14 Aprile 2021

Eccellenza, i dubbi di De Bellis (Corneliano Roero) sulla ripresa: «Siamo ancora in forse, aspettiamo il 10 marzo prima di decidere»

Le più lette

Varesina-Gavirate Eccellenza: Spilli non stecca all’esordio, Kate ed Allodi consegnano i primi 3 punti ai rossoblù

Esordio positivo, come da pronostico, per la Varesina di Marco Spilli, che inizia con una vittoria il suo percorso...

Torino-Monza Under 15: svetta Beretta e la decide. La fisicità dei brianzoli ha la meglio

Sul sintetico del BSR Grugliasco il Torino di Christian Fioratti torna in campo dopo oltre un mese per un...

Albinoleffe-Verona Under 15: Ronzoni su rigore risponde a Ogomegbunam, la risolve Cestelli

È amichevole, ma è sembrata una partita vera quella tra l’Albinoleffe e il Verona, con le due squadre che...

Indecisione rossoblù. Nonostante le parole di Gravina, che nella giornata di venerdì 5 marzo ha annunciato la ripresa del campionato di Eccellenza, ci sono ancora diversi presidenti che non sanno se riprendere l’attività sportiva, e quindi scendere in campo tra aprile e maggio, oppure no. Tra questi troviamo il presidente del Corneliano Roero, Gianni De Bellis, che ha deciso di aspettare fino al 10 marzo, giorno in cui si riunirà il Consiglio Direttivo della Lega Nazionali Dilettanti, prima di rendere pubblica la sua posizione.

«Non posso permettermi di dire “Io non riprendo” – ha spiegato il numero uno rossoblù – Ad ora, secondo il mio modesto parere, non ci sono le condizioni per ricominciare, però non voglio andare contro nessuno. Abbiamo deciso di aspettare e vedere come si evolve la situazione: dai tamponi al protocollo che dovremo utilizzare passando per il format del nuovo torneo. Se ci mettono nelle condizioni di giocare, perché non dovremmo farlo?»

De Bellis, in linea con gli altri suoi colleghi, sostiene che i tamponi dovrà pagarli la Lega Nazionale Dilettanti, perché «una società dilettantistica di Eccellenza non può permettersi di pagare determinate cifre. Noi siamo tutti lavoratori e volontari, nessuno può permettersi di pagare un tampone ogni settimana. Quando verranno prese tutte queste decisioni, noi decideremo se scendere in campo oppure no. Adesso, ripeto, è troppo presto per dire che il Corneliano Roero non vuole riprendere».

In attesa di capire come si evolverà la situazione “Eccellenza”, troviamo vicine al pensiero di De Bellis anche società come Lucento e Vanchiglia. Per le torinesi il ritorno in campo dipenderà, appunto, da come si svilupperà la questione tamponi: se la Federazione o la Lega dovessero pagare i test molecolari alle società, il ritorno in campo potrebbe essere più vicino del previsto.

In edicola troverete altre 3 pagine dedicate alla ripresa dell’Eccellenza


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0