12 Maggio 2021

Eccellenza A, seconda giornata: RG Ticino, molto più che una semplice favorita

Le più lette

A.S.D. Academy Pozzo d’Adda: l’ambizione della giovane società si tinge di rosa, tra progetti e traguardi

«Il calcio femminile è il futuro»: un grido che proviene forte e chiaro dalla A.S.D. Academy Pozzo d'Adda, nata...

PDHAE-Gozzano Serie D: Jeantet e Sterrantino tengono viva la fiamma valdostana

Una partita di alta classifica, una partita di alto livello. Il Pdhae non va oltre il pareggio in casa...

Juventus-Virtus Entella Under 17: tripletta stratosferica di Turco, e i bianconeri volano

La Juventus vince, in casa, contro la Virtus Entella con il risultato di 4-0. I bianconeri hanno concesso pochissimo...

A vedere i risultati delle prime due giornate si potrebbe pensare di essere stati addirittura stretti con i pronostici. Si era ipotizzato un campionato con l’RG Ticino favorito, ma con altre quattro o cinque squadre candidate a giocarsi il ruolo di antagonista principale. Ad oggi però, l’impressione è quella che nessuno possa davvero impensierire la squadra di Costanzo Celestini. Il 7-0 all’Oleggio segue lo 0-4 rifilato al Lucento in trasferta, sono undici reti fatte in due gare e zero subite, numeri che nessuno ha dalla sua e che in mano a quella che era già super favorita lascia davvero poche speranze agli altri. Dominio totale, cha va dalla classifica squadre a quella marcatori, con Bugno già a cinque reti e Scienza a tre, dove solo Pinelli del Borgovercelli riesce a tenere il ritmo. Avanti di questo passo il rischio è vedere un torneo che potrebbe aver poco da dire tra poche gare, questo vedendo anche gli avversari e le comprensibili difficoltà che stanno trovando già nelle prime partite. Dando un occhio alla classifica salta all’occhio la posizione della Pro Eureka, si appaiata al Ticino ma con davvero poche possibilità di continuare questo tipo di cammino in vetta. Tosoni sta facendo un gran lavoro e la vittoria contro La Biellese arriva di certo a sorpresa, ma con un nome non del tutto sorprendente, il 2004 Capriolo che era annunciato come un interessantissimo esordiente, la conferma delle aspettative non ha tardato ad arrivare. Un gol che mina la credibilità di una delle squadre costruite per vincere, ma che da inizio anno ha avuto troppi alti e bassi e in questo breve torneo i passi falsi si pagano ancora più cari. Unica nota davvero positiva per Rizza sembra essere la conferma a buoni livelli per Kambo e Bonura, ma la difesa ha i suoi problemi avendo sofferto più del dovuto contro l’ottimo Pititto.

Anche il Borgovercelli dimostra di non essere una macchina invincibile, contro il Borgaro partito con una sconfitta arriva un pari che non fa bene ad entrambe. Il Borgovercelli perde terreno dalla testa (unico vero obiettivo) mentre il Borgaro, con un solo punto in due partite e il Tcino all’orizzonte nella prossima gara vede un cammino in netta salita. Cacciatore avrà anche i suoi problemi in difesa, assente Bensassi e anche il capitano Fontana che ha rimediato un rosso nell’ultimo incontro in trasferta. Borgovercelli che resta quindi insieme all’Aygreville le due candidate più credibili ad iinsidiare il primo posto, ma con le speranze ridotte all’osso. Pinelli trascina la squadra di Moretto a suon di gol, mentre Pasteris si affida alla forza del gruppo, quella che gli ha permesso di trovare il gol del pareggio ai danni della Dufour Varallo allo scadere. Ma anche i valdostani non possono ritenersi un insidia tanto grande per il Ticino, dopo la vittoria contro il Borgaro ci si aspettava una prestazione decisa e convincente per aumentare la credibilità, questo non è avvenuto perché l’Aygreville è una squadra in crescita e di ottima prospettiva, ma non ancora in grado di essere al livello di questo Ticino, la prossima gara contro La Biellese dirà chi delle due tenterà la corsa verso l’alto. Segnali positivi che invece arrivano alla prima partita giocata dal Trino, pur senza buona parte dei nuovi acquisti arriva la vittoria per Gioia in casa dell’Atletico Torino. Bissacco si conferma certezza assoluta, aspettando giocatori come Cabrini e Brugnera vedremo quanto Trino potrà essere una tappa più o meno dura da affrontare nel cammino verso il successo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli