7 Agosto 2020 - 21:19:44

Borgovercelli – Oleggio Eccellenza A: Rognone mago dei piazzati, gli orange frenano la corsa

Le più lette

Ticinia Prima Categoria, tutto pronto per la nuova stagione: parla Rocchi

La Ticinia è ormai pronta a vivere una nuova stagione in Prima Categoria. Alla guida della prima squadra resterà Alessandro...

La Biellese, in mediana c’è Dylan Kambo

I lanieri di Rizzo continuano a puntare alto e l'ennesimo segnale arriva dal mercato che regala un centrocampista di...

GS Pero Calcio a 5 Femminile, la presentazione: puntare in alto per costruire in basso

Tanti sorrisi, contagiosi, ma che non possono celare l’emozione di ciò che si andrà a vivere. Nella splendida location...

Un Oleggio in formissima si stampa contro la fisicità e la compattezza del Borgovercelli, che ancora una volta si conferma la miglior difesa del girone e vince col brivido grazie al colpo del campione, Andrea Rognone. I borghini proseguono con l’inseguimento alla capolista Pont Arnad e fermano gli orange, che non sono mai apparsi in grado di impensierire seriamente Cantele e compagni. Le due formazioni si schierano con moduli speculari, e il Brogovercelli deve fare a meno del leader difensivo Canino, mentre l’Oleggio rinuncia a Latta in avanti e a Luca Cherchi a centrocampo. La gara si fa subito fisica e molto bloccata, con le due formazioni che sembrano più attente a non prendere gol che a farlo. Il primo tentativo, al 20esimo, è di Rognone, che riceve palla in area, si destreggia tra due avversari e calcia, ma il tiro è debole e strozzato, e Bastianelli para senza difficoltà. Alla mezz’ora si accende Mirinioui, che trova il fondo e lascia partire il cross basso da destra, sul quale però De Lorentiis non arriva di pochissimo, e Bastianelli può ancora una volta controllare senza patemi. Si vede finalmente l’Oleggio in avanti, con l’unica occasione capitata sui piedi di Canton, che tenta un tiro dai 30 metri che finisce alto di poco, con Cantele leggermente fuori dai pali. Sipario sul primo tempo. Entrambi i tecnici sanno che un pareggio scontenterebbe tutte e due le formazioni, e indirizzano i giocatori verso un gioco più offensivo. Dopo poco più di un giro di lancette, infatti, Gnemmi ruba palla a centrocampo, si invola sulla sinistra e crossa al centro, ma la soluzione  appare leggermente fuori misura, e la palla centra in pieno la traversa, a Bastianelli battuto. Sale in cattedra Edoardo Ceria, già autore di qualche buona discesa nel primo tempo; l’esterno prima spaventa Cantele con una punizione che finisce di poco alta, e poi, verso il ventesimo, sporca i guantoni dell’estremo difensore borghino con un tiro potente ma centrale, da fuori area. Al 31′, finalmente, la gara si sblocca: Barcarolo, entrato in campo da pochi minuti, stende Gnemmi poco fuori l’area di rigore, e Rognone si presenta sulla punizione: la traiettoria supera la barriera e si infila nell’angolino basso alla destra di Bastianelli, dove l’ex Biellese non può arrivare. Esultanza liberatoria per Andrea Rognone e compagni, che vedono la vittoria più vicina. Ancora lo stesso Rognone tre minuti dopo ha un’altra clamorosa palla gol: Federico Petrillo riesce a spizzare di testa proprio per il numero 10 che si trova a tu per tu con Bastianelli, ma la sua soluzione in pallonetto si perde alta. Sembra tutto finito, con l’Oleggio che prova a spingere, trovando però i puntuali interventi della retroguardia del Borgovercelli, ma al secondo minuto di recupero ancora Federico Petrillo si rende protagonista: il subentrato ruba il tempo a Sironi e scatta indisturbato verso la porta di Bastianelli, che, una volta entrato in area, lo tocca; per l’arbitro è calcio di rigore, tra le proteste ospiti. Dal dischetto si presenta il solito Rognone, che però non è glaciale come al solito, e colpisce il palo alla destra di Bastianelli. Finisce così a Borgo Vercelli, con i padroni di casa che consolidano le proprie consapevolezze in termini di classifica e solidità. L’Oleggio, invece, subisce un brutto stop. Non tanto per il risultato, ma dal punto di vista del gioco. Che sia una prestazione isolata.

BORGOVERCELLI-OLEGGIO 1-0
RETI: 31′ st Rognone (B).
BORGOVERCELLI (4-4-2): Cantele 6, Mirinioui 6.5 (39′ st Miglietta sv), Gnemmi 6.5, Bertola 6 (32′ st Baghdadi sv), Bertolone 6.5, Biano 6, Esposito 6.5, Gallace 6, De Lorentiis 5.5 (12′ st Petrillo F. 6.5), Rognone 7.5, Petrillo N. 6 (28′ st Seletto 6). A disp. Silva, Berzero, Trevisio, Incontri, Gjuni. All. Moretto 6.5.
OLEGGIO (4-4-2): Bastianelli 6, Casarotti A. 6, Vacirca 6, Botto Poala 6 (26′ st Barcarolo 5.5), Sironi 5.5, Marianini 6.5, Ceria 6.5, Adami 6.5, Cerutti 6 (26′ st Zuliani 6), Canton 5.5, Mattioni 6.5. A disp. Anastasi, Palermo, Tanzillo, Cherchi M., Latta, Rivetti. All. Roano 6.
ARBITRO: Laugelli di Casale Monferrato 5.5 Rigore molto generoso. In generale sembra fuori dalla gara, e non si fa rispettare come dovrebbe. Forse l’uso tardivo dei cartellini può essere il motivo.
AMMONITI: 7′ st Mirinioui (B), 9′ st Bertolone (B), 30′ st Barcarolo[01] (O), 33′ st Mattioni (O).
NOTE: 48′ st rigore sbagliato di Rognone sul palo.

LE PAGELLE DEL BORGOVERCELLI
All. Moretto 6.5 Una vittoria che, come tante volte in questa stagione, parte dalla difesa. Anche in assenza di un leader come Canino, tutti danno il 100% e il tecnico è sicuramente uno dei motivi.
Cantele 6 La sua voce si sente in tutta Vercelli e provincia. Guida e motiva i suoi come solo lui sa fare, oltre che ad intervenire in modo preciso le poche volte in cui è chiamato in causa.
Mirinioui 6.5 Una partita che mette sicuramente in dubbio il posto da titolare di Miglietta. Bene quando deve spingere, con l’accoppiata con Esposito, bene quando deve difendere, seguendo bene i tempi dettati dai due centrali di difesa.
Gnemmi 6.5 Va vicino al gol con un cross che si stampa sulla traversa. L’occasione è solo la ciliegina su una bella prova, di forza e d’astuzia.
Bertola 6 Qualche problema in impostazione, dove a volte sembra rallentare la manovra, ma quando si tratta di tirare fuori gli artigli non si tira certo indietro. Con Gallace forma uno schermo davanti alla difesa senza eguali.
Bertolone 6.5 Fa valere sempre il fisico quando serve, combattendo e annullando Cerutti. Di testa è una sicurezza data l’altezza.
Biano 6 Leggermente lento nei movimenti, ma guida bene la linea e si fa sentire in assenza di Canino. Partita d’ordinanza per l’esperto centrale, senza rischiare troppo.
Esposito 6.5 Strappi estemporanei, che quando arrivano regalano quasi sempre la superiorità numerica ai borghini. Non sempre al centro dell’azione, ma le sue doti le conosciamo tutti.
Gallace 6 Più rifinitore rispetto a Bertola. Tocca tanti palloni e viene spesso a prendersi la palla. Forse troppi errori quando deve verticalizzare.
De Lorentiis 5.5 Ennesima prova scialba per il puntero, in una stagione finora nefasta. Deve ritrovare in fretta la condizione e la vena realizzativa. Il suo apporto sarà decisivo per l’ultimo assalto. 12′ st Petrillo F. 6.5 Appare subito molto attivo, spizzando un pallone per Rognone che l’attaccante non sfrutta e procura il rigore finale. La sua corsa è un fattore determinante.
Rognone 7.5 Il rigore sbagliato non inficia sull’ottima prestazione, forse la migliore di quest’anno. Oltre alla magica punizione, è sempre nel vivo del gioco, e dà indicazioni a tutti. Vero uomo in più.
Petrillo N. 6 Non sfrutta bene gli spazi che si aprono a sinistra. In generale sembra leggermente estraniato dal gioco. 28′ st Seletto 6 Anche per pochi minuti, ci mette sempre il cuore, correndo dietro ad ogni pallone.

Oleggio
L’Oleggio di Andrea Roano si ferma dopo quattro vittorie nelle ultime cinque partite

LE PAGELLE DELL’OLEGGIO
All. Roano 6 La mancanza di Latta davanti e di Luca Cherchi in mezzo sicuramente limita molto le opzioni. Ma da una squadra che arrivava da una serie di vittorie ci si sarebbe aspettati di più. Anche con la soluzione di Canton ad orbitare attorno a Cerutti gli orange non sfondano mai.
Bastianelli 6 Poco può sulla punizione di Rognone. Bravo con le mani e con i piedi quando deve spazzare palloni difficili.
Casarotti A. 6 Si accende nel finale quando l’Oleggio tenta l’assalto disperato ma è troppo tardi. In copertura non ha grossi compiti, grazie alla poca inventiva di Nicolò Petrillo.
Vacirca 6 La sua esperienza è sempre d’aiuto quando si tratta di sventare le offensive dei borghini. In attacco ci si sarebbe aspettato di più.
Botto Poala 6 Combatte come può con Bertola e Gallace, ma i due hanno spesso la meglio. Lui è bravo a smistare palloni per cercare nuove soluzioni, che però i compagni non espirmono. 26′ st Barcarolo 5.5 In pochi minuti causa la punizione che risulterà nel gol di Rognone e si becca un giallo inutile. Dimenticare in fretta questa partita.
Sironi 5.5 Sbaglia troppo in impostazione e si fa beffare ripetutamente da Rognone prima e da Federico Petrillo poi.
Marianini 6.5 Molto bene quando deve respingere i palloni aerei. E’ comunque una sicurezza quando esce palla al piede. I compagni si fidano di lui.
Ceria 6.5 E’ decisamente quello che ci prova di più in fase offensiva. Tra punizioni che escono di poco e tiri velenosi da lontano è un punto di riferimento per i compagni. Gli manca solo il gol.
Adami 6.5 In un ruolo non propriamente suo si trova bene. Fa da schermo con i colpi di testa quando i borghini tentano la soluzione lunga.
Cerutti 6 Corre e si sbatte parecchio, ma perde quasi tutti i duelli con Biano e Bertolone, che sono due clienti difficilissimi. 26′ st Zuliani 6 Non trova mai il modo di far male, ma non è facile contro questa difesa.
Canton 5.5 Libero di spaziare su tutto il fronte offensivo, non si fa mai veramente vedere. Sbaglia i tempi di inserimento e le sue soluzioni non risultano efficaci.
Mattioni 6.5 Corre per tutta la fascia, anche quando Roano lo sposta a sinistra. Punto di riferimento per i palloni lunghi di difensori e centrocampisti.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli