26 Febbraio 2021

Cuneo e Olmo verso la fusione: a gennaio la presentazione

Le più lette

Castellanzese-Sanremese Serie D: il gol di Vita illude i liguri, Zazzi e Colombo nella ripresa la ribaltano

Un vero e proprio mercoledì da leoni: Castellanzese-Sanremese è una sfida che ha il sapore di playoff anticipato; 4...

Speranza Agrate – Campomorone Serie C Femminile: Buttò la decide nel finale, colpo grosso per le ragazze di Brambilla

Serviva una grande prestazione ed ecco pronta la risposta della Speranza Agrate che ferma sul 2-1 il Campomorone. Una...

Torino Genoa Under 18: i granata di Franco Semioli inciampano in casa contro il Grifone

La prima ora di gioco opaca condanna i padroni di casa ad una sconfitta meritata contro un Genoa ben...

Obiettivo 2021, obiettivo riportare il Cuneo 1905 alla ribalta. Si spiega così la notizia lanciata ieri dai canali ufficiali di Olmo e Cuneo FC che hanno preannunciato una conferenza stampa che si terrà a gennaio, la quale spiegherà i tempi e le modalità della fusione tra le due società. Un matrimonio che si annusava da tempo, ma che, per un motivo o per un altro, ha sempre incontrato ostacoli tra cui proprio la contesa del marchio storico del Cuneo 1905.

Andando indietro nel tempo: il Cuneo 1905 è dichiarato fallito un anno fa, nel dicembre 2019. A inizio stagione però aveva preso vita il Cuneo FC, una società guidata da Mario Castellino legata intrinsecamente al comune, in modo tale da prevenire sul nascere futuri fallimenti. La nuova realtà biancorossa, iscrittasi in Terza Categoria, riesce a vincere, grazie alla sponsorizzazione del main sponsor Wedge Power, entrambi i round d’asta proprio contro l’Olmo e altri due privati, riconducibili comunque ad altre società del cuneese.

Alla fine dell’estate 2020, il Cuneo FC è padrone del marchio Cuneo 1905 (costato circa 37 mila euro) ed è ripescato in Seconda Categoria. Fallito l’assalto solitario al marchio dell’aquila, l’Olmo riallaccia la trattativa di un’unione di intenti con Castellino. Dopo un primo tavolo saltato, ieri la fumata bianca.

Che società sarà? I dettagli ancora sono opachi e diverranno più nitidi solamente a gennaio, quando le due società riunite organizzeranno una conferenza stampa. Nel mentre si può facilmente intuire cosa ciascuno possa portare in dote. Il Cuneo porta il “Fratelli Paschiero”, il marchio (con tutta la storia, il blasone e la tradizione che merita) e gli ottimi legami con l’amministrazione comunale. I grigio rossi portano il campo di Madonna dell’Olmo, una matricola dotata di Eccellenza, giovanili di livello e qualificata a tutti i campionati regionali, tecnici preparati e una Scuola Calcio Élite. Si va quindi profilando un polo di dimensioni e qualità rilevante che prenderà vita ufficialmente con la stagione 2020/21 che unirà strutture, forze, ma soprattutto sponsor. «Non vogliamo svelare troppe cose – nicchia Riccardo Andreis, presidente dell’Olmo –Abbiamo trovato un accordo che va a rispondere a tutte le difficoltà del momento. Dobbiamo ancora discutere un po’ di dettagli (nome, colori sociali, …)». Appuntamento quindi a gennaio per capire le modalità con cui Olmo e Cuneo faranno tornare a volare quell’aquila tristemente caduta due anni fa.

Benedetto Bonfatti – Daniele Moccia

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli