5 Agosto 2020 - 13:33:42

Chisola – Pinerolo coppa Eccellenza: Rizq alla Del Piero, vinovesi in finale

Le più lette

Chieri ha il suo bomber: arriva Riccardo Ravasi

Un po' si sapeva, ma l'ufficialità è sempre una notizia. Il Chieri ha il suo bomber ed è nientemeno...

Un giornale dedicato ai nostri ragazzi, quelli che non mollano mai

Andiamo in vacanza per due settimane, torneremo in edicola il 24 agosto che, malgrado l’incapacità conclamata delle istituzioni calcistiche,...

Calciomercato Trofarello: dal Chieri arriva Gervasio

Il calciomercato del Trofarello non è ancora finito e prepara ancora dei colpi di coda interessanti: arriva direttamente da...
Avatar
Daniele Moccia
Eccellenza Girone B, Under 19 Girone C

Preparate le valigie vinovesi, si va in finale: dopo l’1-0 di Pinerolo targato Gili, il Chisola di Fabio Nisticò ribalta la situazione, portando a casa un 2-0 dopo 120′ con le reti di Constantin e Rizq, che valgono il pass per la finale di coppa Eccellenza.

«È l’emozione, di una finale della Coppa dei Campioni». Così recita l’inno della Lega Nazionale Dilettanti scritto ed interpretato da Andrea Mingardi, ed è la perfetta rappresentazione dell’atmosfera a Vinovo, sia in campo che sugli spalti. Due sogni a confronto, due sogni simili ma diversi vissuti da due squadre simili ma diverse: da una parte il sogno matto, imprevedibile ed insperato del Chisola di Nisticò, partito malissimo ad inizio stagione ma completamente rianimato dopo l’arrivo in panchina dell’ex Rivoli, riuscito ad infondere la sua grinta e carica ad una formazione che rispecchia alla perfezione l’esplosività del proprio tecnico; dall’altra il sogno più posato e più cinico del Pinerolo di Rignanese, squadra quadrata e compatta con la mentalità da big, autentica certezza della categoria.

Chisola Pinerolo coppa Eccellenza Chisola
Una cavalcata da urlo per gli uomini di Nisticò, che agguantano meritatamente la finale.

Disinnescare una formazione che fa del proprio 3-5-2 un esempio di solidità e precisione è una dote per pochi, e Nisticò lo sa, perché per trovare la chiave tattica giusta volta a scardinare la formazione pinerolese si inventa un 3-4-1-2 “in movimento”, pronto a trasformarsi in 4-4-2 in determinate situazioni di maggiore difficoltà, affidando a Bellino la chiave dell’intera manovra vinovese. I trittico difensivo Tuninetti-Russo-Cristiano alza la diga dietro, con Dagasso sulla fascia destra pronto a dare una mano sia dietro che in fase offensiva; a Ba e Germinario viene affidato il cuore del centrocampo, con Ahmed largo a sinistra pronto a servire il solito Rizq e il nuovo acquisto Constantin, portato a Vinovo in gran segreto da Atzori e Pairetto nella serata di martedì. Rignanese invece si trova con gli uomini “contati”, portando in panchina 6 giocatori della Juniores per sopperire alle tante assenze raccolte nelle ultime settimane. Tonini guida la linea difensiva a 3 con Ferrero e Mozzone ai lati; solita fiducia a Chiatellino in mediana, pronto a lanciare Viretto e Barbaro verso destra e Nicolini e Maio verso sinistra; tandem d’attacco solito composto da Gili, mattatore dell’andata e Gasbarroni.

La tattica del tecnico vinovese sembra studiata ad hoc per gli avversari, che nel primo tempo vengono totalmente annichiliti dalla furia del Chisola, supportata dalla voglia di ribaltare la situazione e dalla carica dei propri tifosi sugli spalti. Infatti bastano solo 19′ ai vinovesi per riportare lo score della doppia sfida in parità, grazie alla solita sgroppata di Dagasso a destra, che salta Nicolini e crossa sul primo palo per Constantin, che calcia al volo verso Cammarota che riesce a parare, ma la sfera rotola lentamente verso l’angolino, sorprendendo l’intera difesa pinerolese risultata poco reattiva e regalando la prima gioia vinovese al nuovo acquisto ex Verbania. Il Pinerolo non reagisce: Rignanese si sbraccia dalla panchina ma i padroni di casa continuano a macinare occasioni da gol, trovando anche la rete del 2-0 con Bellino, annullata però per fuorigioco. La corsia sinistra risulta letale per gli ospiti, in totale balia delle sgroppate di Constantin e Ahmed supportati dalla tecnica di Bellino, in grado di iniziare con classe azioni pericolose e di concluderle con altrettanta qualità: a 4′ dalla fine il 10 lancia Ahmed, che crossa da sinistra per Rizq che fa la sponda per Bellino che in area calcia col destro di poco alto.

Chisola Pinerolo coppa Eccellenza Pinerolo
Secondo tempo da grande squadra per il Pine di Rignanese, ma non basta una solida prestazione per la qualificazione.


Rignanese
scende negli spogliatoi e striglia i suoi ragazzi, chiedendo una reazione che nella ripresa arriva: il Pinerolo rientra in campo con la concentrazione giusta, trainato dal talento di Gasbarroni, prendendosi sulle spalle i compagni e macinando occasioni con il passare dei minuti. Inizio col botto dopo 8′ con il colpo di tacco di Barbaro che premia il 10, ma Marcaccini salva; “Gas Gas” ci riprova al 23′ sfiorando letteralmente l’1-1 da due passi dopo il tocco di testa in area di Ferrero; nelle battute finali del secondo tempo trittico di palle gol, con la botta al volo di Viretto su cross di Gili (tiro addosso a Marcaccini, che blocca nonostante la grande potenza del tiro del laterale pinerolese), poco dopo ci riprova Gasbarroni con un destro a giro dal limite, deviato con la punta dei guantoni da Marcaccini e sul corner seguente il colpo di testa di Chiatellino largo di nulla. Il Chisola però si dimostra squadra che sa soffrire, tenendo botta alla manovra avvolgente degli ospiti e chiudendo i minuti regolamentari in vantaggio 1-0.

I supplementari sembrano iniziare sulla falsariga del secondo tempo, con il Pine che spinge e il Chisola che, ben compattato dietro, aspetta l’occasione giusta per colpire. E qui arriva il colpo di genio di Nisticò, che fa arretrare Bellino davanti alla difesa concedendo maggiori libertà alle due mezz’ali Ba e Germinario, e la mossa paga. All’8′ Constantin parte in contropiede sulla sinistra, supportato alla grande da Germinario che si fa tutto il campo per andare a supportare la ripartenza, dalla trequarti centrale allarga sulla destra per Kamal Rizq, che si aggiusta la palla per il suo mancino che, sotto la pioggia battente di Vinovo, disegna un arcobaleno biancoblù, che va ad insaccarsi all’incrocio dei pali sul secondo palo alla destra di Cammarota.

Il Pinerolo le prova tutte, ma senza mai mettere in seria difficoltà Marcaccini: i ragazzi di Nisticò tengono botta e portano a casa il posto di prima finalista di coppa Eccellenza. E ora, per tutti i vinovesi, è lecito sognare il colpo grosso.

IL TABELLINO DI CHISOLA – PINEROLO COPPA ECCELLENZA

CHISOLA – PINEROLO 2-0 d.t.s  [Andata: 0-1]
RETI: 19′ Constantin, 8′ pts Rizq.
CHISOLA (3-4-1-2): Marcaccini 6.5, Dagasso 7, Russo 6.5, Germinario 7, Ahmed 7, Ba 6.5, Rizq 8 (12′ pts Capocelli 6), Bellino 7 (5′ sts Santos sv), Cristiano 6.5, Tuninetti 6.5, Constantin 7.5 (16′ sts De Mitri sv). A disp. Benfadel, Vernero, Pairetto, Garcetti, Arkaxhiu, Granata. All. Nisticò 8. Dir. Trezza.
PINEROLO (3-5-2): Cammarota 6, Viretto 6.5, Ferrero 6, Barbaro 6.5, Mozzone 5.5, Tonini 6, Chiatellino 7, Maio 6.5 (1′ sts Mensa 6), Gili 6.5, Gasbarroni 7 (11′ pts Gallo 6), Nicolini 6. A disp. Ballario, Giay, Novo, Bert, Incarbone, Dedominici, Fiorillo. All. Rignanese 6.5. Dir. Calabrese.
AMMONIZIONI: 31′ st Tuninetti (C), 33′ st Gasbarroni (P), 8′ pts Rizq (C), 16′ pts Ferrero (P), 5′ sts Marcaccini (C).
ARBITRO: Chieppa di Biella 7.
ASSISTENTI: Savasta di Bra e Mariut di Asti.

LE INTERVISTE AGLI ALLENATORI DI CHISOLA – PINEROLO COPPA ECCELLENZA

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli