12 Agosto 2020 - 01:29:26

Chisola – Baveno finale Coppa Italia Eccellenza: pagelle del Baveno, Salzano inventa e Gjonaj detta i tempi

Le più lette

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Rivoli: Granieri vince il ricorso e torna presidente, Scozzaro out

Se non vi siete portati il romanzo da ombrellone in spiaggia, potete facilmente rileggere l’anno tormentato del Rivoli del...

Benarzole, in attacco arriva Castagna

Il Benarzole trova il suo numero 9 e lo va a pescare con un curriculum di un certo livello....

Un Baveno ardito, combattivo, e per gran parte della ripresa e dei supplementari padrone del campo cede il passo ad un Chisola cinico e osticissimo. Il sogno si spegne in finale per i lacuali, rei di aver concesso il gol decisivo nel loro momento migliore, bruciandosi le chance di vittoria. Qualcosa di positivo resta: la consapevolezza di potersela giocare davvero con chiunque, arrivando ad una traversa dal secondo vantaggio. Sotto lo schema iniziale del Baveno.

Il Baveno di Rino Molle si schiera con il consueto 4-4-2, con la coppia di giovanissimi Prandini-Preiata a centrocampo, coadiuvati da Romano, largo a destra e grande pericolo per Marcaccini, e dall’esperto Gjonaj, con compiti importanti in cabina di regia. La difesa è l’ormai collaudata linea a quattro con Eliseo, Salice, Stanglini e Ramalho. Davanti spazio alla coppia d’attacco Beretta-Salzano, capace di creare grattacapi con sponde e giocate intelligenti.

Baveno (4-4-2)
All. Molle 7 Una prima frazione giocata a viso aperto, con i suoi che si appoggiano spesso alle due punte. Curiosa scelta di schierare Romano largo a destra, che però ha pagato per larghi tratti. Nel secondo tempo i lacuali esprimono sprazzi di dominio, andando più volte vicini al vantaggio, senza però concretizzare. A minuti dai rigori la beffa, che però non macchia una prestazione fantastica. Sconfitta a testa altissima.
Boatto 5.5 Una grande parata su un tiro da calcio d’angolo di Costantin, ma sul gol esce come può. Pochi altri grattacapi dalle sue parti, ben protetto dalla linea difensiva. Nella ripresa un’ottima uscita su uno stop in area di Rizq. Respinge Garcetti ad inizio supplementari, ma non esce sul cross che porta al definitivo gol. Rinvii un po’ incerti.
Eliseo 5.5 Pochi pericoli nel primo tempo dal suo lato di campo, con Ahmed e Costantin stranamente quieti. Lui però non ne approfitta e non parte quasi mai all’avventura davanti. Sbaglia anche qualche disimpegno di troppo.
Ramalho 6 Solita spinta sulla sinistra, che però non porta a grosse soluzioni. Il compito di seguire Rizq quando si allarga non è semplice, ma lui sembra reggere l’urto. Nei supplementari si rende protagonista di una grande chiusura dopo un cross dalla sinistra.
Gjonaj 7.5 Interpreta benissimo la partita, giocando tra le linee e abbassandosi spesso per ricevere palla. Le azioni partono quasi tutte da lui. Non disdegna qualche inserimento nella zona centrale e qualche tentativo da fuori. Lotta anche contro i crampi che lo limitano nel secondo tempo. 5′ 2TS Motetta sv
Salice 6.5 Sempre attento sulle palle alte, ma non sfigura neanche sulla corsa. In palla nella prima frazione, lasciando le briciole agli attaccanti del Chisola. Nel secondo tempo comincia a rilento con qualche disattenzione di troppo, ma sale di colpi con il passare del tempo, ed è decisivo in almeno un paio di occasioni.
Stanglini 6 Non segue come dovrebbe Germinario nel primo gol, la cui posizione però resta dubbia. Non subisce altre grosse offensive nel primo tempo e si limita al giro palla da dietro. Rischia parecchio con due interventi al limite del doppio giallo, ma la sua presenza è sempre una sicurezza. 14′ st Di Leva sv
Salzano 7 Il leader dei lacuali sembra volersi prendere in mano la squadra nel momento del bisogno, per scacciare via i brutti pensieri del campionato. Subito dopo il rigore fallito si butta per segnare sulla respinta. Nella ripresa altrettanto attivo davanti, colpisce una traversa e crea infiniti altri problemi. Enigma irrisolvibile.
Romano 6.5 Stranamente schierato a destra nei quattro di centrocampo, interpreta bene il ruolo. Inserimenti costanti che mettono in pericolo la retroguardia vinovese. Giallo che testimonia la voglia di lotta del numero 8, che all’occorrenza si sposta anche sull’altra fascia. Totale.
Beretta 6.5 Solite sponde e solita lotta per l’esperto puntero. Sfiora il gol con una deviazione su un tiro di Salzano. Pronti via e nella ripresa va subito in gol, annullato però da un fuorigioco segnalato dall’arbitro.
Prandini 6 Qualche buono spunto in mezzo al campo, ma poca verve quando deve costruire. Servivano le sue rifiniture per un maggior giro palla in attacco. 8′ 1TS Marchonini sv
Preiata 6.5 Molto bene in scatto sulla sinistra, dove il cliente è un certo Dagasso. Si propone spesso e volentieri e duetta con Salzano in velocità, costringendo spesso in inferiorità numerica la difesa vinovese. 30′ st Merio 6 Ha una ghiotta occasione sui piedi, ma non la sfrutta. Leggermente fuori dal gioco.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli