuderla, ma non le sfrutta. Meglio per la squadra che non pesano.

Baveno di Rino Molle
Il Baveno di Rino Molle

PAGELLE BAVENO
All. Molle 6 Il campo appesantito sicuramente non aiuta una squadra abituata ai fraseggi palla a terra. La scusante però dura fino ad un certo punto…
Boatto 6 Sui rinvii ha qualche difficoltà, forse per un piccolo fastidio muscolare.
Danzo 6 Colpe sue sul rigore sì, ma fino ad un certo punto. La dinamica del tocco con il braccio è molto dubbio.
Ramalho 6.5 La solita spinta incessante sulla sinistra.
Gjonaj 6.5 Cantele gli nega la gioia del gol. Lui non si dà per vinto e gioca da abile regista.
Casarotti A. 6 Perde qualche duello con De Lorentiis, ma ciò non spegne la sua voglia di lottare.
Stanglini 6.5 Ben piazzato su tutte le diagonali e sempre attento nel guidare la linea.
Salzano 5.5 Il grande assente di giornata. Un giocatore con le sue qualità serve come il pane ai suoi e il terreno di gioco lo limita non poco.
Motetta 5.5 Anche lui, come Salzano, manca all’appello. Non dirige la solita orchestra.
Romano 6 Molto attivo davanti, a fare a sportellate con Canino e Bertolone. 26′ st Gitteh 6.5 Subito in palla, ha pochi minuti per esprimersi e li sfrutta al meglio. Grande corsa.
Prandini 6 Spesso ci si dimentica che sia 2002, considerando la sua quasi sicura titolarità. Il livello è sempre alto. 5′ st Merio 6 Anche lui gioca con personalità. Il futuro lacuale è in buone mani.
Midali 6 Esordio a due facce. Parte sicuramente meglio, in controtendenza con il resto della squadra, mentre entra poco nelle manovre dei suoi nella ripresa.

LE PAROLE A FINE GARA: GREGORY MORETTO E RINO MOLLE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli