12 Giugno 2021

Chisola-Olmo Eccellenza: doppietta di Dalmasso e capolavoro di Armando. Meloni va ko prima della sosta

Le più lette

Milan-Fiorentina Primavera 1: un’espulsione inventata di Coubis condanna il Diavolo, la Viola affonda con Corradini e Munteanu

La Fiorentina ha razziato il Vasmara infliggendo un pesantissimo 3-0 al Milan. Era l’ultima chiamata playoff per la squadra...

Cinisellese-Vigor Milano Pulcini: Marco Vitari alla Gigio Donnarumma, Lorenzo Solenne alla Gareth Bale, Leonardo Lavrati alla Christian Eriksen

La partita dei duelli. Quello di Marco Vitari, portiere di immenso talento della Cinisellese, contro Lorenzo Solenne, esterno devastante...

Settimo Milanese-San Colombano Eccellenza: ai padroni di casa basta un lampo di Cipullo

Tra una chiacchiera sul possibile stop del campionato e un ultimo posto che nessuno vuole avere l’onore di occupare...

Una vittoria di squadra, frutto dell’applicazione e dell’ottimo lavoro svolto nell’arco dei 90 minuti da parte di tutti gli effettivi in campo. L’Olmo di Magliano sbanca il “Dino Marola” e conquista tre punti d’oro contro una delle formazioni più attrezzate del campionato. Dopo un primo tempo in cui gli ospiti nonostante le occasioni da gol create non sono riusciti a portarsi in vantaggio, nella ripresa si assiste ad un pressing sempre più costante da parte dell’Olmo che riesce a trovare con la doppietta di Dalmasso nel giro di un quarto d’ora e il sigillo di Armando qualche minuto più tardi le tre reti che valgono altrettanti punti in classifica. Gli uomini di Magliano salgono così a quota 7 punti, il Chisola scivola invece al terzo posto condiviso con il Canelli alle spalle del Corneliano Roero, vittorioso tra le proprie mura contro il Castellazzo nell’ultimo turno.

Chisola timido, Olmo molto propositivo. Un avvio molto a rilento da parte di entrambe le formazioni. Le due squadre, ben disposte in campo dai due allenatori, gestiscono saggiamente la sfera nelle prime battute iniziando a studiare l’avversario per trovare qualche punto debole e affondare il campo. Superati i primi 10 minuti in cui i ritmi non sono stati particolarmente elevati, il Chisola prova a rendersi pericoloso per primo con un atteggiamento molto più propositivo dell’Olmo, che sembra fare fatica a trovare spazio e palloni giocabili, affidandosi prevalentemente ai calci piazzati. Dopo il primo quarto d’ora di gioco è chiaro a tutti che la partita si giocherà e troverà la sua risoluzione a centrocampo, sorgente del gioco delle due formazioni, lì dove si verificano la maggior parte dei duelli e degli scontri fisici. Dopo 20 minuti di gioco l’Olmo inizia a cambiare atteggiamento portandosi stabilmente all’interno della metà campo del Chisola, che riesce a difendersi compatto senza concedere troppi spazi ai propri avversari. Sugli sviluppi di calcio d’angolo, l’Olmo trova anche la rete del vantaggio con Bottasso, ma il gol viene annullato per fuorigioco. Con il passare dei minuti l’Olmo trova sicurezze sempre maggiori e si spinge in avanti con crescente aggressività in cerca della rete del vantaggio. Il Chisola prova timidamente a ripartire in contropiede ma finisce per sbattere continuamente contro il muro difensivo dell’Olmo che, conquistata senza troppe difficoltà la sfera, riparte subito all’attacco. Superata la mezz’ora il Chisola prova ad organizzare una reazione ma né Rizq, il cui colpo di testa viene facilmente intercettato e deviato in calcio d’angolo, né Bordone, la cui punizione risulta lenta e poco angolata, riescono ad impensierire gli ospiti.

Biancorossi scatenati. Nell’intervallo Meloni sprona i suoi e il Chisola scende meglio in campo, mostrandosi più coraggioso, agonisticamente cattivo e desideroso di sbloccare una gara rimasta in equilibrio. La manovra dei padroni di casa, che sembra essere più fluida rispetto alla prima frazione, è funzionale a costruire più palle gol nei primissimi minuti della ripresa. Superato il periodo di smarrimento iniziale, l’Olmo sale in cattedra e, attraverso una grande azione di squadra, trova la rete che vale il vantaggio biancorosso grazie al sinistro vincente di Dalmasso che sorprende Montiglio e porta avanti i suoi all’8’ della ripresa. Il Chisola, assimilato il colpo, prova a spingersi in attacco con Ollio che, a tu per tu con Campana, spreca però una grandissima occasione calciando contro l’estremo difensore della formazione ospite. È l’episodio spartiacque della partita, che da questo momento in poi è più vivace e aperta. Sono ora più frequenti infatti i ribaltamenti di fronte, con le due squadre che sembrano scoprirsi maggiormente per trovare il secondo gol della gara: il Chisola per rimettere in piedi una partita che sta pian piano sfuggendo di mano, l’Olmo per prendere il largo e avvicinarsi ad una grande vittoria. Il Chisola ci prova con Bellino il cui tiro da fuori area, frutto di una bella triangolazione che ha coinvolto tutti i terminali offensivi della squadra di Meloni, termina la sua corsa alla destra della porta difesa da Campana. Poco dopo l’ora di gioco si ripete il duello tra Ollio e Campana, che vede come esito lo stesso di qualche minuto prima: l’estremo difensore dell’Olmo sventa l’occasione mettendosi nuovamente in mostra con un’altra grande parata. È una delle ultime occasioni per i padroni di casa, che di lì in avanti dovranno arrendersi di fronte al dominio territoriale dell’Olmo. Al 21′ Tuninetti perde un pallone velenosissimo a ridosso dell’area di rigore, Dalmasso ne approfitta e batte Montiglio per la seconda volta. 6 minuti più tardi gli uomini di Magliano chiudono il discorso e spengono definitivamente le speranze di rimonta del Chisola grazie alla rete di Armando che, coordinandosi perfettamente, illumina il Dino Marola con una splendida semi rovesciata su cui nulla può Montiglio. Il Chisola vivrà di sporadiche fiammate che non porteranno a significative occasioni da rete per dimezzare uno svantaggio ormai troppo rotondo: l’Olmo, che nel finale avrà anche qualche occasione per dilagare con la quarta rete, conquisterà tre punti tanto importanti quanto inattesi.

 

IL TABELLINO

CHISOLA-OLMO 0-3
RETI: 8′ st Dalmasso A. (O), 21′ st Dalmasso A. (O), 27′ st Armando P. (O).
CHISOLA (4-3-3): Montiglio 6.5, Bottale 7 (16′ st Mazza 6), Pairetto 6.5, Bordone 5.5 (39′ st Viano sv), Tuninetti 6 (23′ st Degrassi 6), Russo L. 6, Ollio 7 (39′ st Granata sv), Bellino A. 6.5, Rizq 5, Zeni 7, Menon 6 (23′ st Giambertone 6). A disp. Grande, Bernardon, Berutti, Cua. All. Meloni 5.5.
OLMO (4-4-2): Campana 6.5, Bernardi 6, Costa 6.5, Magnaldi M. 6, Bottasso 7 (43′ st Biasotti sv), Nasta 7, Armando P. 6.5 (36′ st Garelli sv), Magnaldi D. 6, Penda 5.5 (36′ st Gazzera sv), Dalmasso A. 8 (23′ st Dalmasso G. 5), Angeli 6.5. A disp. Costin, Salusso, Kone, Tomatis, Karamoko. All. Magliano 7.5.
ARBITRO: Bevere di Chivasso 6.
COLLABORATORI: Curreli di Ivrea e Delaurenti di Ivrea.
AMMONITI: 29′ Ollio (C), 30′ Bottasso (O), 3′ st Nasta (O), 5′ st Menon (C), 25′ st Pairetto (C).
ESPULSI: 46′ st Mazza (C).

LE PAGELLE

CHISOLA

Montiglio 6.5 Sicuro con i piedi, avvia bene l’azione dal basso. Nel primo tempo è molto bravo nelle uscite in presa alta, nella ripresa subisce tre reti frutto di disattenzioni difensive collettive.
Bottale 7 All’esordio da titolare, è intraprendente e mostra sin da subito molto coraggio nelle proprie giocate, in fase offensiva tanto quanto in quella difensiva.
16’ st Mazza 6 Ingresso tutto sommato positivo, prova fino all’ultimo a lasciare il segno nel match giocando con grande volontà.
Pairetto 6.5 Molto bene in fase di interdizione, prova a spingersi in avanti quando ha davanti a sé porzioni di campo invitanti.
Bordone 5.5 Troppo precipitoso nelle giocate, risulta poco paziente commettendo più di qualche errore in impostazione (39’ st Viano sv)
Tuninetti 6 Ottimo in fase di copertura, protegge bene la sfera facendo valere il suo fisico. Commette un grave errore in occasione della seconda rete realizzata dall’Olmo.
23’ st Degrassi 6 Ci prova con coraggio negli ultimi venti minuti concessi, ma non trova i giusti spazi per colpire.
Russo L. 6 Presenza costante in fase di copertura, lavora bene con il fisico risolvendo alcune situazioni molto delicate.
Ollio 7 È uno dei più vivaci tra le fila del Chisola. Lavora molto bene in entrambe le fasi (39’ st Granata sv).
Bellino A. 6.5 Molto bene in fase di recupero, si vede poco quando è il Chisola ad attaccare. Risultano sempre preziose le sue giocate in mezzo al campo.
Rizq 5 Fatica ad entrare nel vivo dell’azione, si innervosisce con il passare dei minuti. Nella ripresa non riesce mai a rendersi pericoloso.
Zeni 7 si muove bene lungo la corsia di sinistra, è incontenibile quando parte palla al piede. È uno dei più propositivi nell’undici di Meloni.
Menon 6 Prova a inserirsi e a farsi vedere continuamente dai suoi compagni, con cui si scambia ripetutamente il pallone.
23’ st Giambertone 6 Prova ad entrare subito nel vivo della partita, offre qualche accelerazione ben contenuta dalla difesa dell’Olmo.
All. Meloni 5.5 Nel primo tempo subisce eccessivamente il giro palla veloce ed efficace messo in atto dall’Olmo. Nella ripresa la sua squadra sembra partire meglio, prima di sciogliersi e affondare completamente nel giro di una ventina di minuti.

OLMO

Campana 6.5 Risponde sempre presente quando viene chiamato in causa, rimanendo concentrato e reattivo per tutto il match. Si supera nel duello vinto a tu per tu con Ollio.
Bernardi 6 Prova ad avviare l’azione, anche se a volte è impreciso negli appoggi ai compagni. Meglio in fase di copertura.
Costa 6.5 Si spinge poco in avanti, tiene bene la posizione difensiva. Nella ripresa è visibilmente più intraprendente.
Magnaldi M. 6 Attento e preciso in fase di interdizione, prova talvolta a spingersi in avanti in cerca di gloria personale.
Bottasso 7 È sempre reattivo, entrando in maniera pulita e corretta in scivolata sul portatore di palla avversario (43’ st Biasotti sv).
Nasta 7 Sventa la minaccia avversaria in più di un’occasione, bravo a recuperare sugli attaccanti che provavano a involarsi verso la porta avversaria. Un vero e proprio muro insieme al compagno di reparto.
Armando 6.5 Ottimi i suoi appoggi, offre sempre una comoda linea di passaggio ai suoi compagni quando questi sono in difficoltà. Splendida la sua semi rovesciata che chiude il match (36’ st Garelli sv).
Magnaldi D. 6 Inizialmente un po’ in ritardo negli interventi, con il passare dei minuti rifinisce bene in mezzo al campo ragionando con la sfera tra i propri piedi.
Penda 5.5 Lotta e combatte sin dalle prime battute del match, non riesce tuttavia a rendersi molto pericoloso. Nella ripresa migliora in quest’ultimo aspetto ma risulta meno aggressivo (36’ st Gazzera sv).
Dalmasso A. 8 Sebbene si veda poco nel corso del primo tempo, quando riceve palla fa sempre la cosa giusta. Nella ripresa si scatena trovando la doppietta in poco meno di un quarto d’ora.
23’ st Dalmasso G. 5 Sin dal suo ingresso in campo sembra spaesato e in difficoltà. Conclude debolmente verso la porta avversaria quando trova lo spazio giusto per poter colpire.
Angeli 6.5 È brillante in mezzo al campo e sempre nel vivo dell’azione in mezzo al campo, gestisce saggiamente il possesso palla ragionando insieme ai suoi compagni.
All. Magliano 7.5 Avvio di grande intraprendenza da parte della sua squadra nel corso del primo tempo. Nella ripresa i suoi uomini si scatenano giocando una grande partita e conquistando tre punti molto importanti per il morale dello spogliatoio.

ARBITRO

Bevere di Chivasso 6 Cerca di interrompere il meno possibile le azioni delle due squadre, anche se in più di una circostanza una sospensione del gioco sembrava opportuna e inevitabile. È protagonista in negativo di qualche svista e in occasione dell’espulsione rifilata a Mazza in pieno recupero.

 

LE INTERVISTE

A fine partita, l’allenatore del Chisola Marcello Meloni si è detto amareggiato per l’esito di una gara negativa nel suo complesso: «L’Olmo è stato molto più bravo di noi in fase di non possesso, non ci ha mai concesso la possibilità di renderci pericolosi in fase offensiva. È un passo indietro rispetto alle ultime uscite, in settimana dovremo riflettere molto sui nostri errori per evitare che si ripetano in futuro. Non dobbiamo fare drammi: la gara di oggi è stata uno spunto per capire quali siano le nostre problematiche e per lavorare per fare in modo di correggerle. Bottale? Ha fatto una grande partita: era all’esordio e complessivamente ha giocato bene. Deve solo migliorare dal punto di vista della comunicazione, in quanto è ancora troppo timido in campo. È un ragazzo che deve continuare nel suo percorso di crescita: dobbiamo essere bravi anche noi ad aiutarlo».

Sulla sponda biancorossa è tanta la gioia per un risultato inaspettato e maturato al termine di una prestazione molto positiva: «Questa gara ci deve lasciare la consapevolezza che anche la nostra squadra ha qualità e che se le partite vengono affrontate con la giusta attenzione si può sempre ottenere un risultato positivo – ha dichiarato l’allenatore dell’Olmo Michele Magliano – Se non hai l’intensità giusta e non sei a posto mentalmente rischi seriamente di naufragare. Come dare continuità ad una prestazione del genere? Il nostro gruppo soffre ancora troppo di qualche alto e basso. Dobbiamo essere bravi e lavorare bene durante la settimana in modo da scendere in campo sempre con la stessa aggressività. Dobbiamo prendere come riferimento il Chisola sotto tanti punti di vista: stanno portando avanti una giusta politica che valorizza i giovani: abbiamo iniziato a seguire la stessa linea anche noi dell’Olmo, anche se con risultati minori finora».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli